Legambiente chiede il decreto sul biometano


Non sprecare le opportunità offerte dal biometano, in termini ambientali, di salute e di posti di lavoro. È l’appello lanciato nel corso del convegno organizzato da Legambiente e svoltosi a Bologna, con il patrocinio di Regione Emilia Romagna, dal titolo “La nuova frontiera del biometano”, dove tecnici, istituzioni e imprese si sono ritrovati per fare il punto della situazione sul settore.
Il biogas “fatto bene”, prodotto nel rispetto della biodiversità e dell’uso dei suoli agricoli, può rivestire infatti un ruolo determinante nella strategia energetica nazionale e sul fronte della lotta al mutamento climatico. Inoltre è una grande opportunità per rendere più sostenibile il consumo di energia domestica e industriale e del sistema dei trasporti, per ridurre l’inquinamento atmosferico e migliorare la gestione dei rifiuti, senza contare i benefici per quanto riguarda la creazione di nuovi posti di lavoro.
«Per centrare in pieno questi obiettivi è necessario però completare definitivamente il quadro normativo che ancora oggi vieta l’immissione del biometano in rete, pratica utilizzata invece da molti anni in diversi paesi europei – ha commentato il direttore di Legambiente Stefano Ciafani -. La speranza è che il nuovo decreto interministeriale per l’utilizzo del biometano e dei biocarburanti, attualmente in consultazione pubblica, venga velocemente pubblicato».
L’associazione ambientalista è tra i sostenitori e sottoscrittori della Piattaforma Biometano, promossa dal Consorzio Italiano Biogas (CIB) che ha come obiettivo permettere il pieno sfruttamento del suo potenziale che al 2030 potrebbe raggiungere gli 8,5 miliardi di metri cubi prodotti (di cui 0,5 da rifiuti – escluso quello proveniente da discarica, difficile da stimare – e il resto da agricoltura).
Attualmente il nostro Paese è il secondo produttore europeo e il quarto a livello mondiale di biogas: vanta 1.200 impianti nelle aziende agricole, investimenti per 4,5 miliardi di euro e una produzione di 2,5 miliardi di “normal metri cubi” di biometano. Un comparto che, nonostante ancora tutte le carenze normative, ha già creato 12.000 posti di lavoro.
Sulla stessa lunghezza d’onda, Agostino Re Rebaudengo, presidente di AssoRinnovabili, che ha sottolineato come «lo sviluppo del biometano avrà forti sinergie con due asset fondamentali dell’Italia in tema di politiche energetiche: la rete nazionale del gas naturale, una delle più capillari ed estese d’Europa, in cui potrebbe essere immesso; e il parco auto a metano, di gran lunga il più importante d’Europa». Parco che oggi conta poco meno di un milione di veicoli tra autobus, autocarri per trasporto merci, autoveicoli e autovetture, trattori stradali e motrici e che, grazie al biometano, potrebbe svilupparsi ulteriormente.


Leggi anche

L’evento ha riunito le testimonianze delle istituzioni, tra cui Regione Lombardia, e dei più importanti player del settore per ragionare sul ruolo dei termovalorizzatori nello sviluppo delle politiche ambientali dei nostri territori. Partendo dalla Biopiattaforma di Sesto San Giovanni…

Leggi tutto…

Proseguono le iniziative dell’innovativa piattaforma di ricerca per la gestione del sistema idrico integrato. Gruppo CAP riunisce tutti i più importanti attori dell’innovazione, della ricerca e dello sviluppo del settore per pianificare i prossimi passi. Networking e approccio multidisciplinare per 8 aziende nel settore, 1 istituto di ricerca, 2 università lombarde. Living lab per la sperimentazione, gli impianti di depurazione di San Giuliano Est, San Giuliano Ovest e di Bresso Niguarda….

Leggi tutto…

La multiutility ha siglato un contratto preliminare con Entsorga Fin per acquisire la sua controllata che gestisce un impianto di compostaggio e di digestione aerobica a Santhià, in provincia di Vercelli. Il sito può trattare 26.000 tonnellate annue di forsu, ma è già autorizzato a incrementare la sua capacità fino a 50.000 tonnellate, producendo 2,6 milioni di mc di biometano all’anno…

Leggi tutto…

Il gas 100% green prodotto dalla multiutility piemontese sarà immesso nella rete di distribuzione gas del comune di Pinerolo. Si tratta di biogas che l’azienda, pioniera del settore, produce nel suo Polo ecologico dal trattamento anaerobico della parte organica dei rifiuti urbani. Entro marzo 2020, inoltre, sarà pronto un secondo impianto, sempre realizzato in collaborazione con Hysytech Srl…

Leggi tutto…

Le due società, tra i principali operatori della distribuzione gas in Italia e Francia, hanno siglato una partnership per lo scambio di esperienze nella gestione delle reti. Diversi i temi sui quali collaboreranno, dallo sviluppo e digitalizzazione delle infrastrutture alla sicurezza, dal potenziamento del biometano alla ricerca sulle tecnologie power-to-gas, dall’iniezione di idrogeno nelle reti alla mobilità sostenibile a metano/biometano.

Leggi tutto…