Nel 2019 il bando gara gas per la provincia di Ferrara


Sarà pubblicato, almeno queste sono le previsioni, nella prima metà del prossimo anno il bando per l’affidamento a un unico operatore del servizio di distribuzione del gas a Ferrara e provincia. Il Comune di Ferrara, capofila della gara, si appresta a terminare il documento con l’obiettivo di inviarlo per la valutazione finale all’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (Arera) per metà ottobre, che poi avrà 90 giorni di tempo per presentare le sue osservazioni.
Per quanto riguarda la gara, questa riguarda il territorio della città e dei 23 comuni della sua provincia. Un totale di oltre 3000 chilometri di rete, con 182.825 punti di riconsegna attivi e 338 milioni di metri cubi distribuiti all’anno, circa un terzo nel capoluogo.
Rete attualmente gestita da cinque realtà: Edison, Inrete (Hera), A tutta rete (Cmv), 2i Rete gas e Soelia. Obiettivo del bando per il distributore unico è di efficientare la gestione in maniera da ottenere vantaggi anche per gli utenti e aumentare gli investimenti sull’infrastruttura. Secondo gli studi preliminari svolti dal Comune di Ferrara, il territorio, comunque, è già coperto in modo abbastanza omogenea da impianti abbastanza recenti, in quanto la costruzione delle dorsali risale agli anni Settanta e Ottanta, con ulteriori estensioni realizzate pochi anni fa. Il Piano di sviluppo richiesto dal bando pertanto conterrà l’entità e la copertura degli investimenti quasi esclusivamente destinati a nuove adduzioni.
La cifra base del bando, al momento riservata, secondo indiscrezioni dovrebbe aggirarsi sui 500 milioni di euro, vicina a quella stimata a inizio procedura due anni fa.


Leggi anche

La società ha stretto una partnership con l’americana Picarro per l’utilizzo in Europa di Picarro Surveyor, tra le soluzioni più evolute nel monitoraggio delle reti. Denominata CRDS (Cavity Ring-Down Spectroscopy) è una sofisticata sensing technology che, rispetto alle tradizionali, garantisce un controllo più rapido, approfondito e una maggiore sensibilità di rilevazione della presenza di gas…

Leggi tutto…

Lo ha dichiarato Paolo Gallo, fresco di riconferma nel ruolo di amministratore delegato della società, che ha anticipato che Italgas presenterà un’offerta non vincolante per il pacchetto della distribuzione gas dell’utility veneta. Ascopiave ha infatti avviato un riassetto dei suoi business puntando a cedere le attività di vendita di energia per focalizzarsi sulla distribuzione gas anche con partnership strategiche …

Leggi tutto…

La sperimentazione ha preso il via a Contursi Terme, in provincia di Salerno, con la fornitura a due realtà locali di una miscela di idrogeno al 5% e gas attraverso la rete di trasporto. Un passaggio cruciale verso gli obiettivi europei al 2050, in quanto l’idrogeno è una tecnologia chiave per la decarbonizzazione e lo stoccaggio delle fonti rinnovabili…

Leggi tutto…

Le tre società hanno siglato una lettera d’intenti non vincolante per l’avvio dello studio di un percorso congiunto per valutare la possibile acquisizione degli asset del gruppo Ascopiave nella vendita di elettricità e gas e la costituzione di un’alleanza nel settore della distribuzione gas. Un’operazione che nasce dalla volontà di Ascopiave di cedere le sue attività commerciali per focalizzarsi sulla distribuzione…

Leggi tutto…

I lavori, appena partiti, interessano le frazioni di Moltedo e Montegrazie, attualmente servite con GPL. Le opere comprendono la posa di nuove condotte per un totale di oltre 9,3 chilometri e la sostituzione dell’alimentazione da GPL a gas naturale della rete già esistente e garantiranno maggiore sicurezza e continuità del servizio…

Leggi tutto…