Legge Europea 2018: eliminata la proroga degli incentivi per le biomasse

Brutte notizie per il teleriscaldamento a biomasse. È stata infatti confermata l’abrogazione delle misure introdotte dalla legge di stabilità 2016, che estendevano il periodo di incentivazione per gli impianti di produzione di energia elettrica alimentati a biomasse, biogas e bioliquidi. La cancellazione delle disposizioni è contenuta nella “legge europea 2018”, ovvero la legge 3 maggio 2019 numero 37, che all’articolo 21 abroga i commi 149, 150 e 151 della legge di stabilità 2016 (legge 208/2015), con la quale ad alcuni impianti, cessati o in via di cessazione, era stata data la possibilità di beneficiare di ulteriori nuovi incentivi rispetto a quelli già erogati dalla vecchia disciplina a sostegno delle fonti energetiche rinnovabili.

Alla base della scelta c’era la volontà di eliminare un incentivo eccessivamente generoso verso gli impianti alimentati a biomassa poco virtuosi, ad esempio le grandi centrali che producono esclusivamente energia elettrica bruciando biomassa legnosa importata dall’estero. Il problema, però, è la natura non selettiva del nuovo provvedimento che colpisce in modo indistinto l’intero settore, anche le esperienze più virtuose, come la cogenerazione abbinata al teleriscaldamento, che sostengono la vita e l’economia dei nostri territori di montagna. Non a caso la Fiper, Federazione italiana produttori di energia rinnovabile, ha parlato del provvedimento come di «un altro colpo per l’economia di montagna».

Del resto Fiper, per bocca del suo presidente, Walter Righini, già lo scorso marzo, dopo l’approvazione della legge alla Camera dei Deputati, aveva criticato vigorosamente questa mancata differenziazione, facendo notare proprio come «per il Governo non c’è differenza tra i grandi impianti di sola produzione elettrica che acquisiscono biomassa con le navi e i piccoli impianti co-generativi abbinati a reti di teleriscaldamento a biomassa, che si approvvigionano di biomassa legnosa proveniente dalla manutenzione dei boschi circostanti nelle aree alpine e appenniniche del Bel Paese».


Leggi anche

L’ente ha stanziato 135.000 euro per i lavori di estensione della rete, alimentata con fonte geotermica, a servizio del comune della provincia di Grosseto. Le opere programmate da Amiata Energia permetteranno di collegare all’infrastruttura l’area del centro storico Terziere di Castello. Il nuovo finanziamento si aggiunge a quello che l’Autorità Idrica aveva stanziato lo scorso anno, per un totale di 300.000 euro, e al milione proveniente dai fondi geotermici regionali…

Leggi tutto…

Proseguono i Lavori di GES per estendere il servizio a tutto il territorio del comune dell’Amiata. L’opera, suddivisa in tre lotti, ha un costo di 8 milioni di euro: permetterà di collegare alla rete circa 1100 utenze, per una volumetria di un milione di metri cubi e una popolazione di oltre 4000 abitanti, fornendo energia pulita per il riscaldamento e l’acqua calda sanitaria …

Leggi tutto…

Il primo sistema è entrato in funzione nel giugno del 1939, fornendo calore, acqua calda e vapore al campus medico Vytautas Magnus University di Kaunas. Da allora il settore è stato in costante crescita, ed è diventato sempre più green grazie allo sfruttamento delle biomasse locali, tanto che oggi il teleriscaldamento arriva in 700.000 abitazioni, coprendo circa il 50% della domanda di calore…

Leggi tutto…

La riproduzione di una torre di raffreddamento in scala realizzata in acciaio dall’artista Ennio Zucchelli è la nuova opera che arricchisce il Museo geotermico di Larderello, a Pomarance, in provincia di Pisa. Con il suo lavoro l’artista ha voluto rendere omaggio a una tecnologia amica della natura dalla quale i sei comuni geotermici toscani ottengono il calore per le loro abitazioni …

Leggi tutto…

Sarà terminato a novembre l’impianto solare a supporto della rete di teleriscaldamento che la danese Arcon-Sunmark sta realizzando a Bernburg, in Sassonia, per conto di Stadtwerke Bernburg. Con i suoi 632 collettori e una produzione annua di 2,3 MW sarà il secondo più grande del Paese, dietro quello che la società danese sta realizzando a Ludwigsburg, nel Baden-Württemberg …

Leggi tutto…