L’Unione europea punta sul gas per favorire la transizione energetica

Il gas come combustibile strategico per il processo di transizione energetica europea. Lo certificano anche le scelte della Commissione europea, che nell’ultimo elenco dei Progetti di interesse comune (Pci) per l’energia, che hanno lo scopo di promuovere la sicurezza energetica attraverso le frontiere, ha inserito diverse opere che riguardano le infrastrutture gas. Sono 151 in totale i progetti compresi nella lista, e che possono accedere ai finanziamenti dell’Unione europea, dei quali circa un quarto, ovvero 32, riguardano il gas.

Tra i progetti relativi al gas ci sono, per esempio, i nuovi terminali Gnl in Grecia, Cipro e Polonia, due terminal a Krk in Croazia e Shannon in Irlanda, dove si prevede che sarà importato dagli Stati Uniti il gas naturale prodotto attraverso il metodo del fracking, più altre opere.

Tra le opere di interesse comunitario per la rete di interconnessione energetica europea, ce ne sono anche sei che interessano direttamente la nostra Penisola. Si tratta della Tap (Trans-Adriatic Pipeline) tra Grecia e Italia via Albania e Mare Adriatico; del corridoio per le interconnessioni del gas Nord-Sud tra Malta e Italia con approdo a Gela; il corridoio Nord-Sud per le interconnessioni nell’Europa centrale e del Sud-Est Ungheria-Slovenia-Italia, con approdo a Gorizia; la pipeline di gas Poseidon, che connette Grecia e Italia a Otranto; il rafforzamento delle capacità di trasmissione in Italia che include l’Adriatica Line e il rafforzamento delle capacità Matagiola-Massafra; la Transalpine pipeline (Tal) tra Trieste e Ingolstadt, in Germania.

Scelte che sottolineano ancora una volta la centralità del gas nella transizione tra il carbone e le rinnovabili. Centralità dovuta a diversi vantaggi legati all’impiego del combustibile, a partire dalla sua economicità, per proseguire con l’impronta ambientale inferiore a quella del carbone e del petrolio. Inoltre, molti Paesi europei, tra i quali l’Italia, possono contare su un’infrastruttura gas ben sviluppata, che in futuro potrebbe essere riconvertita per il trasporto di gas a basse emissioni, quali il biometano o l’idrogeno.

E proprio questo, ovvero la sostituzione del gas con l’idrogeno generato da elettrolisi, è il piano della Commissione per il futuro dell’Europa. Intanto si prevede di ampliare l’infrastruttura del gas in modo che sia in grado di garantire l’approvvigionamento energetico durante la transizione. «La rete del gas nell’Unione europea è diventata più solida e, se venissero portati a termine tutti i progetti di interesse comune in corso di attuazione, l’Europa dovrebbe disporre di una rete del gas ben interconnessa e resistente entro l’inizio del 2020», ha reso noto la Commissione in una nota.


Leggi anche

Il gestore idrico della Basilicata ha approvato il progetto di ammodernamento dei due impianti a servizio del comune del potentino, ora sotto infrazione comunitaria. Gli interventi, del valore di un milione di euro, permetteranno di dotare i depuratori anche di sistema di telecontrollo e telegestione, garantendo una maggior efficienza nel trattamento dei reflui e una riduzione dei costi di esercizio e gestione…

Leggi tutto…

I lavori, che interessano le frazioni di Prata e Niccioleta, prevedono la posa di circa 8 chilometri di condotte in PE. Una volta in funzione, 7,5 chilometri di rete saranno gestiti a media pressione, mentre la parte restante a bassa pressione. L’intervento che sarà concluso entro la prossima estate, permetterà agli abitanti delle due località di usufruire dei vantaggi legati all’utilizzo del metano, in sostituzione del Gpl attualmente impiegato…

Leggi tutto…

 
Gruppo CAP, Città Metropolitana di Milano, ATO e Kyoto Club ne parlano in un convegno in via Vivaio il 3 dicembre….

Leggi tutto…

Lungo 445 chilometri, dei quali 423 sottomarini, l’elettrodotto collega le stazioni elettriche di Cepagatti, in provincia di Pescara, e Lastva, nel comune di Kotor. La sua entrata in esercizio, entro fine anno, permetterà di diversificare gli approvvigionamenti, rafforzare l’affidabilità, l’efficienza, la sicurezza, la sostenibilità ambientale e la resilienza delle reti elettriche delle due sponde adriatiche…

Leggi tutto…

Avviata a settembre la campagna, denominata Conta su di noi, prevede la sostituzione di tutti i vecchi apparecchi installati presso le 160.000 utenze servite dall’utility che gestisce il ciclo idrico nella provincia di Monza e Brianza. Articolato in diversi lotti, il piano si svilupperà in otto anni, privilegiando i comuni con uno scarto maggiore tra acqua sollevata e distribuita. Nel primo biennio sono coinvolte 18 comunità per un investimento di 3,5 milioni di euro…

Leggi tutto…