Di nuovo a rischio l’acquedotto di Messina


Un nuovo fronte di frana si è aperto a Forza D’Agrò, Comune nella provincia di Messina, e minaccia la condotta di Fiumefreddo, già danneggiata in precedenza, che porta l’acqua alla città dello Stretto. Il rischio di un’altra emergenza è stato paventato nel tavolo tecnico convocato da Amam, che ha segnalato una ripresa del movimento franoso che potrebbe portare a nuove situazioni di emergenza e fortissima criticità per l’approvvigionamento idrico.
Amam, lanciando l’allarme, ha anche accusato l’inerzia delle istituzioni, ricordando di aver già segnalato la gravità della situazione e le forti criticità presenti nell’acquedotto di Fiumefreddo nel territorio di Forza d’Agrò a tutte le amministrazioni competenti: Dipartimento Protezione Civile Nazionale, Prefettura di Messina, Genio Civile di Messina, Arta Sicilia e Dipartimento Protezione Civile Regione Sicilia. Appelli caduti nel vuoto: “A tutt’oggi – denuncia l’azienda – nonostante impegni assunti formalmente dalla società SiciliaAcque spa, non sono state avviate le opere necessarie per consentire il ripristino definitivo della condotta del Fiumefreddo”.
Il rischio di una nuova frana è stato rilevato grazie al monitoraggio che Amam sta conducendo nell’area. Per scongiurare una nuova crisi, il gestore del servizio idrico ha messo a punto un piano d’intervento urgente che prevede la realizzazione di una condotta di by pass. Durante i lavori, che verranno eseguiti a luglio, sarà bloccata per due giorni l’erogazione dell’acqua.
Il sistema acquedottistico messinese non è nuovo a questo genere di problemi. Un primo guasto della condotta avvenne lo scorso 23 ottobre, quando una frana aveva causato la rottura della condotta di Fiumefreddo a Calatabiano. L’acqua era tornata dopo una settimana di intensi lavori. Il 3 novembre aveva ceduto la nuova condotta e i tecnici pensarono di realizzare un by pass a Forza D’Agrò per collegare l’acquedotto di Fiumefreddo con quello dell’Alcantara. Il 17 l’erogazione riprese, ma il 21 ci fu un altro guasto. Un calvario che sembrava finito il 23 novembre e con i possibili colpevoli individuati dalla Procura, che intanto aveva aperto un’inchiesta conoscitiva. Ma il 28 dicembre un nuovo guasto portò alla sospensione dell’erogazione di acqua, servizio ripristinato solo il 5 gennaio. Altre interruzioni si sono verificate il 26 gennaio, il 9 febbraio e il 27 aprile scorso.


Leggi anche

Interventi Pistoia Publiacqua

Partiti i lavori per eliminare 8 scarichi diretti in ambiente nelle zone di Chiazzano, Nespolo e Le Querci e collettarne i reflui al Depuratore centrale. L’intervento prevede la posa di 8 chilometri di condotte, dei quali 5 a gravità e 3 in pressione, di 8 manufatti di sfioro e di 4 impianti di sollevamento. In contemporanea, verrà realizzata una nuova condotta di distribuzione idrica, che scorrerà in parallelo alla fognatura, per un valore totale di 6,5 milioni di euro…

Leggi tutto…

Acquedotto Pugliese

Il secondo lotto dell’opera, del valore di 75,2 milioni di euro, permetterà di fronteggiare eventuali periodi di siccità, garantendo più acqua alla città di Bari, all’area a nord della città e alla Capitanata, nel Nord della regione. Un intervento imponente che prevede nel complesso la posa di 63 chilometri di condotte del diametro di un metro, con diversi attraversamenti di importanti arterie stradali e ferroviarie, un nuovo serbatoio, una stazione di accumulo e 80 pozzetti…

Leggi tutto…

Acqua Latina Acqua Campania lavori Sud pontino

Dopo lo stop dovuto al ritrovamento dei reperti archeologici e, poi, all’emergenza sanitaria, le due società hanno ripreso i lavori per concludere la condotta di interconnessione della rete idrica del Sud pontino con l’Acquedotto della Campania Occidentale. Un’opera da 7 milioni, realizzata al 95% che permetterà di incrementare la portata di acqua nel Lazio meridionale del 20% e rendere il sistema idrico dell’area più resiliente…

Leggi tutto…

Caprari Desert Energy

Caprari lancia la nuova serie Caprari Desert+Energy, le nuove elettropompe sommerse 4” e 6” per piccoli e medi pozzi, progettate per garantire elevate prestazioni a lunga durata in condizioni di utilizzo estremamente gravose…

Leggi tutto…

Progetto PFAS acquevenete cartografia

Avviate le verifiche per il rilevamento di eventuali residui bellici, propedeutiche agli scavi per la realizzazione del nuovo sistema acquedottistico che porterà acqua di qualità e priva di contaminanti perfluoroacrilici ai comuni di Montagnana e del basso vicentino. Una mega opera dal costo di oltre 25 milioni di euro, che vedrà la posa di 22 chilometri di condotte e di un grande serbatoio della capacità di 10.000 litri…

Leggi tutto…