L’impegno di GORI per il disinquinamento del fiume Sarno

Il risanamento del bacino idrografico del fiume Sarno

Il risanamento del bacino idrografico del fiume Sarno è da tempo una delle priorità di GORI. Un impegno che il gestore idrico del distretto Sarnese Vesuviano sta portando avanti con Regione Campania e l’Ente Idrico Campano. Impegno che si manifesta nel fitto programma di interventi messo a punto per superare l’emergenza ambientale che interessa il corso d’acqua e i suoi affluenti. In questo scenario si inserisce il bando di gara, appena pubblicato dalla società, per il completamento della rete fognaria a servizio di Boscoreale. Un’opera, della quale Gori è soggetto attuatore, che consentirà di collettare i reflui del centro della cittadina del napoletano al depuratore di Foce Sarno.

Finanziata con 6,8 milioni di euro dalla Regione, l’opera si aggiunge ai lavori che il gestore sta realizzando in località Passanti, completando così lo schema fognario comunale.

 

Appena approvate altre due nuove opere

Entrambi gli interventi si inseriscono nel protocollo d’intesa siglato tra Gori, Regione ed Ente idrico proprio a tutela del fiume Sarno.

Protocollo nel quale rientrano atri due importanti lavori appena approvati:

  1. Adeguamento del depuratore di Scafati, per un investimento di 400.000 euro. In questo caso i lavori prevedono diversi interventi di manutenzione straordinaria per l’adeguamento dei sollevamenti iniziale e secondario a servizio dell’impianto.
  2. Risanamento del sistema di collettori a servizio del Comprensorio Depurativo che comprende i comuni di Angri, Pagani, Nocera Inferiore, San Marzano sul Sarno, Sant’Egidio del Monte Albino. Il progetto, del valore di 2.000.000 di euro, prevede il risanamento e la messa in esercizio del sistema di collettori comprensoriali a servizio delle reti fognarie dei cinque comuni.

 

Il commento del presidente di Gori, Sabino De Blasi

«Gori è al lavoro per realizzare sui territori una serie di opere strategiche per il disinquinamento del fiume Sarno e dell’intero golfo di Napoli, grazie anche alla proficua sinergia con Regione Campania ed Ente Idrico Campano. Intendiamo proseguire questa nostra attività nel pieno rispetto dei cronoprogrammi, mettendo in campo tutti gli sforzi necessari e interloquendo costantemente con le amministrazioni comunali, al fine di portare avanti un dialogo costruttivo, fatto di progettualità condivise e obiettivi raggiunti».

 

Risanamento da completare per il 2024

Le nuove opere seguono quelle già realizzate, che lo scorso anno hanno permesso di collettare i reflui di circa 150.000 abitanti agli impianti di depurazione di Foce Sarno e Scafati. Un percorso che va avanti a tappe forzate, con l’obiettivo di restituire il fiume Sarno al suo antico splendore entro il 2024.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività

 


Leggi anche

AqA – nata il primo aprile del 2021 dalla fusione di Tea Acque e AqA Mantova, è il nuovo gestore del servizio idrico integrato di oltre 300mila abitanti in 40 comuni della provincia di Mantova. Una società giovane, con radici solide, che vede nel 2022 la realizzazione di numerosi progetti nati negli scorsi anni, con la vocazione, fortissima, all’efficienza ambientale e all’efficienza operativa….

Leggi tutto…

AqA dal primo aprile di quest’anno è il nuovo gestore del servizio idrico integrato di oltre 300mila abitanti in 40 comuni della provincia di Mantova. La Società del Gruppo Tea nasce dalla fusione di Tea Acque e AqA Mantova. È un progetto che parte da lontano in cui la fusione tra le due anime idriche di Tea ha l’obiettivo di ottimizzare l’organizzazione del servizio in sé, ma anche di compiere un lungo passo in avanti nella direzione del gestore unico provinciale, di cui AqA è società veicolo come definito dagli enti competenti….

Leggi tutto…

Sarà realizzato con la tecnologia del microtunnelling il primo tratto del nuovo collettore fognario che il gestore realizzerà nella città e che consentirà di collegare un pezzo del centro storico ancora privo del servizio fognario al depuratore. La prima parte dei lavori prevede la posa di 500 metri di condotte, per una spesa di 2,5 milioni di euro…

Leggi tutto…

Il gestore idrico lucano, dopo aver concluso all’inizio dell’anno l’ammodernamento dell’impianto Pantano, ha dato il via al potenziamento del secondo impianto a servizio della città dei Sassi, che sorge in località Sarra. Il depuratore sarà dotato di impianto a ossidazione biologica e sarà adeguata sia la linea acque sia quella fanghi e la sua capacità portata a 27.500 abitanti. L’investimento per le opere è di 2,5 milioni di euro…

Leggi tutto…

L’intervento di abbattimento è l’atto simbolico che dà il via alla transizione ecologica del vecchio impianto, che verrà sostituito da quello totalmente carbon neutral e di nuova concezione che entrerà in funzione nella primavera del 2023. L’intera operazione è stata realizzata da Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano e da ZEROC, la nuova società che gestirà le attività della Biopiattaforma…

Leggi tutto…