Matrimonio in vista tra A2A e Ambiente energia Brianza

Matrimonio in vista tra A2A e Ambiente energia Brianza (Aeb), la società attiva nella distribuzione e vendita del gas, dell’energia elettrica e calore e nei servizi ambientali e che opera principalmente nei comuni della Brianza. I consigli di amministrazione dei due gruppi hanno infatti definito il percorso per la realizzazione del progetto di partnership, ponendo le basi per la creazione di un nuovo soggetto industriale sul modello della multiutility dei territori.

Scissione di Unareti

Progetto che si concretizza nella scissione parziale di Unareti in favore di Aeb. Nello specifico, Unareti cederà ad Aeb alcuni asset di distribuzione gas nelle province di Milano e Bergamo e l’intera partecipazione nella società dedicata alle attività di illuminazione pubblica. In questo modo Aeb beneficerebbe di 79.000 punti di riconsegna del gas, diventando anche il polo di sviluppo del Gruppo nel segmento dell’illuminazione pubblica, con oltre 250.000 punti luce.

A2A come partner industriale di Aeb

L’accordo prevede inoltre che, completato il percorso di aggregazione, A2A faccia il proprio ingresso nel capitale di Aeb con una quota del 33,5%. La maggioranza del capitale sociale di Aeb rimarrebbe, dunque, nelle mani dei comuni soci, con il Comune di Seregno nel ruolo di capofila della compagine sociale, e A2A come partner industriale.

Il progetto di partnership è soggetto all’approvazione dei Consigli comunali, dell’assemblea degli azionisti di Aeb e del Consiglio di amministrazione di A2A, al completamento delle attività di due diligence e alla clearance antitrust, con l’obiettivo di perfezionare l’aggregazione per il prossimo primo luglio.

Rafforzare la competitività e la presenza sul territorio

L’operazione consentirà ad Aeb di rinforzare la propria competitività e la propria vocazione territoriale. Grazie agli apporti di A2A, potrà infatti contare su un Ebitda di oltre 50 milioni di euro, raggiungendo una dimensione rilevante nel panorama nazionale. Da parte sua A2A conferma il proprio percorso di crescita attraverso selettive partnership in territori adiacenti a quelli presidiati, secondo il modello della multiutility dei territori per valorizzare la storia e l’identità delle aziende locali.


Leggi anche

A2A

I rispettivi consigli di amministrazione hanno approvato la cessione da parte di Unareti di alcuni asset gas nelle province di Milano e Bergamo e dell’intera partecipazione nella società che gestisce l’illuminazione pubblica a favore di Aeb. Un passaggio fondamentale per rendere concreta la partnership tra le due multiutility lombarde, che sarà seguito dall’ingresso di A2A nel capitale azionario di Aeb. Pronto anche il nuovo piano industriale per la nuova Aeb con investimenti per oltre 300 milioni in 5 anni …

Leggi tutto…

Invitalia ha pubblicato il bando nazionale Impresa SIcura che permette alle aziende di ottenere il rimborso delle spese sostenute per l’acquisto di dispositivi e altri strumenti di protezione individuale (DPI) per il contenimento e il contrasto dell’emergenza Covid-19…

Leggi tutto…

Sede Estra

Lo scorso anno è stato particolarmente positivo per la multiutility dell’energia e dei servizi ambientali, grazie al miglioramento e all’estensione delle performance di tutti i settori di business. Il bilancio consolidato, approvato dal consiglio di amministrazione, ha registrato un incremento dei ricavi del 18% rispetto all’anno precedente, sfiorando il miliardo di euro. Su del 35% anche il margine operativo lordo, pari a 37,8 milioni, e addirittura del 117% l’utile netto pari a 16,7 milioni…

Leggi tutto…

Lo rivela la nuova edizione dello studio realizzato da Guidehouse per Gas for Climate, il consorzio europeo costituito da 12 realtà attive nelle infrastrutture del gas naturale e nel gas rinnovabile di 9 Paesi, tra le quali Snam e Consorzio italiano biogas. In base allo studio, l’immissione nelle reti europee di almeno il 10% tra biogas e bioidrogeno, combinato con l’aumento di elettricità da fonti green, permetterebbe di abbattere del 55% le emissioni di CO2 entro il 2030, con importanti risvolti economici e occupazionali…

Leggi tutto…

L’assemblea dei soci della società, che amministra gli asset idrici e della distribuzione gas di 30 comuni della provincia di Forlì-Cesena, ha dato l’ok al bilancio 2019, che porta nelle casse dei comuni soci 2,2 milioni di dividendi. Importanti anche gli investimenti realizzati, pari a 20 milioni. Ora la società punta ad allargare il raggio d’azione all’illuminazione pubblica, per renderla più efficiente e sostenibile …

Leggi tutto…