L’Oro Liquido di Milano – Rassegna dei primi canali storici d’Europa realizzati da Milano prima del Cinquecento

Milano, 22 novembre 2018
Auditorium “Claudio De Albertis”, Assimpredil Ance, via San Maurilio 21, 9,30/17,30

Programma e Iscrizioni

 

Navigli, Canali, Rogge citati, rilevati e osservati da Leonardo da Vinci durante la sua prima permanenza a Milano (1482-1499).

Al convegno gli esperti di storia dei Navigli indicati nel Programma e i Consorzi Est Ticino Villoresi, Muzza, Est Sesia che gestiscono questo patrimonio di opere d’arte idraulica, presenteranno la documentazione sulle origini e l’evoluzione dei Navigli, Canali e Rogge tra i più significativi dei territori lodigiano, milanese e novarese realizzati in passato dal Comune, dalla Signoria e dal Ducato di Milano.

Una rassegna dimostrativa dell’impegno della Soprintendenza ai Beni Culturali nel considerare i Navigli opere monumentali.

I Navigli sono una risorsa per Milano e per il suo territorio e la loro caratteristica di essere canali plurifunzionali (canali di irrigazione, di navigazione e di produzione di energia) li rende modernissimi ed essenziali per il miglioramento dell’ambiente e come esempio di pluriuso delle acque.

Riconoscere il valore culturale della Cerchia dei Navigli, del Naviglio di via Vallone e del Naviglio della Martesana significa rigenerare il patrimonio dei Navigli di Milano e significa anche re identificare la città che per prima in Europa ha trasformato un fossato difensivo in un canale mercantile.  

In poche parole la riapertura dei Navigli significa incontrare il futuro.

Il convegno ha il marchio dell’Anno europeo del patrimonio culturale essendo il primo atto dell’iniziativa diretta a fare di Milano il “Centro Europeo dei Canali Storici”, in coerenza con lo slogan ufficiale europeo “Il nostro patrimonio: dove il passato incontra il futuro”.

E’ proprio vero che i Navigli sono l’Oro Liquido di Milano, non solo nel passato, ma nel presente e nel futuro.

Durante il Convegno sarà presentato un filmato sulla Cerchia dei Navigli (grazie a memoMi e alla Fondazione Pasquinelli).

Programma e Iscrizioni


Leggi anche

L’azienda che gestisce il servizio idrico in 55 comuni toscani ha approvato il bilancio 2018 che vede i ricavi saliti a 120 milioni e l’utile a oltre 13 milioni. Ancora più significativo il livello degli investimenti, pari a 63,8 euro per abitante, che la collocano a livello delle migliori realtà europee. Risorse impiegate per il rinnovo di reti e impianti, soprattutto nel comparto fognature e depurazione…

Leggi tutto…

Al lavoro nel depuratore di Lecce, impianto tra le eccellenze nazionali, il piccolo robot si occupa della rimozione dei fanghi di depurazione dalle vasche di accumulo. Dotato di cingoli, lungo circa 2 metri, è in grado di muovere una grande quantità di materiale consentendo ai mezzi per lo smaltimento dei fanghi di operare a pieno regime…

Leggi tutto…

L’opera garantirà l’approvvigionamento idrico dei comuni di Commessaggio e Sabbioneta, in provincia di Mantova, ancora privi di acquedotto. I lavori prevedono la posa di oltre 8 chilometri di condotte in ghisa sferoidale e costituiscono il prolungamento dell’adduttrice di Campitello di Marcaria, collegando lo schema acquedottistico di Mantova con l’area del Viadanese …

Leggi tutto…

L’innovativa soluzione integrata, che è stata presentata durante due seminari in Sicilia nei comuni di Pozzallo e Giarre a dirigenti pubblici, assessori e a gestori privati degli acquedotti, coniuga i software gestionali e web di Sikuel alle soluzioni tecnologiche di telelettura di APKAPPA, completando l’offerta con il servizio di riscossione coattiva di Maggioli Tributi….

Leggi tutto…

Si chiama WaLoRe il programma messo a punto dai tecnici del gestore idrico lucano per migliorare la gestione della ricerca delle perdite idriche, aiutando a utilizzare al meglio le risorse per la manutenzione delle condotte. Uno strumento con il quale l’azienda ha effettuato negli ultimi sei mesi dello scorso anno oltre 1200 interventi con ottimi risultati …

Leggi tutto…