Occorrono 5 miliardi di euro l’anno per rigenerare le reti


Le reti idriche italiane presentano diverse carenze. La media di perdite del nostro Paese è del 40% di acqua anche se, andando nello specifico, la situazione è molto diversificata sul territorio nazionale, dove si trovano punte di eccellenza e picchi di cattive pratiche. A ribadirlo è Utilitalia, la Federazione delle imprese di acqua, energia, ambiente, che altrettanto chiaramente ha ribadito che servirebbero investimenti di almeno 5 miliardi di euro l’anno per una rigenerazione, riparazione e manutenzione delle reti e per opere ormai necessarie. La voragine del Lungarno a Firenze è un episodio clamoroso che permette però di tracciare un panorama dello stato dell’arte nel Paese. “Firenze, come succede alla parte più preziosa dell’Italia, soffre la delicatezza di tutte le città storiche – ha spiegato il presidente di Utilitalia e di A2A Giovanni Valotti -. Posso dire però che la Toscana è una delle Regioni avanzate rispetto al resto del Paese, sia per le condizioni delle strutture idriche sia per gli investimenti in manutenzione delle reti. Servono almeno 5 miliardi di investimenti realizzati e non solo programmati all’anno, tutti gli anni. Invece siamo a meno di un terzo, 1,5-1,6 miliardi”.
Secondo la Federazione oltre un terzo dell’acqua erogata si perde nei tubi: ogni 100 litri se ne perdono circa 40, ma il livello di efficienza della rete cambia in base all’area geografica. E infatti, secondo un recente report di Cittadinanzattiva – in cui si fa presente che in Toscana le tariffe sono tra le più alte d’Italia – la dispersione di rete più elevata che arriva fino al 60% si ha in Calabria e nel Lazio; le migliori sono Valle d’Aosta (20%) e Trentino Alto Adige (26%).
La media di investimento, osserva Utilitalia, è di 34 euro per abitante all’anno, contro una media europea che viaggia tra gli 80 e i 130 euro. Investimenti che però si abbassano quando a gestire le aree sono direttamente gli enti locali, con la media che scende a 12 euro. Il 95,6% della popolazione è collegata ad acquedotti, il 78,5% è collegata a un depuratore (ma oltre il 30%, specie al Sud, ha problemi sotto questo aspetto), il 7% non è collegata al servizio di depurazione; per quanto riguarda i livelli di continuità del servizio, circa il 9% delle famiglie dichiara di subire irregolarità nell’erogazione. Per il presidente di Utilitalia “Si tratta di una situazione gravissima che necessiterebbe un recovery plan; tra l’altro, spesso le aziende programmano gli interventi ma non riescono a portarli a termine in tempi brevi a causa di iter burocratici”.


Leggi anche

Il piano industriale al 2045 destina 227 milioni al triennio 2021-2023. Priorità nel programma delle opere è stata data al potenziamento degli impianti di depurazione e delle reti fognarie per superare le infrazioni comunitarie. La società ha anche individuato 74 progetti da inserire nel PNRR, per un valore di 141 milioni di euro. Anche in questo caso il focus è sulla depurazione e sulla riduzione delle perdite idriche….

Leggi tutto…

Il rinnovo e l’ammodernamento del potabilizzatore Jato, realizzato negli anni Settanta, si è reso necessario a causa del decadimento della qualità dell’acqua prelevata dall’invaso Poma. L’impianto tratta l’acqua che soddisfa la domanda idrica della parte Nord di Palermo e di sei comuni limitrofi. Per il suo rinnovamento il gestore ha previsto un investimento di 21 milioni di euro, mentre è di un milione la spesa per la progettazione….

Leggi tutto…

Il piano messo a punto per il rilancio dell’Italia presentato da Utilitalia nel corso di un’audizione alla Camera contribuirebbe ad un incremento dell’1,48% del PIL e alla creazione di 285.000 nuovi posti di lavoro. La quota maggiore degli investimenti andrebbe al ciclo idrico, con progetti per 14 miliardi, seguito da quello energetico, circa 7 miliardi, e da quello ambientale, con circa 4 miliardi….

Leggi tutto…

Oggi, i fenomeni geologici naturali (subsidenza) o fenomeni indotti dall’attività antropica causano cedimenti strutturali che provocano ingenti danni, interruzione dei servizi di pubblica utilità. Le Utilities, infatti, spendono gran parte del loro budget alla ricerca di soluzioni per prevenire le conseguenze derivanti da tali situazioni. Attraverso i sistemi di monitoraggio satellitare è possibile adottare una manutenzione di tipo predittivo, per supportare le operazioni quotidiane di manutenzione sulle fognature e sulle condotte sotterranee rilevando le condotte a maggiore rischio….

Leggi tutto…

La ricerca delle perdite idriche, la loro conoscenza e la riduzione delle stesse è uno dei principali obiettivi di un gestore del servizio idrico. Un elemento fondamentale è il monitoraggio delle reti nelle sue varie componenti. Oggi sono molto diffusi i contatori elettronici che tengono sotto controllo i consumi dell’utente, ci sono sistemi per il monitoraggio dei distretti, delle adduzioni e per fare il bilancio idrico di una determinata area. …

Leggi tutto…