Ministero dell’Ambiente: parte il piano straordinario di depurazione per il centro-nord


A questa somma si aggiunge il cofinziamento regionale, altri fondi statali e la quota coperta dalla tariffa, per un investimento complessivo di oltre 240 milioni di euro. Per quanto riguarda le regioni del Sud, la delibera Cipe 60 del 2012 ha già destinato risorse ad analoghi interventi a valere sul Fondo per lo Sviluppo e la Coesione.

“Questo Piano – spiega il ministro Galletti – rappresenta una risposta concreta da parte del governo e delle istituzioni locali per il disinquinamento delle acque reflue depurate, dunque per la valorizzazione dell’acqua come bene comune e come risorsa preziosa di tutti i cittadini da difendere. Questo intervento ci consente anche il superamento dei contenziosi aperti nei confronti dell’Italia in Europa”.

Ammontano a 89 milioni e 829 mila euro i fondi stanziati dal governo per gli interventi sul territorio. L’impegno è crescente: 9 milioni e 800 mila euro nel 2014, 30 nel 2015, 50 nel 2016. Nella ripartizione regionale sono previsti da qui al 2016 circa 13,4 milioni di euro per la Lombardia, 9,6 milioni per il Piemonte e 9,2 per il Lazio. All’Emilia Romagna arrivano 8,8 milioni di euro, poco meno al Veneto (8,7). Sono finanziati per 8,6 milioni di euro gli interventi in Toscana, per 4 milioni e 800 quelli in Abruzzo, mentre ci sono 4,7 milioni per le Marche e 4,2 per Liguria e Friuli Venezia Giulia. All’Umbria sono assegnati 4 milioni, 3 milioni e 400 mila per la Provincia di Trento, 3 vanno al Molise e 2,6 alla Valle D’Aosta.

“Le Regioni – si legge nel testo del decreto – provvedono al monitoraggio degli interventi, assicurano il rilascio nei tempi previsti degli atti approvativi, autorizzativi, pareri e di tutti gli altri atti di competenza”, nonché “il coordinamento con gli enti locali, l’informazione per garantire la condivisione degli obiettivi e il flusso delle risorse finanziarie di competenza”.

Fonte: Ministero dell’Ambiente


Leggi anche

Martedì 21 giugno, durante la live demo di 45 minuti circa organizzata in collaborazione con Servizi a Rete, l’esperto VEGA Alessio Cannizzo mostrerà come rendere sicuri i processi delle acque reflue, comprese le soluzioni ATEX più semplici.
Clicca qui per riservare il tuo posto

Leggi tutto…

Con un investimento di 5 milioni di euro, il gestore idrico ha dato il via a un importante progetto di razionalizzazione del sistema di raccolta e trattamento dei reflui in una porzione della bassa Lomellina. Il progetto prevede la posa di un nuovo collettore fognario dell’estensione di 15 chilometri a servizio di cinque centri abitati che porterà i reflui al depuratore di Sannazzaro de’ Burgondi, la cui capacità di trattamento sarà potenziata…

Leggi tutto…

La società ha concluso gli interventi di ammodernamento e potenziamento dei due impianti entrati in funzione nel 1980. Gli interventi sono stati realizzati con un investimento complessivo di 8,1 milioni di euro, dei quali 2,6 per il depuratore di Nibionno e 5,5 per quello di Valmadrera. Quest’ultimo, che già tratta i reflui di 12 comuni, è stato potenziato per accogliere anche i reflui di Oliveto Lario e della frazione Civenna del comune di Bellagio…

Leggi tutto…

monitoraggio

Come garantire in modo veloce e costante il monitoraggio dei grandi collettori fognari? Tramite un complesso sistema di Fibre Ottiche Sensing. I cavi in fibra ottica distribuiti su tutta la lunghezza delle condotte fognarie danno luogo ad una fitta rete di misure, in grado di eseguire il monitoraggio strutturale e idraulico delle condotte….

Leggi tutto…

Gruppo CAP ha lanciato una open innovation challenge per individuare le proposte più innovative ed efficaci contro le infiltrazioni nella rete fognaria. L’iniziativa si rivolge a startup, università, istituti di ricerca e ricercatori di tutto il mondo e si avvale della piattaforma di crowdsourcing Open Innovability® di Enel. I migliori verranno sviluppati nei laboratori e impianti di Gruppo CAP…

Leggi tutto…