Monterotondo Marittimo riqualifica la rete del teleriscaldamento

Monterotondo Marittimo, in provincia di Grosseto, è uno dei nove comuni toscani dotati di sistema di teleriscaldamento geotermico. Un’infrastruttura fondamentale per lo sviluppo sostenibile del territorio. La rete è infatti alimentata dai cascami termici delle centrali geotermoelettriche: una fonte rinnovabile, che non immette CO2 in atmosfera, evitando anche le emissioni legate all’uso di caldaie e camini nelle abitazioni.

Per incrementare ulteriormente tali benefici, il Comune ha stanziato un investimento di 535.000 euro per migliorare le performance del suo sistema. La quota maggiore delle risorse, 335.000 euro, è stata destinata a:

  1. il rinnovo della rete primaria con la sostituzione delle vecchie condotte
  2. la messa in posa di nuove tubazioni.

 

Il rinnovo della rete primaria

Un intervento reso necessario dalle continue rotture che si sono verificate negli anni sulle vecchie tubature, con conseguenti perdite.

Sono già stati realizzati i lavori del primo lotto con la sostituzione completa delle condotte, nel tratto della rete che va dalla centrale termica alla zona nord della cittadina. Completato anche il secondo lotto, che ha visto la sostituzione delle condotte dalla sottocentrale dei Lagoni Boraciferi verso il centro.

Nel 2023 è prevista la sostituzione delle condotte nel terzo e ultimo lotto, ovvero la parte di rete primaria che arriva nel centro storico. Lavori che hanno già permesso di risolvere una buona parte dei problemi.

 

Investimenti in efficienza

I restanti 200.000 euro sono stati invece destinati alla progettazione del revamping e l’efficientamento energetico, con l’obiettivo di rendere più efficiente l’impianto attraverso l’aggiunta della fonte di calore derivante dalla pompa di Monterotondo 20. Le risorse permetteranno di analizzare anche altri sistemi di efficientamento e studiare la possibilità di utilizzare l’impianto anche in estate per la generazione di acqua calda sanitaria.

 

Un impegno concreto nella sostenibilità

«La scelta di investire nella riqualificazione dell’infrastruttura è la conferma di quanto crediamo nel teleriscaldamento come migliore soluzione in termini ambientali e di qualità del servizio – ha commentato il sindaco di Monterotondo Marittimo, Giacomo Termine -. La sostenibilità è un tema a noi caro, sul quale ci stiamo concretamente impegnando da diversi anni, con politiche ambientali che vanno incentivando anche l’uso di fonti energetiche rinnovabili da parte delle famiglie non servite dal teleriscaldamento. Argomento divenuto particolarmente attuale in questa fase critica per l’aumento dei costi di gas ed energia».

 


Leggi anche

Procedono nel piccolo centro della val di Susa i lavori per realizzare il sistema di distribuzione del calore. A occuparsi della sua realizzazione e a gestire l’impianto è Meco Sauze, società creata da Metan Alpi ed Ecotermica Servizi. Alla fine dello scorso anno sono partiti i lavori per la posa della rete che si estenderà per 8 chilometri e da poco anche quelli per la centrale termica, che prevede anche una sezione alimentata a biomasse….

Leggi tutto…

Ora c’è anche il calore di scarto di tre realtà industriali del territorio ad alimentare il sistema che distribuisce energia termica alla cittadina dell’Alto Adige. Una strategia che ASM Bressanone vuole sfruttare ulteriormente, grazie a nuovi accordi con altre realtà produttive che potrebbero tradursi in realtà nel corso dell’anno, per continuare a diversificare le fonti energetiche, puntando sempre più su quelle rinnovabili e innovative, e affrancarsi dal metano….

Leggi tutto…

Rinnovo delle reti di media tensione e delle cabine secondarie: è quanto prevede il progetto della multiutility per rendere l’infrastruttura del capoluogo piemontese più resiliente e ridurre le interruzioni di servizio causate da eventi climatici. Gli interventi, per i quali è partito il bando, saranno conclusi entro il 2026 e sono finanziati per 33,1 milioni da fondi PNRR….

Leggi tutto…

Alperia Plus, proprietaria e gestore del sistema a servizio della città, conta di allacciare alla rete oltre 40 nuovi edifici quest’anno, per una potenza totale di 2 MW, per dare seguito al boom della domanda. Attualmente nuove estensioni sono in corso di realizzazione nel rione Europa Novacella e a Bolzano Sud, dove di recente presso la centrale già presente è stata installata una nuova caldaia da 8 megawatt….

Leggi tutto…

Meno della metà di quelli presentati sono i progetti per lo sviluppo del teleriscaldamento efficiente che hanno ottenuto i finanziamenti previsti dal PNRR, a causa delle poche risorse messe a disposizione. Per questo il presidente di FIPER, Walter Righini, ha inviato una missiva al ministro Pichetto Fratin per invitarlo a prendere in considerazione la possibilità di stanziare ulteriori fondi per promuovere la tecnologia. …

Leggi tutto…