Legge Europea 2018: eliminata la proroga degli incentivi per le biomasse

Brutte notizie per il teleriscaldamento a biomasse. È stata infatti confermata l’abrogazione delle misure introdotte dalla legge di stabilità 2016, che estendevano il periodo di incentivazione per gli impianti di produzione di energia elettrica alimentati a biomasse, biogas e bioliquidi. La cancellazione delle disposizioni è contenuta nella “legge europea 2018”, ovvero la legge 3 maggio 2019 numero 37, che all’articolo 21 abroga i commi 149, 150 e 151 della legge di stabilità 2016 (legge 208/2015), con la quale ad alcuni impianti, cessati o in via di cessazione, era stata data la possibilità di beneficiare di ulteriori nuovi incentivi rispetto a quelli già erogati dalla vecchia disciplina a sostegno delle fonti energetiche rinnovabili.

Alla base della scelta c’era la volontà di eliminare un incentivo eccessivamente generoso verso gli impianti alimentati a biomassa poco virtuosi, ad esempio le grandi centrali che producono esclusivamente energia elettrica bruciando biomassa legnosa importata dall’estero. Il problema, però, è la natura non selettiva del nuovo provvedimento che colpisce in modo indistinto l’intero settore, anche le esperienze più virtuose, come la cogenerazione abbinata al teleriscaldamento, che sostengono la vita e l’economia dei nostri territori di montagna. Non a caso la Fiper, Federazione italiana produttori di energia rinnovabile, ha parlato del provvedimento come di «un altro colpo per l’economia di montagna».

Del resto Fiper, per bocca del suo presidente, Walter Righini, già lo scorso marzo, dopo l’approvazione della legge alla Camera dei Deputati, aveva criticato vigorosamente questa mancata differenziazione, facendo notare proprio come «per il Governo non c’è differenza tra i grandi impianti di sola produzione elettrica che acquisiscono biomassa con le navi e i piccoli impianti co-generativi abbinati a reti di teleriscaldamento a biomassa, che si approvvigionano di biomassa legnosa proveniente dalla manutenzione dei boschi circostanti nelle aree alpine e appenniniche del Bel Paese».


Leggi anche

Iren

Iren Energia ha concluso l’acquisizione del ramo d’azienda di Sei Energia che riguarda i sistemi di teleriscaldamento di Collegno, Rivoli e del 49% del capitale azionario di Nove, che gestisce il servizio a Grugliasco. Un’operazione strategica, del valore di 24,4 milioni di euro, che consentirà alla società di estendere la rete integrandola con quella già esistente a servizio dell’area della Città metropolitana di Torino …

Leggi tutto…

Centrale Lamarmora

La prossima stagione termica a Brescia sarà ancora più green. La multiutility ha deciso di eliminare l’utilizzo di carbone nella centrale Lamarmora, che rappresenta la seconda fonte di generazione di calore per la rete di teleriscaldamento cittadino, contribuendo al 30% del fabbisogno. Una scelta che segna una decisa accelerata sul programma di decarbonizzazione annunciato da A2A…

Leggi tutto…

Il sistema sviluppato e gestito da Hera ha appena ottenuto la certificazione Carbon Footprint rilasciata da Sgs per il suo basso impatto ambientale. Alimentato per il 90% con energia termica da fonte geotermica e con il recupero di calore del termovalorizzatore cittadino, il sistema, come rilevato da uno studio condotto da Ergo, emette solo 122 g di CO2 per ogni kWh termico immesso in rete…

Leggi tutto…

CogenInfra, attivo nel teleriscaldamento e nei servizi di efficienza energetica, entra nel capitale azionario della società che gestisce il teleriscaldamento a Tirano, Sondalo e Santa Caterina Valfurva, in provincia di Sondrio. Un’operazione che permette a Tcvvv di ampliare le sue prospettive industriali, rafforzandosi sul territorio e puntando sull’offerta di nuovi servizi…

Leggi tutto…

Alperia, l’utility energetica dell’Alto Adige, ha presentato il progetto per il nuovo impianto a servizio della rete di distribuzione del calore della cittadina della provincia di Bolzano. La centrale sarà alimentata a biomasse e sarà dotata di un generatore della potenza di 8 MW, in grado di produrre 27 GWh di energia termica ogni anno, sufficienti a scaldare circa 2500 appartamenti, evitando l’emissione in atmosfera di 5500 tonnellate di CO2 annue…

Leggi tutto…