Macquarie cede Società Gasdotti Italia a Ontario Teachers

Cambio di proprietà per SGI – Società Gasdotti Italia. Macquarie Infrastructure and Real Assets (MIRA), il più grande gestore di infrastrutture al mondo, attraverso Macquarie European Infrastructure Fund 4, ha accettato la vendita della sua partecipazione dell’azienda, pari al 69,4% del capitale azionario, al fondo canadese Ontario Teachers’ Pension Plan Board.

MIRA aveva acquisito Società Gasdotti Italia nel 2016, in consorzio con Swiss Life.  Un’operazione nel complesso del valore di circa 600 milioni di euro che aveva dato nuovo slancio alla crescita della società. La società, secondo operatore italiano nel trasporto gas, gestisce una rete di gasdotti ad alta pressione che si estende nel complesso per 1.700 chilometri e trasporta il gas naturale ai principali centri industriali e urbani della Penisola. Crescita che vede l’azienda impegnata in diverse opere rilevanti, come la realizzazione dei gasdotti San Marco-Recanati e Larino-Chieti e lo sviluppo, insieme a Snam della grande dorsale gas della Sardegna.

Jiri Zrust, senior managing director e head of country coverage di Mira in Europa

«Siamo orgogliosi di aver supportato SGI poiché ha aumentato i suoi investimenti nella sua infrastruttura di rete per garantire la fornitura continua di energia sicura. e affidabile per le comunità di tutta Italia. SGI sta contribuendo a plasmare il futuro delle reti energetiche italiane. Siamo lieti di aver trovato un nuovo proprietario che supervisionerà la fase successiva del suo sviluppo».

E dare continuità alla crescita e fare dell’azienda una protagonista della transizione energetica è infatti anche l’obiettivo del nuovo gruppo proprietario.

Dale Burgess, senior general manager di Ontario Teachers Infrastructure and Natural Resources

«Questo investimento è in linea con la nostra strategia di acquisire le principali risorse di utilità regolamentate che forniscono servizi essenziali e flussi di flusso di cassa altamente prevedibile. Riteniamo che la rete di SGI sia ben posizionata per beneficiare e consentire il passaggio a alternative a basse o zero emissioni di carbonio come l’idrogeno verde e il biometano per sostenere gli sforzi di decarbonizzazione su larga scala in Italia e in Europa». 

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 


Leggi anche

Le nuove infrastrutture sono al servizio di otto comuni nei bacini 26, 27, 35 e 37 nei quali è stata suddivisa l’isola. Inizialmente saranno alimentate attraverso carri cisterna, in attesa dell’installazione dei depositi criogenici di GNL che garantiranno continuità e massima flessibilità nell’approvvigionamento. Native digitali, le infrastrutture gas in futuro potranno accogliere anche gas rinnovabili …

Leggi tutto…

Il nuovo documento, che delinea le strategie di crescita della multiutility per il periodo 2021-2024, mette al centro sostenibilità, innovazione e digitalizzazione. Per quanto riguarda la ripartizione delle risorse, al ciclo idrico sono destinati 46 milioni, mentre al settore ambientale ne andranno complessivamente 37. Notevoli gli investimenti anche nel comparto energia, con 30 milioni destinati alla distribuzione gas e ben 50 al comparto elettrico…

Leggi tutto…

Il consorzio europeo costituito da 13 realtà attive nelle infrastrutture del gas naturale e nel gas rinnovabile di 9 Paesi, tra le quali Snam e Consorzio Italiano Biogas, ha chiesto alla commissione di introdurre nella nuova Direttiva sulle energie rinnovabili un obiettivo vincolante dell’11% di gas rinnovabili sul totale della domanda di gas al 2030. Una misura che aiuterebbe a raggiungere gli obiettivi climatici fissati dall’Unione e ad accelerare la crescita dei gas green …

Leggi tutto…

Il colosso italiano della distribuzione gas ha siglato un accordo con il Centro di Ricerca del Parco scientifico e tecnologico della Sardegna per la realizzazione di un impianto Power To Gas che utilizzerà elettricità rinnovabile per generare idrogeno e metano sintetico. L’idrogeno sarà fornito alle utenze industriali dell’isola, mentre idrogeno e metano sintetico, miscelati al gas naturale, a quelle domestiche …

Leggi tutto…

Il Gruppo fiorentino ha acquisito il 100% del capitale dell’azienda di Cesano Boscone, attiva da 25 anni nella metrologia per il gas naturale, con competenze che le permettono di coprire l’intera filiera della calibrazione e riparazione dei misuratori gas. Un’operazione che rafforza il posizionamento nel settore di V.Barbagli e che permetterà di sviluppare nuovi servizi per le utility…

Leggi tutto…