Nel 2019 il bando gara gas per la provincia di Ferrara


Sarà pubblicato, almeno queste sono le previsioni, nella prima metà del prossimo anno il bando per l’affidamento a un unico operatore del servizio di distribuzione del gas a Ferrara e provincia. Il Comune di Ferrara, capofila della gara, si appresta a terminare il documento con l’obiettivo di inviarlo per la valutazione finale all’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (Arera) per metà ottobre, che poi avrà 90 giorni di tempo per presentare le sue osservazioni.
Per quanto riguarda la gara, questa riguarda il territorio della città e dei 23 comuni della sua provincia. Un totale di oltre 3000 chilometri di rete, con 182.825 punti di riconsegna attivi e 338 milioni di metri cubi distribuiti all’anno, circa un terzo nel capoluogo.
Rete attualmente gestita da cinque realtà: Edison, Inrete (Hera), A tutta rete (Cmv), 2i Rete gas e Soelia. Obiettivo del bando per il distributore unico è di efficientare la gestione in maniera da ottenere vantaggi anche per gli utenti e aumentare gli investimenti sull’infrastruttura. Secondo gli studi preliminari svolti dal Comune di Ferrara, il territorio, comunque, è già coperto in modo abbastanza omogenea da impianti abbastanza recenti, in quanto la costruzione delle dorsali risale agli anni Settanta e Ottanta, con ulteriori estensioni realizzate pochi anni fa. Il Piano di sviluppo richiesto dal bando pertanto conterrà l’entità e la copertura degli investimenti quasi esclusivamente destinati a nuove adduzioni.
La cifra base del bando, al momento riservata, secondo indiscrezioni dovrebbe aggirarsi sui 500 milioni di euro, vicina a quella stimata a inizio procedura due anni fa.


Leggi anche

La società del gruppo Gas Plus, quarto produttore nazionale di gas, si è aggiudicata la gara bandita dal Comune per la vendita di Rete Gas Fidenza, la municipalizzata che si occupa della distribuzione gas nella cittadina e proprietaria della rete. Gp Infrastrutture ha vinto il bando con un’offerta di 14 milioni di euro, accompagnata da un programma di espansione dell’infrastruttura …

Leggi tutto…

All’incontro con gli stakeholder, la società ha presentato tre iniziative sui temi dell’innovazione e transizione energetica e dell’impresa sociale: il progetto Snamtec, nel quale investirà 850 milioni di euro entro il 2022 per costruire l’azienda energetica del futuro, rinnovabile, tecnologica e digitale; la Social Supply Chain, per coinvolgere le imprese sociali nella catena di fornitura; la piattaforma Snam Up, che consentirà a ognuno di proporre nuovi progetti e sviluppare imprenditorialità…

Leggi tutto…

I risultati consolidati al 30 settembre vedono l’utile netto crescere del 6,1% a 226,4 milioni, e di quasi il 9% l’utile operativo. Sui ricavi, che ammontano a 880,7 milioni, generati soprattutto dalle attività di distribuzione gas. Nello stesso periodo sono stati investiti 349 milioni di euro, dei quali la quota maggiore per l’installazione degli smart meter: 1.386 milioni quelli posati nei 9 mesi, portando il totale a 4.283 milioni, pari al 53,2% dell’intero parco contatori …

Leggi tutto…

La multiutility, attiva nella distribuzione gas in 90 comuni veneti, sta valutando l’ipotesi di uscire dalla vendita di energia e gas per concentrarsi sul servizio di distribuzione gas. In tale strategia entrerebbe l’alleanza con Italgas, una delle possibili soluzioni allo studio, che porterebbe alla nascita di una nuova realtà locale del valore di un miliardo di euro …

Leggi tutto…

È arrivato il via libera di Bruxelles alla creazione della joint-venture tra Snam e Società gasdotti Italia, che si occuperà della costruzione e gestione della Dorsale sarda, il grande gasdotto che garantirà l’approvvigionamento di metano a tutta l’isola. L’operazione, è il giudizio dei tecnici europei, non pone problemi sotto il profilo della concorrenza…

Leggi tutto…