Nuovo presidente Snam Nicola Bedin

Nicola Bedin è il nuovo presidente di Snam

Il nuovo presidente di Snam è Nicola Bedin, scelto come numero uno della società che gestisce la rete nazionale di trasporto gas nell’ultima assemblea dei soci su proposta dell’azionista di maggioranza, Cdp Reti.

Trevigiano, classe 1977, Bedin, laurea in Economia aziendale alla Bocconi di Milano, è professore a contratto di economia applicata presso l’Università degli Studi di Pavia, e succede nella carica a Luca Del Fabbro, dimessosi lo scorso maggio, a solo un anno dalla sua nomina.

Bedin ha iniziato la sua carriera come consulente finanziario in Mediobanca per poi entrare, nel 2004, nel Gruppo Ospedaliero San Donato, tra i principali operatori italiani del settore ospedaliero, del quale l’anno successivo è diventato amministratore delegato, carica che ha ricoperto fino al 2017. Dal 2015 al 2017 è stato amministratore delegato dell’Università Vita e Salute – San Raffaele, mentre dal 2012 al 2017, ha occupato lo stesso ruolo nell’Irccs Ospedale San Raffaele, guidandone in prima persona il risanamento e il rilancio.

A inizio 2018, ha dato vita a Lifenet Healthcare, iniziativa imprenditoriale nel settore dell’assistenza sanitaria che oggi coinvolge 10 aziende ospedaliere e ambulatoriali presenti in Lombardia, Piemonte ed Emilia-Romagna, che occupa oltre 800 persone.

Ma Bedin, oltre che nel campo sanitario, vanta importanti esperienze anche nel comparto gas, dove dal 2016 allo scorso anno ha ricoperto il ruolo di amministratore non esecutivo di Italgas, della quale è stato presidente del Comitato sostenibilità e componente del Comitato controllo e rischi e operazioni con parti correlate.

L’Assemblea ha anche approvato il bilancio Snam relativo al 2019. Bilancio chiuso con un utile netto di oltre 816,5 milioni di euro. L’Assemblea ha deliberato di destinare agli azionisti a titolo di dividendo l’utile di esercizio di 504 milioni, con la distribuzione di un dividendo di 0,1426 euro per azione a saldo dell’acconto sul dividendo precedentemente deliberato dal Consiglio di amministrazione, per un importo complessivo riferito all’intero anno di 0,2376 euro per azione.


Leggi anche

Idrogeno Snam Hydrogen Strategy

L’idrogeno giocherà un ruolo cruciale verso l’obiettivo di carbon neutrality al 2050 dell’Unione europea. In questo contesto si colloca lo studio preliminare per la realizzazione di una rete per il trasporto del vettore realizzato da 11 gestori europei di infrastrutture di trasmissione energetica, tra i quali Snam. La rete nel 2040 potrebbe raggiungere i 23.000 km di estensione, per lo più costituiti da condotte gas già esistenti, e la sua costruzione richiederebbe un investimento tra i 27 e i 64 miliardi di euro …

Leggi tutto…

Italgas app WorkOnSite

WorkOnSite è l’innovativa app sviluppata dalla Digital Factory di Italgas per gestire i controlli sui cantieri della rete gas e rendere più efficienti e veloci le verifiche di conformità delle lavorazioni che vengono effettuate. Il tutto grazie a un algoritmo di intelligenza artificiale che utilizza il riconoscimento delle immagini inviate dai tecnici delle imprese esecutrici per accertare la corrispondenza dei lavori alle specifiche di progetto…

Leggi tutto…

Accordo Snam e Politecnico di Bari per idrogeno verde

La collaborazione siglata tra il gestore della rete di trasporto gas e il politecnico pugliese punta a realizzare un innovativo prototipo di rete energetica autonoma, basata sull’utilizzo di idrogeno prodotto da fonti energetiche rinnovabili. Il progetto andrà avanti almeno fino a fine 2022 e prevede anche la redazione di un business case per valutare le condizioni tecnico-economiche per riprodurre il sistema su scala commerciale…

Leggi tutto…

SKID - ARTIKA 230-2S

Intervista a Luca Gazzera, LNG Industrial & Automotive Sales Manager di Vanzetti Engineering, azienda italiana con sede a Cavallerleone (CN) attiva nella progettazione e realizzazione di pompe criogeniche per gas naturale liquefatto e gas industriali…

Leggi tutto…

Snam accordo con Adnoc, Emirati Arabi

La società, in consorzio con cinque grandi fondi di investimento, ha rilevato il 49% di Adnoc Gas Pipelines, che ha in gestione 38 gasdotti. L’operazione del valore di 10,1 miliardi di dollari è una delle più importanti mai avvenute nel settore delle infrastrutture energetiche a livello globale e rappresenta la prima acquisizione di Snam, che vi parteciperà con una spesa di 250 milioni di dollari, fuori dall’Europa…

Leggi tutto…