Medea completa la conversione al metano di altri quattro comuni sardi

Sempre più lungo l’elenco dei comuni sardi raggiunti dal servizio di distribuzione del metano. Medea ha infatti completato la conversione da GPL a gas naturale delle reti a servizio di altri quattro comuni in provincia di Nuoro. Si tratta di Tortolì, Girasole, Loceri e Talana, compresi nel bacino 22, che contano complessivamente circa 15.000 abitanti, e dove sono già attive oltre 1.000 utenze.

Le attività di conversione della rete hanno interessato circa 84 chilometri di infrastrutture. Ad alimentarle 3 depositi criogenici di gas naturale liquefatto (GNL) che garantiscono continuità del servizio, massima flessibilità di approvvigionamento ed elevati standard di sicurezza.

Insieme agli interventi di conversione a gas naturale, il gestore ha provveduto anche alla sostituzione dei contatori esistenti, con smart meter di ultima generazione. Misuratori intelligenti che consentono, tra le altre cose, la lettura a distanza dei consumi.
 

Il traguardo sempre più vicino

Le attività concluse in questi quattro comuni seguono quelle già portate a termine lo scorso dicembre in altri cinque comuni dell’isola. Nello specifico a Osini, Gairo Sant’Elena, Ulassai e Seui, sempre nel bacino 22, e Pattada nel bacino 10. Grazie a questi lavori, salgono così a 34 i comuni sardi già convertiti da GPL a gas naturale. Con il passaggio al metano di Gairo Taquisara e Cardedu, previsto in primavera, la società del Gruppo Italgas completerà il suo programma di conversioni sull’isola che interessa complessivamente 500 chilometri di condotte alimentate da 31 depositi criogenici di GNL.

«Il programma di conversioni da GPL a gas naturale che abbiamo previsto per l’isola è ormai quasi completo con 34 comuni su 36 già convertiti – ha commentato Francesca Zanninotti, amministratore delegato di Medea -. Inoltre, grazie alla realizzazione di nuove reti “native digitali” negli altri bacini in concessione stiamo lavorando affinché il gas naturale raggiunga sempre più capillarmente il territorio sardo, mettendo a disposizione dell’isola le stesse risorse di cui può beneficiare il resto del Paese».
 

Medea in Sardegna

Medea è presente in 18 dei 38 bacini nei quali è divisa la Sardegna, compresi i principali capoluoghi. Le infrastrutture della società si compongono di circa 1.500 km di reti per il gas naturale, dei quali 1.300 km già in esercizio, 9 km circa di reti alimentate a GPL in corso di conversione e circa 600 km di reti alimentate ad aria propanata nei Comuni di Cagliari, Sassari, Nuoro e Oristano, che saranno convertiti a gas naturale. La società serve attualmente circa 50.000 utenze, con l’obiettivo portarle a 150.000 nei prossimi anni.

 


Leggi anche

L’amministratore delegato di NEDGIA (Spagna) è il nuovo presidente della Gas Distributors for Sustainability, l’Associazione che riunisce i sette principali operatori della distribuzione del gas in Europa. Succede nella carica a Paolo Gallo, AD di Italgas. Il neopresidente lavorerà per consolidare il ruolo di GD4S nel dialogo con le istituzioni europee in materia di politica energetica e mettere a punto nuove iniziative per il processo di transizione ecologica….

Leggi tutto…

La multiutility partecipata dai comuni del Monferrato ha presentato il progetto per portare il servizio di distribuzione del metano alle aree della cittadina non ancora raggiunte. I lavori, suddivisi in tre lotti, prenderanno il via nella seconda parte dell’anno e vedranno in totale la posa di oltre 5,3 chilometri di condotte per un investimento di circa 2 milioni di euro …

Leggi tutto…

Attraverso la controllata Snam4Environment, il gruppo ha sottoscritto un accordo con Asja per acquisire un portafoglio di impianti esistenti e progetti di sviluppo nel campo del trattamento della FORSU e produzione del gas rinnovabile. L’operazione, del valore di 100 milioni di euro, rientra nella strategia di crescita di Snam nel biometano per contribuire allo sviluppo di una filiera chiave nel percorso di transizione ecologica del Paese…

Leggi tutto…

Sono entrate in esercizio le reti di distribuzione gas a servizio dei due comuni della provincia di Reggio Calabria. Le opere, completate alla fine dello scorso anno, hanno visto la posa di 18 chilometri di condotte e di 3,5 chilometri di allacciamenti per servire in totale oltre 1.200 utenze, delle quali il 90% nel territorio di Bova Marina e la parte restante in quello di Bova …

Leggi tutto…

Il Ministero della Transizione Ecologica ha dato il via libera alla valutazione di impatto ambientale per il metanodotto Val Tanaro – Valle Arroscia – Valle Impero. Il progetto prevede la costruzione di un gasdotto di 65 chilometri per collegare la rete di trasporto Energie Rete Gas in territorio piemontese e quella di Snam in Liguria, a beneficio di diversi comuni delle due regioni…

Leggi tutto…