No-Dig acquedotti: nuove tecniche e materiali

Le giornate tecniche di

Servizi a Rete logo no fondino_RID

Nuove tecniche e materiali per il risanamento non distruttivo degli acquedotti
14 Luglio 2016

Report

Vedi il Programma

Durante la giornata sono intervenuti gli specialisti di enti gestori che hanno proposto esperienze specifiche di recente realizzazione con questo tipo di tecnologie.

L’Ing. Ennio Cima insieme all’Ing. Daniele Verde di Acqualatina ha parlato dell’esperimento pilota di pipe curing, Carlo Torre di Ireti ha illustrato le nuove frontire del relining, cioè la transizione dei sistemi Close-Fit ai moderni tubolari compositi Hose Lining e il Geom. Andrea Pala di Sapi ha illustrato l’esperienza con il Consorzio di Bonifica Sardegna Meridionale che ha visto il risanamento di tubazioni dn. 300 e 400 nel territorio sardo .

Presente anche IATT, l’associazione nazionale delle tecnologie trenchless che attraverso la voce di Feliciano Esposto ha riassunto i vantaggi sia economici che sociali derivanti dall’utilizzo di tecnologie senza scavo.

Particolarmente interessante l’apertura del Prof. Giuseppe Bonifazi della Sapienza che si è attardato sull’interesse che queste giornate di aggiornamento riscuotono da parte degli studenti oltre che dell’Università di Latina.

Il Prof. Claudio Alimonti ha aggiunto: “Da anni si opera ad uno sviluppo di conoscenze non solo accademiche, ma anche pratiche”. “Tenere aggiornati i nostri studenti su come si sta muovendo il mondo del sottosuolo – ha continuato – significa lanciare un ponte tra università e industria offrendo ai ragazzi probabili sbocchi sempre differenti ed in linea con gli sviluppi del mercato”.

I prodotti, il loro utilizzo ed il commento al filmato di alcuni lavori effettuati sono stati invece illustrati dal Geom. Franco Scarabelli e l’Ing. Roberto Baroni, entrambi dell’azienda IN.TE.CO. promotore dell’iniziativa.

L’Ing. Davide Berbenni di Gruppo Mercurio ha tenuto una relazione in cui si è fatto il punto sull’importanza della conoscenza delle reti gestite quale punto di partenza imprescindibile per una corretta gestione.

Al termine dei lavori le numerose domande sono state spunto di interessanti dibattiti ed un auspicato arrivederci a presto magari con altri incontri di approfondimento.


Leggi anche

Per ridurre al minimo i disagi per la popolazione e i turisti, il Comune, che gestisce il servizio idrico integrato, ha scelto la tecnica della Trivellazione orizzontale controllata per la posa di un nuovo collettore in una strada del centro storico. La sostituzione della vecchia condotta si è resa necessaria per via del suo avanzato stato di deterioramento, causa di continue perdite …

Leggi tutto…

L’intervento riguarda la dorsale principale che assicura l’approvvigionamento della zona industriale di Vado Ligure. Per il recupero funzionale della condotta, che ha una lunghezza di 1 chilometro e un diametro di 300 mm, verrà utilizzata la tecnica Primus line, che prevede l’inserimento di un tubolare all’interno delle tubazioni esistenti. La conclusione dei lavori è prevista per la metà di maggio…

Leggi tutto…

Già avviati i lavori per la realizzazione di una condotta della lunghezza di 12 chilometri che porterà l’acqua in uscita dal depuratore nell’agro di Lentini, a beneficio delle aziende agricole della zona, invece di finire in mare. Le opere, che prevedono anche la costruzione di una vasca di raccolta, saranno completate per la fine dell’anno. Intanto è stato stilato un piano per l’estensione della rete fognaria in città, che in diversi aree ne è ancora priva…

Leggi tutto…

La multiutility ha avviato i lavori per la sostituzione dell’adduttrice che garantisce l’approvvigionamento idrico della città. Saranno posati 15 km di tubazioni in ghisa sferoidale al posto delle vecchie condotte in cemento amianto. I lavori sono suddivisi in tre stralci, prevedono l’attraversamento di un tratto di autostrada e di linee ferroviarie, e termineranno per la fine del 2019. Il costo dell’opera è di 13,5 milioni di euro

Leggi tutto…

Realizzato il collettore fognario per la raccolta dei reflui della zona delle Mura Megalitiche. Diverse le criticità che i tecnici hanno dovuto affrontare per posare oltre 2 chilometri di condotta, quali la profondità dello scavo e l’attraversamento di una strada statale e di diverse zone di alto pregio paesaggistico e archeologico. L’investimento per i lavori è stato di 1,5 milioni di euro…

Leggi tutto…