Di nuovo a rischio l’acquedotto di Messina


Un nuovo fronte di frana si è aperto a Forza D’Agrò, Comune nella provincia di Messina, e minaccia la condotta di Fiumefreddo, già danneggiata in precedenza, che porta l’acqua alla città dello Stretto. Il rischio di un’altra emergenza è stato paventato nel tavolo tecnico convocato da Amam, che ha segnalato una ripresa del movimento franoso che potrebbe portare a nuove situazioni di emergenza e fortissima criticità per l’approvvigionamento idrico.
Amam, lanciando l’allarme, ha anche accusato l’inerzia delle istituzioni, ricordando di aver già segnalato la gravità della situazione e le forti criticità presenti nell’acquedotto di Fiumefreddo nel territorio di Forza d’Agrò a tutte le amministrazioni competenti: Dipartimento Protezione Civile Nazionale, Prefettura di Messina, Genio Civile di Messina, Arta Sicilia e Dipartimento Protezione Civile Regione Sicilia. Appelli caduti nel vuoto: “A tutt’oggi – denuncia l’azienda – nonostante impegni assunti formalmente dalla società SiciliaAcque spa, non sono state avviate le opere necessarie per consentire il ripristino definitivo della condotta del Fiumefreddo”.
Il rischio di una nuova frana è stato rilevato grazie al monitoraggio che Amam sta conducendo nell’area. Per scongiurare una nuova crisi, il gestore del servizio idrico ha messo a punto un piano d’intervento urgente che prevede la realizzazione di una condotta di by pass. Durante i lavori, che verranno eseguiti a luglio, sarà bloccata per due giorni l’erogazione dell’acqua.
Il sistema acquedottistico messinese non è nuovo a questo genere di problemi. Un primo guasto della condotta avvenne lo scorso 23 ottobre, quando una frana aveva causato la rottura della condotta di Fiumefreddo a Calatabiano. L’acqua era tornata dopo una settimana di intensi lavori. Il 3 novembre aveva ceduto la nuova condotta e i tecnici pensarono di realizzare un by pass a Forza D’Agrò per collegare l’acquedotto di Fiumefreddo con quello dell’Alcantara. Il 17 l’erogazione riprese, ma il 21 ci fu un altro guasto. Un calvario che sembrava finito il 23 novembre e con i possibili colpevoli individuati dalla Procura, che intanto aveva aperto un’inchiesta conoscitiva. Ma il 28 dicembre un nuovo guasto portò alla sospensione dell’erogazione di acqua, servizio ripristinato solo il 5 gennaio. Altre interruzioni si sono verificate il 26 gennaio, il 9 febbraio e il 27 aprile scorso.


Leggi anche

Progettata da Risorse idriche, società di ingegneria del gruppo Smat, l’infrastruttura avrà un’estensione di oltre 14 chilometri e servirà il capoluogo piemontese e 20 comuni della sua area metropolitana sud. Un’opera dal costo di 120 milioni di euro che incrementerà la capacità idraulica del sistema per fronteggiare il notevole aumento delle portate miste effetto dei cambiamenti climatici…

Leggi tutto…

Previsti nel budget appena approvato dall’assemblea dei sindaci, gli investimenti saranno dedicati in gran parte al settore acquedotto, con interventi per 23 milioni, mentre la quota restante agli interventi su fognature e impianti di depurazione. Nel complesso, il budget prevede a fine 2020 un valore della produzione pari a 86.466.200 euro e costi della produzione per 83.959.334 euro…

Leggi tutto…

La multiutility del Nord della Lombardia ha perfezionato con la Banca europea per gli investimenti un prestito, a 16 anni, a sostegno del suo Piano di investimenti 2019-2023. Le risorse serviranno a sostenere progetti nei diversi campi di attività del gruppo, dall’ambiente alle reti idriche, da quelle elettriche al teleriscaldamento, dall’illuminazione pubblica all’efficienza energetica dalle smart city alla sicurezza informatica, interessando circa 900.000 abitanti…

Leggi tutto…

La nuova adduttrice avrà uno sviluppo complessivo di 47 chilometri e metterà a disposizione di alcuni quartieri di Bari e di tre comuni del suo l’hinterland le acque potabilizzate provenienti dall’impianto del Locone, in provincia di Barletta-Andria-Trani. Le procedure di gara per la sua realizzazione, per la quale è previsto un investimento di 80 milioni di euro, partiranno il prossimo anno …

Leggi tutto…

Delle risorse, parte delle quali provenienti dal ministero dell’Ambiente, che saranno investite in un arco di 5 anni, beneficeranno 105 comuni della regione per portare avanti interventi di efficientamento della rete di distribuzione, con particolare attenzione alla lotta alle perdite idriche, potenziamento delle fognature e realizzazione di depuratori …

Leggi tutto…