Lavori alla rete di distribuzione gas di Predazzo gestita da Novareti

Novareti estende la rete gas di Predazzo

Cresce la rete di distribuzione gas a servizio di Predazzo, in provincia di Trento. Novareti, la società del gruppo Dolomiti Energia che si occupa della gestione delle attività di distribuzione gas, del ciclo idrico e del teleriscaldamento, ha dato il via per realizzare l’infrastruttura a Bellamonte, frazione di Predazzo e una delle località più suggestive della Val di Fiemme e dell’intero Trentino.

Il progetto va a soddisfare, almeno in parte, la richiesta avanzata dall’amministrazione comunale di Predazzo di estendere la rete di distribuzione del metano alle porzioni di territorio ancora non servite. Tra queste, oltre a Bellamonte, ci sono anche Mezzavalle e Fol. Richiesta fatta propria da Novareti, che in futuro valuterà anche la possibilità di proseguire con il progetto nelle altre due località.

Intanto per la nuova infrastruttura, la società ha stanziato un investimento di 2,5 milioni di euro, una somma elevata, specialmente se rapportata al numero non altrettanto elevato di utenze da servire, ma che garantirà vantaggi notevoli alla località. A partire da una importante riduzione delle emissioni inquinanti, in quanto l’allacciamento alla rete del metano permetterà agli abitanti e alle tante attività presenti nella località di dismettere le numerose cisterne interrate e caldaie a gasolio, tra l’altro in molti casi anche datate, finora utilizzate per la produzione di acqua calda e per il riscaldamento degli ambienti.

I lavori, già avviati, prevedono la realizzazione di una linea di collegamento che dalla località Sottosassa raggiunga la frazione di Bellamonte. Linea che dovrebbe essere conclusa entro l’autunno, per poi procedere con le varie diramazioni che consentiranno di portare il gas alle diverse utenze e che saranno realizzate nei mesi successivi.

L’amministrazione comunale, inoltre, approfitterà degli scavi per le condotte gas per installare i minitubi che dovranno ospitare la rete di telecomunicazione in fibra ottica.


Leggi anche

Con l’ok da parte dell’amministrazione comunale al progetto del valore di 12,6 milioni di euro messo a punto dal gestore BA.SE si sblocca il processo per arrivare alla completa metanizzazione di Bagheria. Un iter partito nel 2006 e poi interrottosi. Un’opera attesa da anni per la quale ora il gestore potrà partecipare a bandi e ricercare finanziamenti o cofinanziamenti pubblici indispensabili per la sua realizzazione. …

Leggi tutto…

La società del Gruppo Italgas ha completato la conversione della rete a servizio del comune sassarese, prima alimentata a GPL, e messo in esercizio un deposito criogenico di gas naturale liquefatto che la alimenta. L’operazione segue a quelle già realizzate a Putifigari, Berchidda e Ittireddu. A breve saranno completate anche le conversioni delle reti di Urzulei e, entro fine aprile, di Perdasdefogu, Usini, Uri e Ozieri…

Leggi tutto…

È quanto prevede il nuovo piano industriale 2021-2030 Life is our Duty, focalizzato sull’economia circolare e sulla transizione energetica, con investimenti, rispettivamente, per 6 e 10 miliardi di euro, per contribuire al conseguimento degli obiettivi di sostenibilità dell’ONU e al rilancio economico del Paese. Tra i target, ridurre del 20% delle perdite idriche, portare la capacità installata di rinnovabili a 5,7 GW, e recuperare ulteriori 4,4 milioni di tonnellate di rifiuti …

Leggi tutto…

Sperimentare e realizzare soluzioni in diversi ambiti d’azione per la decarbonizzazione del territorio emiliano-romagnolo è l’obiettivo della collaborazione, incentrata sull’idrogeno, annunciata dalle due realtà. Tra i progetti in cantiere: l’applicazione della tecnologia power-to gas al depuratore di Bologna e ai termovalorizzatori di Hera e l’immissione di una miscela di gas naturale e idrogeno in una porzione della rete di Modena…

Leggi tutto…

Dopo i tre cantieri partiti lo scorso anno, la società del Gruppo Hera che si occupa della distribuzione gas ed elettricità, ha avviato due nuovi interventi che porteranno alla sostituzione di 1,9 chilometri di condotte. I lavori fanno parte del piano di rinnovo delle tubazioni obsolete siglato con Unica Rete, la società dei 30 comuni della provincia di Forlì-Cesena proprietaria delle infrastrutture gas e idriche, e che interesserà, solo a Forlì,120 chilometri di rete…

Leggi tutto…