L’efficienza energetica di HERAmbiente ora è certificata

Gruppo Hera ha ottenuto una nuova certificazione, la sua 9°. Si tratta della ISO 50001, che tocca il campo dell’efficienza energetica, ottenuta da HERAmbiente, società del Gruppo e 1° operatore nazionale nel trattamento e recupero di rifiuti urbani e industriali. La nuova certificazione riguarda l’implementazione di un sistema di gestione dell’energia (SGE) su tutti i novanta impianti gestiti dall’azienda. Un importante impegno sul versante della sostenibilità. La sostenibilità rappresenta una delle leve principali per il Gruppo, che da tempo è impegnato a incrementare l’efficienza energetica delle proprie attività.

La norma ISO 50001 rilasciata da Bureau Veritas

La norma ISO 50001 è lo standard internazionale che fornisce i requisiti per implementare, mantenere e far progredire nel tempo un sistema finalizzato a migliorare l’efficienza energetica di un’organizzazione. La conformità è stata rilasciata da Bureau Veritas, tra le maggiori realtà mondiali nei servizi di ispezione, verifica di conformità e certificazione. La richiesta di certificazione ha un’adesione volontaria e viene rilasciata da parte di un organismo accreditato, terzo e indipendente come Bureau Veritas. 

Il nuovo sistema di gestione dell’energia di HERAmbiente

Un sistema di gestione dell’energia è fondamentale per una realtà come HERAmbiente poiché favorisce il miglioramento delle performance ambientali. Così il gruppo garantisce, tramite un approccio di tipo sistemico, di ottimizzare la propria prestazione ambientale.

L’ottimizzazione avviene attraverso:

  • l’uso più razionale dell’energia
  • l’adozione di misure per ridurre e controllare il consumo, verificare il risparmio e pianificare continui interventi migliorativi 
L’attenzione al sistema impiantistico per il trattamento dei rifiuti

Una modalità di gestione particolarmente rivolta al sistema impiantistico per il trattamento dei rifiuti di HERAmbiente: strutture tecnologicamente avanzate per le quali, pure se in buona parte in grado di autoalimentarsi, è fondamentale l’attuazione di un sistema di ottimizzazione energetica. L’efficientamento energetico, inoltre, è un elemento fondamentale al raggiungimento degli obiettivi europei, sempre più stringenti, di decarbonizzazione.

 

Se vuoi rimanere aggiornato sulle iniziative, attività e news di settore, iscriviti ora alla newsletter di Servizi a Rete


Leggi anche

ricavi

Il gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano presenta il bilancio 2020: gli investimenti hanno permesso di sostenere territorio e stakeholder nell’affrontare l’emergenza pandemica e puntare su progetti di economia circolare conferendo all’azienda il ruolo strategico di solution provider. Obiettivo: lanciare un vero e proprio “Green New Deal” sul territorio. EBITDA a quota 86,14 milioni. …

Leggi tutto…

Con la Legge di Bilancio 2021 viene confermato il Bonus pubblicità anche per i prossimi due anni. Attraverso il credito di imposta si potrà recuperare il 50% di quanto investito in campagne pubblicitarie su quotidiani e riviste, anche online.
Prenota entro il 31 marzo la tua pianificazione per usufruire del credito d’imposta….

Leggi tutto…

È quanto prevede il nuovo piano industriale 2021-2030 Life is our Duty, focalizzato sull’economia circolare e sulla transizione energetica, con investimenti, rispettivamente, per 6 e 10 miliardi di euro, per contribuire al conseguimento degli obiettivi di sostenibilità dell’ONU e al rilancio economico del Paese. Tra i target, ridurre del 20% delle perdite idriche, portare la capacità installata di rinnovabili a 5,7 GW, e recuperare ulteriori 4,4 milioni di tonnellate di rifiuti …

Leggi tutto…

Il nuovo documento, che delinea le strategie di crescita della multiutility per il periodo 2021-2024, mette al centro sostenibilità, innovazione e digitalizzazione. Per quanto riguarda la ripartizione delle risorse, al ciclo idrico sono destinati 46 milioni, mentre al settore ambientale ne andranno complessivamente 37. Notevoli gli investimenti anche nel comparto energia, con 30 milioni destinati alla distribuzione gas e ben 50 al comparto elettrico…

Leggi tutto…

Il piano messo a punto per il rilancio dell’Italia presentato da Utilitalia nel corso di un’audizione alla Camera contribuirebbe ad un incremento dell’1,48% del PIL e alla creazione di 285.000 nuovi posti di lavoro. La quota maggiore degli investimenti andrebbe al ciclo idrico, con progetti per 14 miliardi, seguito da quello energetico, circa 7 miliardi, e da quello ambientale, con circa 4 miliardi….

Leggi tutto…