Ok al Piano invasi. Sbloccati 250 milioni di euro


La Conferenza unificata ha dato il via libera al Piano straordinario per gli invasi multiobiettivo e il risparmio di acqua negli usi agricoli e civili.
L’ok consente al governo di finanziare, con 250 milioni di euro, 30 opere nel settore. Interventi dei quali 19 già dotati di progettazione esecutiva e 11 di definitiva. Si tratta di una decisione importante che permette di avviare iniziative per la risoluzione dei problemi della siccità e di quelli delle inondazioni. Il Piano verrà adottato con decreto del ministro delle Infrastrutture e dei trasporti (Mit), Danilo Toninelli, di concerto con il ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Gian Marco Centinaio. Appena sarà firmato il decreto, il Mit procederà alla stipula delle convenzioni con i soggetti attuatori, con priorità per quelli che hanno a disposizione interventi già cantierabili.
Tra questi, la cassa di espansione Baganza, cofinanziata per 6 milioni di euro su 61 di costo totale, che proteggerà la città di Parma dalle inondazioni del torrente omonimo, la nuova diga in Molise, destinata a contenere le piene (30 milioni di euro), e la diga di Lentini (Siracusa), per la quale verranno eseguiti lavori di sistemazione di un paramento di valle che contribuiscono alla sicurezza complessiva dell’invaso (1,8 milioni di euro).
Altri interventi hanno, invece, la funzione di alimentare territori importanti dal punto di vista agricolo o densamente abitati e, quindi, con un importante fabbisogno in termini di acqua potabile. A quest’ultima categoria appartengono l’adeguamento del sistema idrico nell’area Flegreo Domiziana in Campania, finanziata con 31,5 milioni di euro, e il completamento della galleria di derivazione dall’invaso di Castagnara, che permetterà di ottimizzare l’uso plurimo dell’acqua del fiume Metramo in Calabria, progetto da 26,5 milioni.
Nel piano di finanziamenti entrano anche circa 20 opere di costo più contenuto, la maggior parte non superiore a 5 milioni di euro, ma rilevanti sia per il contenimento della dispersione idrica sia per l’incremento della capacità di invaso.
Tra queste, il canale essiccatore principale nell’Alberese (1 milione) e la derivazione dalla diga di Montedoglio (1,1 milioni di euro) in Toscana, il collettore padano (2,5 milioni) in Veneto, l’interconnessione tra i bacini di Olai e Gavossai (800.000 euro) in Sardegna, che incrementerà la capacità complessiva dell’intero sistema attraverso il collegamento di bacini contermini. Attenzione è stata inoltre riservata alle derivazioni principali e alle interconnessioni tra adduttori, come l’adduttore alimentato dalla diga del Liscia in Sardegna (19,5 milioni di finanziamento), le opere di impermeabilizzazione del Canale Villoresi in Lombardia (20 milioni) o l’ammodernamento delle tratte ammalorate degli adduttori primari, finanziate dal Piano straordinario al Consorzio di bonifica della Capitanata in Puglia per complessivi 10,5 milioni di euro.


Leggi anche

Attraverso Iren Ambiente, il Gruppo ha rilevato San Germano, con sede a Pianezza e specializzata nella raccolta, trasporto rifiuti e igiene del suolo, e la sua controllata CMT, attiva nella raccolta, trattamento e smaltimento di carta, cartone e plastica, dal Gruppo Derichebourg. Due acquisizioni strategiche che rafforzano la presenza di Iren in due sue regioni di riferimento, Piemonte ed Emilia-Romagna, e ne estendono le attività alla Sardegna …

Leggi tutto…

A tanto ammonta il budget approvato dall’assemblea dei soci dell’azienda che gestisce il servizio idrico in 108 comuni veneti per nuove opere. 16 milioni sono destinati al territorio dell’ATO Bacchiglione e 13 a quello dell’ATO Polesine. Tra i principali interventi la realizzazione della rete Ponso-Montagnana, che permetterà di fornire ai comuni colpiti dalla problematica Pfaff acqua pedemontana di alta qualità…

Leggi tutto…

Il consiglio di amministrazione della società ha deliberato l’avvio delle procedure d’appalto per i lavori di potenziamento delle infrastrutture idriche a Marina di Gioiosa, splendida località marittima del comune di Gioiosa. I lavori, per una spesa complessiva di 12,6 milioni, prevedono la realizzazione di 17 chilometri di reti idriche e di 1,7 chilometri di reti fognarie…

Leggi tutto…

La società, che gestisce il servizio idrico in 77 comuni della provincia di Verona, ha concluso due contratti di finanziamento con le due realtà per un valore ciascuno di 30 milioni. Risorse che serviranno a sostenere il pianto di interventi programmati sul territorio, che prevedono al 2021 investimenti per oltre 150 milioni di euro….

Leggi tutto…

La società ha avviato le procedure di gara per gli interventi in programma nei comuni di Leverano e Veglie, in provincia di Lecce, per un valore complessivo di 13 milioni di euro. Nel primo comune il programma prevede la realizzazione di 3,5 km di nuove condotte idriche e 18 km di condotte fognarie, nel secondo di 7 km di reti idriche e di altrettante per la raccolta dei reflui…

Leggi tutto…