Medea avvia l’installazione degli smart meter in Sardegna

Assume contorni sempre più definiti il futuro della distribuzione gas in Sardegna. Medea, la società del Gruppo Italgas che gestisce 17 dei 38 bacini nei quali è suddivisa l’isola, si appresta a dare il via alla sostituzione dei circa 45.000 contatori tradizionali con misuratori di ultima generazione.

L’attività di installazione dei nuovi smart meter coinvolgerà

i quattro capoluoghi Cagliari, Sassari, Oristano e Nuoro, attualmente serviti ad aria propanata, e gli altri 36 comuni dei Bacini 7, 9 e 22, dove sono in corso le operazioni di conversione della fornitura da gpl a metano.

Apparecchi digitali in grado di consentire, tra le altre funzioni, la lettura a distanza dei consumi, i nuovi misuratori rappresentano un vantaggio per il cliente finale, che vede la sua bolletta sempre più aderente ai consumi reali, e un importante beneficio per l’ambiente, grazie ai minori spostamenti necessari da parte del personale delle realtà della distribuzione, per svolgere la tradizionale attività di rilevazione manuale.

Ma non solo.

Perché gli smart meter rappresentano il fattore abilitante del più ampio processo di digitalizzazione delle infrastrutture gas che il Gruppo Italgas sta portando avanti anche in Sardegna. Un processo che, al momento, vede Medea aver completato la costruzione di oltre 700 dei 1.100 chilometri di nuove reti “native digitali” previste sull’isola e messo in esercizio con gas naturale una prima parte della rete di Alghero.


Leggi anche

Raggiunta l’intesa con l’amministrazione del Comune per portare la rete del metano nelle aree della cittadina in provincia di Arezzo che ancora ne sono prive. Le opere, sostenute da un investimento di circa 5,3 milioni di euro, prenderanno il via il prossimo anno e si svilupperanno in un arco temporale di cinque anni. La prima ad essere metanizzata sarà la frazione di Pietraia….

Leggi tutto…

Risultati molto positivi emergono dal bilancio relativo al 2019 appena approvato dal consiglio di amministrazione della società che gestisce la distribuzione gas nella città siciliana. Gli utili salgono a 2,5 milioni di euro, in crescita del 32% rispetto al 2018, mentre il fatturato supera i 9 milioni di euro. In su anche gli investimenti, pari a oltre 9 milioni negli ultimi tre anni….

Leggi tutto…

Sarà completato nel 2022 l’impianto di biodigestione che consentirà ad Alia Servizi Ambientali, che gestisce i servizi di igiene ambientale nell’ATO Toscana Centro, di produrre biometano dalla frazione organica dei rifiuti. L’impianto, che sarà il più grande d’Italia con questa tecnologia, sarà realizzato con un investimento di 30 milioni e permetterà di ottenere 11 milioni di metri cubi di gas green all’anno, attraverso il trattamento di 160.000 tonnellate di rifiuti organici….

Leggi tutto…

Il TAP è pronto. Ad annunciarlo ufficialmente la stessa società, Trans Adriatic Pipeline, che ha comunicato che il gasdotto è stato riempito di gas naturale e che ora si sta apprestando ad avviare le operazioni commerciali con gli operatori di settore. Un’opera strategica che permetterà di portare in Italia il combustibile estratto in Azerbaijan, liberando il continente dalla dipendenza dal gas russo….

Leggi tutto…

Con questo accordo, Snam potrà acquisire competenze tecniche dalla società britannica, tra i maggiori produttori di elettrolizzatori, fondamentali per ricavare idrogeno da fonti rinnovabili tramite elettrolisi dell’acqua, e quindi per lo sviluppo dell’idrogeno verde. L’intesa include anche l’ingresso della società italiana nel capitale azionario di ITM Power con un investimento di 33 milioni di euro….

Leggi tutto…