L’Oro Liquido di Milano – Rassegna dei primi canali storici d’Europa realizzati da Milano prima del Cinquecento

Milano, 22 novembre 2018
Auditorium “Claudio De Albertis”, Assimpredil Ance, via San Maurilio 21, 9,30/17,30

Programma e Iscrizioni

 

Navigli, Canali, Rogge citati, rilevati e osservati da Leonardo da Vinci durante la sua prima permanenza a Milano (1482-1499).

Al convegno gli esperti di storia dei Navigli indicati nel Programma e i Consorzi Est Ticino Villoresi, Muzza, Est Sesia che gestiscono questo patrimonio di opere d’arte idraulica, presenteranno la documentazione sulle origini e l’evoluzione dei Navigli, Canali e Rogge tra i più significativi dei territori lodigiano, milanese e novarese realizzati in passato dal Comune, dalla Signoria e dal Ducato di Milano.

Una rassegna dimostrativa dell’impegno della Soprintendenza ai Beni Culturali nel considerare i Navigli opere monumentali.

I Navigli sono una risorsa per Milano e per il suo territorio e la loro caratteristica di essere canali plurifunzionali (canali di irrigazione, di navigazione e di produzione di energia) li rende modernissimi ed essenziali per il miglioramento dell’ambiente e come esempio di pluriuso delle acque.

Riconoscere il valore culturale della Cerchia dei Navigli, del Naviglio di via Vallone e del Naviglio della Martesana significa rigenerare il patrimonio dei Navigli di Milano e significa anche re identificare la città che per prima in Europa ha trasformato un fossato difensivo in un canale mercantile.  

In poche parole la riapertura dei Navigli significa incontrare il futuro.

Il convegno ha il marchio dell’Anno europeo del patrimonio culturale essendo il primo atto dell’iniziativa diretta a fare di Milano il “Centro Europeo dei Canali Storici”, in coerenza con lo slogan ufficiale europeo “Il nostro patrimonio: dove il passato incontra il futuro”.

E’ proprio vero che i Navigli sono l’Oro Liquido di Milano, non solo nel passato, ma nel presente e nel futuro.

Durante il Convegno sarà presentato un filmato sulla Cerchia dei Navigli (grazie a memoMi e alla Fondazione Pasquinelli).

Programma e Iscrizioni


Leggi anche

La società del gruppo Iren che gestisce il servizio idrico nella città ligure e nei comuni della sua provincia ha presentato il programma di interventi finalizzato a tutelare la qualità delle acque del golfo e le zone di prelievo dell’acqua potabile. L’investimento previsto è in totale di 13 milioni di euro, destinati in gran parte alla realizzazione delle reti fognari nelle aree collinari e al potenziamento dell’acquedotto…

Leggi tutto…

Tra gli investimenti strategici si annoverano anche quelli finalizzati all’adozione di sistemi tecnologici aderenti alla filosofia della Industry 4.0 e alla realizzazione dell’efficienza idraulica ed energetica del sistema isolano, molto complesso, articolato nei 24.000 kmq dell’intera regione. Costituisce linea prioritaria di intervento anche la realizzazione di alcuni interventi sperimentali in materia di trattamento di rifiuti urbani (umido domestico) nel processo di depurazione per la produzione di biogas e la gestione dei fanghi con riuso in agricoltura….

Leggi tutto…

Il manager succede ad Aldo Stracqualursi, che ha guidato l’azienda, che gestisce il servizio idrico nella provincia di Grosseto e di Siena, negli ultimi quattro anni. Con una lunga esperienza nel settore, Ferrari, a sua volta, lascia il ruolo di amministratore delegato di Gesesa, altra società del gruppo Acea che gestisce il servizio idrico a Benevento, che ricopriva dal 2014 …

Leggi tutto…

L’operazione ha avuto come obiettivo riunificare in un’unica società la gestione del servizio idrico e la proprietà delle reti e degli impianti nel territorio della provincia di Lecco. Il progetto era nato nel 2016, in linea con quanto previsto dalla legge Madia e consentirà di ridurre i costi di gestione, incrementare gli investimenti e migliorare il servizio…

Leggi tutto…

Il progetto presentato dalla società, che gestisce il servizio idrico in 53 comuni del Veneto Orientale, riguarda il quartiere Fiera e prevede la posa di circa 1.000 metri di nuova fognatura nera, oltre 1.400 metri di rete acquedottistica e 180 metri di condotte per le acque meteoriche. I lavori partiranno a breve e si protrarranno per 7 mesi, per un costo complessivo di 1,1 milioni di euro…

Leggi tutto…