acque

Nelle acque reflue, le vostre sfide sono la nostra missione

Autore: Enrico Armanasco, Industry Manager Water & WasteWater in Endress+Hauser Italia

 
Anche con i processi di trattamento acque, le sfide per gli operatori sono in aumento e le norme legislative stanno diventando sempre più severe. Nuovi processi come la rimozione dei microinquinanti stanno diventando lo standard.

Sebbene sia compito primario di ogni gestore di un impianto idrico garantire la sicurezza dell’acqua, egli deve anche tenere sotto controllo i costi complessivi. Ciò significa trovare il modo di rendere i processi più efficienti senza compromettere la sicurezza del trattamento; con l’energia che sta diventando sempre più costosa, questo significa trovare l’equilibrio tra sicurezza ed efficienza. Un compito impegnativo.
 

Le sfide del settore acque e acque reflue non sono mai state così ardue: standard normativi, budget ridotti e crescente complessità processi.

Per affrontare queste sfide, è necessario un partner che abbia vasta conoscenza ed esperienza del settore con e una gamma di prodotti, soluzioni e servizi.

Se avete bisogno di aggiornare la vostra strumentazione per soddisfare i requisiti di legge, migliorare l’efficienza o snellire i vostri processi di pianificazione – affidatevi a noi e all’esperienza che abbiamo maturato lavorando con i nostri clienti in tutto il mondo.

Sulla base di queste esperienze, abbiamo sviluppato il nostro intero portfolio di strumentazione in base alle esigenze del vostro settore. Questo vale anche per le soluzioni e l’offerta di servizi.

acque

 
Endress+Hauser combina un ampio portfolio di strumenti di misura intelligenti con consulenza e servizi esperti per garantire in modo flessibile ed efficiente la sicurezza dell’acqua con una conformità normativa verificabile.

Questo mese vogliamo porre l’attenzione su due aspetti legati al nostro portfolio che non riguardano nuovi prodotti, ma due caratteristiche che rendono i nostri strumenti più sicuri e pronti per quella che sarà l’Industria 4.0.
 

Heartbeat Technology

Grazie alla tecnologia Heartbeat, i punti di misura possono essere facilmente verificati senza interrompere il processo. L’autodiagnostica continua segnala immediatamente eventuali anomalie, in aggiunta è possibile attivare il test di verifica esteso che genera automaticamente un report pdf, non modificabile, di conformità della misura (il sistema è approvato dal TUV).

La tecnologia Heartbeat garantisce quindi l’affidabilità e la congruità della misura sollevando dall’onere dei controlli i gestori degli impianti. I rapporti generati, oltre a contribuire alla documentazione della qualità dell’impianto, forniscono indicazioni precise per le procedure di manutenzione predittiva, ottimizzando gli interventi di manutenzione periodica.

 

IIoT – Digitalizzazione

L’Industrial Internet of Things (IIoT) è uno dei temi più caldi nell’industria delle acque e delle acque reflue in questo momento e con Endress+Hauser si può fare il primo passo verso questo futuro digitale.

Grazie alla connettività online dei nostri prodotti, anche i punti di misura difficili da raggiungere possono essere facilmente monitorati e controllati. Per una panoramica completa, possiamo fornirvi delle dashboard che visualizzano i vostri dati salienti. In connessione con i nostri sensori intelligenti e le loro funzioni di autodiagnostica, il sogno dell’impianto idrico digitale sta già diventando realtà.


Leggi anche

Attivo il nuovo schema depurativo Calcinaia-Oltrarno-Chiesino, realizzato dal gestore idrico del Basso Valdarno con un investimento di 3,3 milioni di euro. A beneficiare dell’opera saranno 10.000 cittadini. I lavori, cominciati nel 2016, hanno permesso di dismettere il vecchio depuratore di Calcinaia, di riorganizzare il sistema fognario a servizio delle tre località e di collettare i reflui all’impianto di Pontedera….

Leggi tutto…

Obiettivo delle opere mettere al riparo le aree della città e dei comuni di Cerea e Minerbe più soggetti ad allagamenti, ridisegnandone le infrastrutture di raccolta delle acque bianche. I cantieri, per un valore di 5 milioni di euro, sono finanziati dal fondo messo a disposizione da Regione Veneto a favore dei territori colpiti dalla tempesta Vaia, che nel 2018 si abbatté su diverse aree del Veneto….

Leggi tutto…

L’intervento permetterà di eliminare gli scarichi liberi ancora presenti nel centro storico del comune aretino e collettare i reflui all’impianto di depurazione di Figline Valdarno, superando così la procedura d’infrazione comunitaria. Prevede la posa di 4,5 km di condotte, parte della quale sarà effettuata con la tecnica no-dig del microtunnelling, e la realizzazione di 7 sollevamenti fognari e 11 scolmatori per un investimento di 4,5 milioni …

Leggi tutto…

Il sesto tronco dell’infrastruttura sarà completato nei primi mesi del prossimo anno. L’opera, insieme collettore di Ponte Ladrone e al III tronco del collettore della Crescenza, fa parte del complesso di interventi che permetteranno la riqualificazione igienica e ambientale del quadrante Ovest della Capitale. Una volta completata, convoglierà i reflui al depuratore di Roma Ovest, permettendo la dismissione del vecchio impianto di Palmarola ormai saturo…

Leggi tutto…

L’intervento, realizzato con la tecnica senza scavo del relining, ha permesso di ripristinare la piena funzionalità di oltre 2 chilometri di condotte che scorrono sotto due delle principali arterie della città, riducendo al minimo l’impatto sulla viabilità e i costi sociali. I lavori, per una spesa di 3,6 milioni di euro, sono stati conclusi nel pieno rispetto delle tempistiche programmate …

Leggi tutto…