Master di II livello in “Innovazione tecnologica e management del Ciclo Idrico Integrato – Esperto nel settore della risorsa Acqua”

L’Università degli Studi di Udine ha approvato l’attivazione per il prossimo anno accademico 2019-2020 di un nuovo Master di II livello in Innovazione tecnologica e management del Ciclo Idrico Integrato – Esperto nel settore della risorsa Acqua. Il Master fonda le sue basi su venticinque anni di studi e collaborazioni di docenti dell’Ateneo friulano su tematiche inerenti al Ciclo Idrico Integrato (CII). L’incontro tra professionisti del settore, manager e studiosi interessati al trasferimento tecnologico della propria ricerca ha incoraggiato un colloquio aperto e propositivo nell’ambito dei problemi e delle possibili soluzioni concrete da proporre, in un settore in continua evoluzione come quello del ciclo integrato dell’acqua.

La formazione multidisciplinare e olistica imposta dal CII costituisce la base imprescindibile del Servizio Idrico Integrato (SII), per questo una professionalità completa di alto livello dovrà conoscere e applicare mezzi e strumenti del management moderno per rendere operative all’interno del SII tutte le nuove conoscenze relative al CII.

Il Corso ha una durata totale di 2 anni, con lezioni previste un weekend al mese per oltre mille ore di formazione, ed eroga un totale di 60 CFU.

La formazione riguarderà principalmente la risoluzione delle problematiche quali-quantitative del CII con strumenti moderni, grazie anche alla produzione di dimensionamenti e simulazioni delle varie parti del CII.

Verranno introdotte nuove prospettive di monitoraggio, controllo delle tossicità residuali e igienico sanitarie, e i corsisti saranno in grado di determinare un approccio innovativo al management del settore mediante una nuova visione del SII. Una parte degli studi sarà dedicata alla conoscenza e discussione della legislazione relativa al CII su basi territoriali, negli aspetti critici e in visione prospettica.

Il percorso si articola tra lezioni frontali, seminari, project work sotto la supervisione di docenti/esperti, e include la possibilità di svolgere uno stage presso aziende o studi professionali.

Ad avvalorare l’offerta formativa, c’è la partecipazione di importanti aziende del territorio, come partenariato e collaborazioni, oltre al fatto che l’iniziativa rientra nelle attività della Cattedra UNESCO.

Il Master andrà a formare identità professionali che agiscono nel campo del CII, in grado di affrontare con strumenti e soluzioni moderne le nuove sfide che la difesa e lo sfruttamento sostenibile della risorsa acqua impongono alle varie realtà territoriali. Conoscenze multidisciplinari che riguardano moderni approcci ai dimensionamenti e alle simulazioni, rinnovate esperienze di gestione aziendale, assieme a mature attitudini alla valutazione delle resilienze e sostenibilità ambientali, questi i punti di forza dei professionisti formati dal Master.

Il percorso si rivolge a tutte le categorie di tecnici e operatori delle tecnologie del CII di Enti pubblici o privati, ingegneri professionisti, geologi professionisti, tecnici di Enti pubblici generici, pianificatori, gestori di SII, manager della risorsa acqua, guardie ecologiche, operatori degli organi di controllo della risorsa acqua.

PIANO FORMATIVO

1. Caratterizzazione q-q e modellizzazione degli acquiferi – 30 ore
2. Caratterizzazione q-q e modellizzazione degli acquedotti – 30 ore
3. Caratterizzazione q-q e modellizzazione dei sistemi di drenaggio urbano – 30 ore
4. Caratterizzazione q-q e modellizzazione degli impianti – 40 ore
5. Monitoraggio e impatti dei residui effluenti e fanghi – 40 ore
6. Igiene ed epidemiologia dell’acqua – 20 ore
7. Problemi strutturali delle unità del CII – 20 ore
8. Rilevamento e rappresentazione cartografica di reti e manufatti del CII – 10 ore
9. Sicurezza intersettoriale e resilienza del CII – 20 ore
10. Iot a servizio del ciclo idrico integrato – 10 ore
11. Organizzazione aziendale e progettazione organizzativa – 10 ore
12. Gestione del rischio & water safety plan – 10 ore
13. Controllo di gestione nell’ambito del Servizio Idrico Integrato – 20 ore
14. La gestione del servizio idrico integrato in-house – 20 ore
15. Soft skills e coaching per aziende di gestione – 10 ore
16. La gestione del rischio finanziario. Elementi di ingegneria finanziaria – 10 ore
17. Governo e regolazione del servizio idrico – 10 ore
18. Legislazione dell’acqua e dell’ambiente – 20 ore
19. Normativa, economia e problemi di sostenibilità dell’acqua – 10 ore
20. Attività seminariali – 60 ore

Leggi anche

È la ricetta emersa dal convegno organizzato a Matera da Utilitalia e Acquedotto lucano per garantire l’approvvigionamento idrico sicuro nel Mezzogiorno, dove le criticità legate ai cambiamenti climatici vanno a sommarsi agli storici ritardi infrastrutturali. Aspetti sui quali i gestori si stanno muovendo, con gli investimenti annui pro-capite saliti a 65 euro per abitante, a fronte dei 55 euro del Centro-Nord, e una spesa di 2 euro per abitante in tecnologie digitali…

Leggi tutto…

Proseguono le iniziative dell’innovativa piattaforma di ricerca per la gestione del sistema idrico integrato. Gruppo CAP riunisce tutti i più importanti attori dell’innovazione, della ricerca e dello sviluppo del settore per pianificare i prossimi passi. Networking e approccio multidisciplinare per 8 aziende nel settore, 1 istituto di ricerca, 2 università lombarde. Living lab per la sperimentazione, gli impianti di depurazione di San Giuliano Est, San Giuliano Ovest e di Bresso Niguarda….

Leggi tutto…

Investimenti in crescita del 10% nel nuovo piano industriale. Iren destinerà i due terzi ai servizi regolati, in particolare l’idrico, per potenziare, ammodernare e digitalizzare le infrastrutture. La parte restante pari a 1,3 miliardi di euro sarà riservata alla crescita dimensionale del Gruppo: nel settore ambientale, con lo sviluppo di impianti di selezione e trattamento; nel teleriscaldamento, con l’estensione delle reti; nel gas …

Leggi tutto…

I lavori riguardano il rifacimento della condotta acquedottistica situata in località Agugliana. Il progetto iniziale interessava un tratto di 2,5 chilometri, che è stato esteso di ulteriori 1,5 chilometri, grazie al risparmio sui costi dell’intervento in fase di gara. Compreso nell’opera, per un costo complessivo di 750.000 euro, anche l’ampliamento di un serbatoio …

Leggi tutto…

Il gestore idrico della provincia di Brescia ha presentato il progetto messo a punto per potenziare le infrastrutture della capitale della Franciacorta: 7 milioni di investimenti e due anni di lavoro per estendere la rete fognaria in tutte le frazioni, dove vive circa un terzo dei residenti, e rinnovare l’acquedotto nel centro storico…

Leggi tutto…