L’Università di Parma capofila del progetto europeo DISTRHEAT

Sarà l’Università di Parma, per la precisione il Centro Interdipartimentale per l’Energia e l’Ambiente (CIDEA), a coordinare DISTRHEAT (Digital Intelligent and Scalable conTrol for Renewables in HEAting neTworks), il progetto italo-svedese che ha come obiettivo lo sviluppo di sistemi per la gestione e il controllo intelligente di reti di teleriscaldamento.

Il progetto, che ha come responsabile scientifico Mirko Morini, docente di Dinamica e controllo dei sistemi energetici presso l’Ateneo di Parma, è stato finanziato nella RegSys joint call 2018 DELLA ERA-Net (European research area network) Smart Energy Systems, con circa 1,3 milioni di euro. Prenderà il via dal prossimo primo novembre, per una durata di 3 anni, e sarà portato avanti da un pool misto accademico e industriale formato, oltre che dall’Università di parma, da Siram by Veolia (Italia), Mälardalen University (Svezia), Mälarenergi (Svezia) e First Control Systems (Svezia).

Partendo dalle precedenti esperienze sul controllo ottimizzato di piccole reti di teleriscaldamento sviluppate dal gruppo di ricerca del CIDEA e sulla gestione di grandi reti di teleriscaldamento cittadine dei partner svedesi, il lavoro di ricerca mira a mettere a punto e a realizzare un prototipo di un innovativo sistema scalabile di gestione e controllo del teleriscaldamento basato su tecniche avanzate, come il machine learning, per la previsione della domanda di energia, e il model predictive control, per il suo soddisfacimento in maniera ottimizzata. Il funzionamento del prototipo verrà verificato sul campo con due applicazioni dimostrative in Italia e Svezia.

L’utilizzo di queste tecniche permetterà di rendere il teleriscaldamento più resiliente e consentirà l’integrazione sempre più significativa delle fonti rinnovabili nell’infrastruttura, in un’ottica di decarbonizzazione del settore del riscaldamento e del raffrescamento sostenibile ed economicamente conveniente.

 


Leggi anche

Nel 2006 sembrava cosa fatta: il Comune con l’allora Asm Brescia e Pessina Costruzioni aveva siglato un accordo per realizzare l’infrastruttura di distribuzione del calore a servizio della città. Un progetto che prevedeva la costruzione di una centrale e una rete dell’estensione di 25 chilometri però subito naufragato. Ora se ne riparla, ma affidando l’integrità dei lavori a un operatore privato …

Leggi tutto…

Lavori terminati nella frazione di Cuneo, dove Edison, con un investimento di 4 milioni di euro, ha realizzato un nuovo impianto di teleriscaldamento. Il sistema si compone di una rete di 2 chilometri di estensione, alla quale sono collegate oltre 350 utenze, e di una centrale alimentata a cippato, proveniente dalla pulizia dei boschi circostanti…

Leggi tutto…

L’ente ha stanziato 135.000 euro per i lavori di estensione della rete, alimentata con fonte geotermica, a servizio del comune della provincia di Grosseto. Le opere programmate da Amiata Energia permetteranno di collegare all’infrastruttura l’area del centro storico Terziere di Castello. Il nuovo finanziamento si aggiunge a quello che l’Autorità Idrica aveva stanziato lo scorso anno, per un totale di 300.000 euro, e al milione proveniente dai fondi geotermici regionali…

Leggi tutto…

Proseguono i Lavori di GES per estendere il servizio a tutto il territorio del comune dell’Amiata. L’opera, suddivisa in tre lotti, ha un costo di 8 milioni di euro: permetterà di collegare alla rete circa 1100 utenze, per una volumetria di un milione di metri cubi e una popolazione di oltre 4000 abitanti, fornendo energia pulita per il riscaldamento e l’acqua calda sanitaria …

Leggi tutto…

Il primo sistema è entrato in funzione nel giugno del 1939, fornendo calore, acqua calda e vapore al campus medico Vytautas Magnus University di Kaunas. Da allora il settore è stato in costante crescita, ed è diventato sempre più green grazie allo sfruttamento delle biomasse locali, tanto che oggi il teleriscaldamento arriva in 700.000 abitazioni, coprendo circa il 50% della domanda di calore…

Leggi tutto…