Medio Chiampo rinnova la rete idrica di Montebello Vicentino

Hanno preso il via i lavori per il rifacimento di un tratto di condotta acquedottistica programmati da Medio Chiampo ad Agugliana, frazione di Montebello Vicentino. Lavori che, però, presentano un’interessante novità. Il progetto iniziale prevedeva infatti l’estensione della rete per 2,5 chilometri per un costo di 750.000 euro. In sede di gara l’intervento è stato assegnato con un significativo ribasso d’asta, per cui la società, che gestisce il servizio idrico a Montebello, Zermeghedo e Gambellara (Vicenza), ha deciso di utilizzare la cifra risparmiata per introdurre una variante migliorativa al progetto: una ulteriore estensione della rete di 1,5 chilometri, portando la lunghezza complessiva dell’opera a 4 chilometri.

La variante, attualmente in fase di approvazione, riguarda il tratto di rete delle località Molino e Capitello e permetterà di superare le criticità legate alla pressione dell’infrastruttura idrica che interessano queste zone. Inserendosi nel progetto complessivo, l’intervento sarà facilitato dalla possibilità di usufruire degli scavi per la tubatura principale.

La nuova condotta idrica, a differenza di quella ora presente che passa per area boscata, si svilupperà tutta su strada asfaltata, in modo da favorire gli interventi di manutenzione. Per assicurare un sempre più efficiente servizio di approvvigionamento idrico, il progetto prevede inoltre diverse migliorie impiantistiche, quali l’ampliamento del serbatoio, la scelta di un diametro maggiore rispetto a quello della condotta presente e l’impiego di valvole e altre apparecchiature di rete di ultima generazione.


Leggi anche

La multiutility che gestisce il servizio idrico nei comuni del bacino del Brenta ha dato il via all’estensione della rete di distribuzione nelle aree di 7 comuni che ancora ne sono privi e che sono approvvigionate da pozzi privati. L’intervento prevede la posa di 4 chilometri di condotte, per una spesa di un milione di euro, e ha come obiettivo garantire sicurezza igienica alle utenze e la tutela della falda…

Leggi tutto…

Il gestore idrico della provincia di Chieti ha inviato una lettera a Regione Abruzzo e ai ministeri dell’Economia e dell’Ambiente per reperire le risorse per gli interventi che pongano fine all’emergenza idrica nel Vastese e in diversi comuni del Sangro Aventino. Problemi dovuti alla vetustà delle infrastrutture di trasporto e distribuzione, per il cui rinnovo occorrono oltre 30 milioni di euro …

Leggi tutto…

Partirà a metà settembre il secondo lotto dei lavori di rispristino dell’infrastruttura idrica a servizio del comune della provincia di Oristano. L’intervento costa 4 milioni di euro e interessa 6 chilometri di condotte dal partitore di Barrasumene alla diga di Monte Crispu. Il tratto è parecchio problematico per via del terreno molto impervio; inoltre, ricade in un territorio soggetto a vincoli ambientali: da qui la scelta del ricorso alla tecnica no-dig…

Leggi tutto…

L’opera permetterà di convogliare i reflui provenienti dai comuni di Morrovalle, Montecosaro e parte di Civitanova Marche, in provincia di Macerata, al depuratore di Civitanova, eliminando gli scarichi diretti nel fiume Chienti. L’opera ha richiesto la posa di quasi 4 chilometri di nuove condotte in PVC, in sostituzione di quelle ammalorate, e il recupero di circa 500 m di vecchie condotte per una spesa di 2 milioni di euro…

Leggi tutto…

Il Governo ha individuato gli interventi prioritari e i criteri di utilizzo del Fondo destinato al potenziamento delle infrastrutture idriche su tutto il territorio nazionale. Priorità all’uso potabile e alle opere previste dal Piano nazionale idrico, agli interventi non ancora finanziati e avviati, ma necessari per l’adeguamento delle infrastrutture ai parametri di qualità tecnica fissati da Arera…

Leggi tutto…