Nuovo piano industriale Hera, 2 miliardi entro il 2018


Contatori smart e nuovi acquedotti, ecco i futuri investimenti di Hera

Investimenti, nuovi progetti, ricchezza distribuita sul territorio. Sono i punti forti del piano industriale al 2018 di Hera, approvato recentemente dall’azienda e presentato circa una settimana fa dal Presidente Esecutivo Tomaso Tommasi di Vignano e dall’Amministratore Delegato Stefano Venier al Tavolo Comunale per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva e, successivamente, ai Sindaci della provincia di Modena e in Commissione Consiliare.

Le basi del piano industriale sono solide, come dimostrato dai risultati ottenuti fino ad ora: dal 2002 al 2013 sul territorio servito il Gruppo Hera ha effettuato oltre 4,3 miliardi di euro di investimenti e il valore aggiunto distribuito a lavoratori, azionisti, fornitori e pubblica amministrazione ha superato i 16 miliardi di euro. Negli ultimi 11 anni Hera è riuscita inoltre ad abbassare la percentuale di rifiuti smaltiti in discarica dal 49% al 16% (con l’obiettivo di arrivare sotto l’8% nel 2018), mentre le emissioni dei termovalorizzatori di Hera, misurate rispetto ad un limite di legge del 100%, si sono ridotte dal 41% del 2004 al 14% nel 2013.

Con circa 3,3 milioni di euro d’investimenti, Hera sta lanciando un progetto sperimentale di telelettura dei dati di consumo reale sui contatori gas, acqua, energia elettrica e teleriscaldamento (lettura “multibusiness”). A partire dalle prossime settimane si cominceranno a installare i nuovi contatori, che permetteranno di garantire agli utenti anche dei servizi extra come l’accesso ai dati reali di consumo via web e un messaggio di allerta in caso di consumi anomali. Nei prossimi anni, i piani d’investimento della multiutility prevedono la costruzione di nuove dorsali di acquedotto in pianura, la realizzazione di una nuova linea fanghi al depuratore di Modena e la costruzione di sistemi di collettamento e trattamento reflui in varie aree. Tutti gli investimenti rientrano nella strategia di aumentare l’efficienza delle reti: in un contesto in cui la tariffa media per il servizio idrico a Modena è la più bassa della regione (1,47 euro al metro cubo rispetto ai 2,20 di Reggio Emilia).

Previsti entro il 2018 oltre 2 miliardi di investimenti, 118 milioni solo per il modenese. Nell’ambito del piano industriale il 70% degli investimenti sarà destinato alla filiera reti. Nella provincia di Modena gli investimenti diretti nel periodo del piano saranno in totale 118 milioni di euro, di cui circa 23 già pianificati nel 2015

Ogni anno distribuita nel modenese ricchezza per circa 150 milioni di euro. Nel territorio modenese il valore aggiunto distribuito da Hera nel 2013 è stato pari a 147 milioni di euro, in linea con l’anno precedente: una quota importante che rappresenta ben il 17% del valore aggiunto distribuito complessivamente dal Gruppo in Emilia Romagna. In particolare, oltre 62 milioni sono andati ai lavoratori, 57 milioni ai fornitori locali, 12 milioni agli azionisti e circa 16 milioni alle pubbliche amministrazioni.

Didascalia foto: contatori gas Hera


Leggi anche

Il piano industriale al 2045 destina 227 milioni al triennio 2021-2023. Priorità nel programma delle opere è stata data al potenziamento degli impianti di depurazione e delle reti fognarie per superare le infrazioni comunitarie. La società ha anche individuato 74 progetti da inserire nel PNRR, per un valore di 141 milioni di euro. Anche in questo caso il focus è sulla depurazione e sulla riduzione delle perdite idriche….

Leggi tutto…

Il rinnovo e l’ammodernamento del potabilizzatore Jato, realizzato negli anni Settanta, si è reso necessario a causa del decadimento della qualità dell’acqua prelevata dall’invaso Poma. L’impianto tratta l’acqua che soddisfa la domanda idrica della parte Nord di Palermo e di sei comuni limitrofi. Per il suo rinnovamento il gestore ha previsto un investimento di 21 milioni di euro, mentre è di un milione la spesa per la progettazione….

Leggi tutto…

Il piano messo a punto per il rilancio dell’Italia presentato da Utilitalia nel corso di un’audizione alla Camera contribuirebbe ad un incremento dell’1,48% del PIL e alla creazione di 285.000 nuovi posti di lavoro. La quota maggiore degli investimenti andrebbe al ciclo idrico, con progetti per 14 miliardi, seguito da quello energetico, circa 7 miliardi, e da quello ambientale, con circa 4 miliardi….

Leggi tutto…

Oggi, i fenomeni geologici naturali (subsidenza) o fenomeni indotti dall’attività antropica causano cedimenti strutturali che provocano ingenti danni, interruzione dei servizi di pubblica utilità. Le Utilities, infatti, spendono gran parte del loro budget alla ricerca di soluzioni per prevenire le conseguenze derivanti da tali situazioni. Attraverso i sistemi di monitoraggio satellitare è possibile adottare una manutenzione di tipo predittivo, per supportare le operazioni quotidiane di manutenzione sulle fognature e sulle condotte sotterranee rilevando le condotte a maggiore rischio….

Leggi tutto…

La ricerca delle perdite idriche, la loro conoscenza e la riduzione delle stesse è uno dei principali obiettivi di un gestore del servizio idrico. Un elemento fondamentale è il monitoraggio delle reti nelle sue varie componenti. Oggi sono molto diffusi i contatori elettronici che tengono sotto controllo i consumi dell’utente, ci sono sistemi per il monitoraggio dei distretti, delle adduzioni e per fare il bilancio idrico di una determinata area. …

Leggi tutto…