Occorrono 5 miliardi di euro l’anno per rigenerare le reti


Le reti idriche italiane presentano diverse carenze. La media di perdite del nostro Paese è del 40% di acqua anche se, andando nello specifico, la situazione è molto diversificata sul territorio nazionale, dove si trovano punte di eccellenza e picchi di cattive pratiche. A ribadirlo è Utilitalia, la Federazione delle imprese di acqua, energia, ambiente, che altrettanto chiaramente ha ribadito che servirebbero investimenti di almeno 5 miliardi di euro l’anno per una rigenerazione, riparazione e manutenzione delle reti e per opere ormai necessarie. La voragine del Lungarno a Firenze è un episodio clamoroso che permette però di tracciare un panorama dello stato dell’arte nel Paese. “Firenze, come succede alla parte più preziosa dell’Italia, soffre la delicatezza di tutte le città storiche – ha spiegato il presidente di Utilitalia e di A2A Giovanni Valotti -. Posso dire però che la Toscana è una delle Regioni avanzate rispetto al resto del Paese, sia per le condizioni delle strutture idriche sia per gli investimenti in manutenzione delle reti. Servono almeno 5 miliardi di investimenti realizzati e non solo programmati all’anno, tutti gli anni. Invece siamo a meno di un terzo, 1,5-1,6 miliardi”.
Secondo la Federazione oltre un terzo dell’acqua erogata si perde nei tubi: ogni 100 litri se ne perdono circa 40, ma il livello di efficienza della rete cambia in base all’area geografica. E infatti, secondo un recente report di Cittadinanzattiva – in cui si fa presente che in Toscana le tariffe sono tra le più alte d’Italia – la dispersione di rete più elevata che arriva fino al 60% si ha in Calabria e nel Lazio; le migliori sono Valle d’Aosta (20%) e Trentino Alto Adige (26%).
La media di investimento, osserva Utilitalia, è di 34 euro per abitante all’anno, contro una media europea che viaggia tra gli 80 e i 130 euro. Investimenti che però si abbassano quando a gestire le aree sono direttamente gli enti locali, con la media che scende a 12 euro. Il 95,6% della popolazione è collegata ad acquedotti, il 78,5% è collegata a un depuratore (ma oltre il 30%, specie al Sud, ha problemi sotto questo aspetto), il 7% non è collegata al servizio di depurazione; per quanto riguarda i livelli di continuità del servizio, circa il 9% delle famiglie dichiara di subire irregolarità nell’erogazione. Per il presidente di Utilitalia “Si tratta di una situazione gravissima che necessiterebbe un recovery plan; tra l’altro, spesso le aziende programmano gli interventi ma non riescono a portarli a termine in tempi brevi a causa di iter burocratici”.


Leggi anche

Smat Torino - Bilancio 2019

Ottimi numeri quelli del bilancio relativo all’esercizio 2019 della società che gestisce il ciclo idrico a Torino e nei comuni della sua provincia. Il fatturato è salito a 442,9 milioni di euro, con gli utili pari a 54,7 milioni di euro e l’indebitamento finanziario lordo ridottosi di oltre il 14% rispetto al dato del 2018. Notevole il dato sugli investimenti, pari a 121 milioni, cresciuti del 34% sul 2018…

Leggi tutto…

Acque Bresciane Bilancio sostenibilità

Il gestore idrico di 93 comuni della provincia di Brescia ha presentato il Bilancio di sostenibilità relativo allo scorso anno, che riassume l’attività dell’azienda e il suo impegno in favore della tutela dell’ambiente. Azienda che lo scorso anno ha fatto investimento per 24 milioni di euro, rispetto ai 18 dell’anno precedente, riducendo le perdite di rete, azzerando quasi la quota di fanghi smaltiti in discarica, inferiore all’1%, e abbattendo i consumi della sua flotta del 27%…

Leggi tutto…

Approvazione bilancio 2019 acquevenete

L’Assemblea dei soci ha approvato il bilancio dell’esercizio 2019, chiuso con un valore della produzione di circa 88 milioni di euro e un margine operativo lordo del 29,8%. Importante anche il volume degli investimenti, pari a 30 milioni, dedicati all’efficientamento delle infrastrutture e al miglioramento del servizio, mentre è di 65 milioni di euro il valore economico distribuito agli stakeholder…

Leggi tutto…

Camioncino Iren - Bilancio di Sostenibilità 2019

Lo studio certifica l’impegno della multiutility verso l’ambiente, pilastro sempre più strategico delle sue attività. A partire da una gestione sempre più efficiente dell’acqua, grazie alla distrettualizzazione delle reti e alla lotta alle perdite. Nello scorso anno è cresciuta anche la raccolta differenziata, arrivando al 67,3% del totale, la flotta elettrica e la volumetria teleriscaldata, arrivata a 95 mmc, mentre l’impronta carbonica del Gruppo si è ridotta dell’1,7%…

Leggi tutto…

Logo Lario Reti Holding

La società ha chiuso il bilancio relativo allo scorso anno con ricavi pari a 52,4 milioni e utili per oltre 6 milioni. Gli investimenti realizzati sono stati pari a 24,1 milioni, circa pari alla metà rispetto ai tre anni precedenti, e hanno permesso di realizzare alcuni importanti interventi, come il revamping del depuratore di Lecco, lo sdoppiamento della rete fognaria di Oliveto Lario, e l’adeguamento dell’impianto di Ballabio…

Leggi tutto…