L’Italia può diventare leader nell’idrogeno. Parola di Marco Alverà

L’Italia può diventare leader nel settore idrogeno, creando una sua filiera ed esportando le proprie tecnologie nel mondo. Ne è convinto Marco Alverà, amministratore delegato di Snam, che nella sua audizione alla Commissione attività produttive della Camera dei deputati, nell’ambito dell’indagine conoscitiva sulle prospettive di attuazione e di adeguamento della Strategia energetica nazionale al Piano nazionale energia e clima per il 2030, ha sottolineato il potenziale del nostro Paese nel campo dell’idrogeno, elemento chiave del futuro energetico.

Settore nel quale, ha ricordato il manager, «Snam ha aperto la strada nell’aprile scorso iniziando a sperimentare l’immissione di una quota del 5% di idrogeno nella rete di trasporto gas in Campania, mentre a ottobre organizzeremo a Roma un convegno internazionale sul tema».

Nel corso dell’audizione Alverà ha sottolineato come il gestore della rete di trasporto gas punti a consolidare il ruolo di leader nella transizione energetica. «L’idea è mettere nella nostra rete gas nuovo, gas prodotto da rifiuti, fatto dall’idrogeno, che si può già mischiare con il metano».

Tornando all’idrogeno, l’amministratore delegato ha anticipato che Snam intende proseguire il percorso avviato e che il prossimo passo sarà «aumentare gradualmente la percentuale di idrogeno immesso in rete». Ma non solo. L’idrogeno immesso nella rete del metano a Contursi Terme, in provincia di Salerno, «era prodotto in modo chimico, lo step successivo è produrlo da fonti eoliche o fotovoltaiche – ha aggiunto. Un progetto molto ambizioso che stiamo promuovendo a livello europeo».

Quanto alle potenzialità della Penisola nel comparto, il numero uno di Snam è molto ottimista. La gara all’idrogeno «sta partendo in questo momento per tutti i Paesi, non ce n’è uno che stia davanti, a parte il Giappone che storicamente ha investito di più – ha spiegato. Ma con l’eccezione di quest’ultimo, l’Italia può giocarsela, in quanto abbiamo eccellenze e tecnologie, dobbiamo creare filiere, fare ricerca ed essere noi a esportare tecnologie, evitando l’errore fatto nel primo giro di rinnovabili, con tutto il know how che è andato in Cina».


Leggi anche

Il principale operatore italiano della distribuzione gas si è aggiudicato la gara per la concessione del servizio per 12 anni nel comune salernitano. Decisiva per l’assegnazione della gara l’offerta presentata da Italgas: prevede investimenti per 4 milioni di euro per estendere la rete, che attualmente si sviluppa per 40 chilometri servendo 1300 utenze, e altri investimenti per la sua digitalizzazione …

Leggi tutto…

Secondo indiscrezioni, Italgas avrebbe avanzato un’offerta per rilevare le infrastrutture dell’azienda campana, che detiene ottantadue concessioni per la distribuzione gas nel Mezzogiorno. La società non naviga in buone acque: lo scorso luglio è stata ammessa al concordato preventivo e la cessione degli asset ne eviterebbe il fallimento. Per Italgas l’operazione significherebbe il raggiungimento del target dei 250.000 nuovi punti di riconsegna …

Leggi tutto…

La società ha acquisito da Sienergas Distribuzione il ramo d’azienda relativo alle attività di distribuzione del gas naturale nel comune di Cannara, in provincia di Perugia. Rafforza così la presenza nell’Ambito Perugia 2 Sud Est, dove già opera in 12 comuni. Intanto il titolo Italgas è stato incluso, per la prima volta, nel Dow Jones Sustainability Index World, l’indice che valuta le prestazioni di sostenibilità delle maggiori imprese al mondo…

Leggi tutto…

Secondo indiscrezioni, il gestore della rete di trasporto nazionale sarebbe intenzionato a rilevare dalla società energetica americana Energy Transfer il 33% della Rover pipeline. Un gasdotto che si estende per oltre 1100 chilometri, con una capacità di 92 milioni di metri cubi al giorno, raggiungendo l’Ohio, il Michigan e la regione canadese dell’Ontario…

Leggi tutto…

La società che gestisce la distribuzione gas in quindici comuni siciliani metanizzerà anche il comune in provincia di Messina. Il progetto esecutivo approvato dall’amministrazione comunale prevede la realizzazione della rete di adduzione, proveniente dal territorio limitrofo di San Mauro Castelverde, e della rete di distribuzione per una spesa di 13,4 milioni di euro …

Leggi tutto…