Marche Multiservizi sceglie la TOC per potenziare l’acquedotto del Nerone

Da oltre un anno Marche Multiservizi sta lavorando al potenziamento del collegamento dell’acquedotto del Nerone con i comuni della Valle del Foglia. La multiutility ha già concluso due lotti del progetto e ora si appresta a dare il via ai lavori del terzo lotto.

Lavori che interessano il territorio della città di Urbino e che consentiranno di completare la bonifica del tratto di rete tra le frazioni di Trasanni e Schieti. Il progetto prevede infatti la posa di un nuova condotta che permetterà di risolvere definitivamente la criticità legata al passaggio delle tubazioni esistenti all’interno della ex-galleria Trasanni-Urbino.

 

La scelta del no-dig

Più nello specifico, la nuova condotta avrà un’estensione di 1,3 chilometri e la sua posa avverrà interamente su terreni agricoli e boschi. Tenuto conto del particolare contesto paesaggistico interessato dall’intervento, per la sua realizzazione Marche Multiservizi ha deciso di ricorrere alla tecnologia no-dig.

Nel caso particolare, quella scelta è la Trivellazione Orizzontale Controllata (TOC). Una tecnologia che consente di realizzare il foro sotterraneo con una fresa rotante teleguidata dalla superficie e la posa in opera delle tubazioni, in tempi molto rapidi e senza alcuno scavo. In questo modo si riduce al minimo l’impatto dell’opera, il consumo di risorse e non si generano materiali di scavo. Inoltre, non si utilizzano inerti di cava per il ritombamento.

 

Benefici ambientali e maggior efficienza di rete

Grazie alla tecnica della TOC vengono dunque conservate le condizioni geologiche e morfologiche del terreno, con benefici anche in termini di sostenibilità

  • riduzione dei consumi energetici 
  • diminuzione dell’inquinamento atmosferico delle macchine operatrici tradizionali

Il tutto con una spesa ridotta e tempi di intervento molto più brevi rispetto a una classica posa. I lavori saranno conclusi entro la prima metà di agosto e l’investimento richiesto è di 260.000 euro. Benefici che vanno a sommarsi a quelli legati alla realizzazione dell’opera:

  • efficienza maggiore della rete
  • riduzione delle perdite
  • continuità al servizio

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività

 


Leggi anche

La divisione trenchless dell’impresa Benassi Srl termina con successo in Sardegna la riabilitazione con tecnologia hose lining di un’adduttrice idrica DN500 in cemento amianto, per una lunghezza complessiva oltre 6 km, all’interno della valle del Temo: impervia zona protetta da vincoli ambientali e priva di viabilità pubblica di accesso. Determinante nella scelta di intervento con tecnologie no-dig, l’orografia della valle lungo la quale si snoda il tracciato della condotta, capace di rendere difficoltose le operazioni di riparazione e praticamente impossibile la pianificazione di un intervento di manutenzione con tecniche tradizionali….

Leggi tutto…

La divisione trenchless Benassi Srl porta a compimento con successo il proseguo degli interventi di riabilitazione sulla condotta in pressione a servizio dell’impianto pluvirriguo “Quartier del Piave”, in località Vidor (TV), effettuati mediante tecnica senza scavo UV-CIPP….

Leggi tutto…

no-dig

Stando ai dati, la percentuale di condotte deteriorate su piano nazionale è talmente alta da generare percentuali di perdite di rete così ampie che i gestori non possono più soprassedere a tale questione. A causa dell’invecchiamento, di scarsi interventi manutentivi e di vecchie tecniche costruttive, le condotte perdono la loro efficienza funzionale. A tal proposito si rende dunque inderogabile l’intervento per riabilitare vecchie condotte che altrimenti degenererebbero in rotture, collassamenti e ostruzioni delle stesse. Come intervenire dunque per contenere tali criticità? Le tecnologie no-dig sono una soluzione….

Leggi tutto…

Approvato il progetto della nuova linea che unirà l’isola alla terraferma. La nuova linea collegherà le cabine primarie di Colmata, a Piombino, e di Portoferraio, nell’Elba. Avrà un’estensione di 37 chilometri, dei quali 34 posati sotto il livello del mare e 3 interrati. Gli approdi verranno realizzati con la tecnica no-dig della perforazione teleguidata (TOC). Il costo dell’infrastruttura è di 90 milioni di euro….

Leggi tutto…

hose lining

La divisione trenchless dell’impresa Benassi Srl termina con successo in Sardegna la riabilitazione con tecnologia hose lining di un’adduttrice idrica DN500 in cemento amianto, per una lunghezza complessiva oltre 6 km, all’interno della valle del Temo: impervia zona protetta da vincoli ambientali e priva di viabilità pubblica di accesso. Determinante nella scelta di intervento con tecnologie no-dig, l’orografia della valle lungo la quale si snoda il tracciato della condotta, capace di rendere difficoltose le operazioni di riparazione e praticamente impossibile la pianificazione di un intervento di manutenzione con tecniche tradizionali….

Leggi tutto…