Ok dell’Antitrust all’acquisizione di IDG da parte di 2i Rete Gas

Via libera dell’Antitrust, ma a condizioni, all’acquisizione di Infrastrutture Distribuzione Gas (IDG) da parte di 2i Rete Gas. Infrastrutture Distribuzione Gas è titolare di 62 concessioni di distribuzione gas e gestisce una rete di circa 2.700 chilometri, servendo oltre 152.000 utenze. La sua acquisizione consente a 2i Rete Gas di ampliare il portafoglio distributivo fino a 4,5 milioni di utenze gestite su più di 69.000 km di rete in più di 2.200 comuni. Soprattutto, di avere una presenza in nuove aree geografiche e di rafforzarla nel Nord Est, in particolare in Veneto.

L’operazione con Edison

L’acquisizione è il secondo tassello dell’operazione di scambio di asset, realizzata all’inizio dell’anno tra F2i, il fondo infrastrutturale che controlla (insieme ad Ardian) 2i Rete Gas, ed Edison. Operazione in base alla quale Edison ha acquisito da F2i il 70% del capitale azionario di e2i, società che opera nel comparto eolico, cedendo la sua controllata Infrastrutture Distribuzione Gas a 2i Rete Gas.

Su questa parte dello scambio, però, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) aveva avviato un’indagine per possibili problemi di concorrenza. Problemi che potevano riguardare gli:

  • Atem Roma 4
  • Rovigo
  • Como 2
  • Pavia 3
L’istruttoria dell’Agcm

L’istruttoria ha concluso che nel caso di Como 2, Pavia 3 e Rovigo non ci sono problemi di concorrenza, mentre alcune criticità sussistono per l’Atem Roma 4.

In questo caso, infatti, con l’operazione due dei tre operatori attualmente attivi nell’Atem, ovvero 2i rete Gas e Infrastrutture Distribuzione Gas, vanno a congiungersi. Entrambi però hanno una percentuale sul totale dei punti di riconsegna che ne farebbe degli importanti gestori uscenti al momento della indizione della futura gara.

In pratica, le criticità sollevate dall’AGCM sono due. La prima è che con l’unione delle due società viene eliminato uno dei tre concorrenti attesi per la prossima gara. La seconda è che in forza dell’alta percentuale dei punti di riconsegna controllati dalle due società, la posizione del principale gestore uscente si rafforzerebbe enormemente. Così si verrebbe a scoraggiare la partecipazione alla gara di altri operatori, riducendone, quindi ulteriormente il livello di concorrenza.

Via libera condizionato

Da qui il via libera condizionato. L’Antitrust ha infatti subordinato il nulla osta all’acquisizione a una serie di misure proposte dalla stessa 2i Rete Gas. Queste prevedono la cessione da parte della società di almeno 27.500 punti di riconsegna, comprese le concessioni, nell’Atem Roma 4. Cessione che dovrà avvenire sulla base di un prezzo minimo ed essere conclusa con un unico operatore che dovrà soddisfare alcuni requisiti. Infine, la vendita dovrà iniziare entro due mesi con la pubblicazione dell’avviso di manifestazione di interesse.

Altre condizioni

Nel caso la cessione non avvenisse, l’Autorità ha prescritto a 2i Rete Gas e a IDG il rispetto di una serie di comportamenti riguardo le loro attività nell’Atem. Tra queste, permettere al gestore aggiudicatario della gara di beneficiare della dilazione del pagamento della Vir per un periodo di massimo tre anni dalla data del subentro o, in alternativa, di un indennizzo. Inoltre, di consentire all’aggiudicatario di stipulare un contratto di servizi di un anno per agevolarne il subentro nella gestione di tutte le infrastrutture di 2i Rete Gas e da IDG nell’Atem.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività

 


Leggi anche

Rete gas di Molise Gestioni a Castropignano

Partiranno in autunno, subito l’ok definitivo dell’amministrazione comunale, i lavori per estendere la rete di distribuzione gas del comune in provincia di Campobasso. Lavori che prevedono la metanizzazione della frazione di Roccaspromonte e della zona industriale del comune, attraverso la posa di 9 chilometri di nuove condotte, con un investimento di 1,6 milioni di euro …

Leggi tutto…

Taglio paglia di riso per teleriscaldamento Gal Risorsa Lomellina

Sfruttare un sottoprodotto della filiera del riso per teleriscaldare gli edifici pubblici. È l’idea della società, costituita da enti pubblici, aziende private e associazioni della Lomellina, per aiutare i comuni a spendere meno e gli agricoltori ad aumentare gli incassi valorizzando una fonte rinnovabile a km zero. Progetto sostenuto con un bando, in scadenza il 6 luglio, che copre fino al 90% delle spese per la progettazione e realizzazione dell’infrastruttura …

Leggi tutto…

Stefano Bellavista, Amministratore unico – Unica Reti SpA

Per il dopo-coronavirus sono indispensabili anche gli investimenti pubblici locali in infrastrutture e l’aggancio alle potenzialità del new green deal. A 20 anni dal Decreto Letta sarà il caso di ripensare le gare gas?

Leggi tutto…

Ripristinare la piena funzionalità statica e idraulica dell’infrastruttura, per garantire il corretto collettamento dei reflui e un più efficiente funzionamento dell’impianto di depurazione. Porre fine al problema degli allagamenti che, tra l’altro, possono arrecare danni ai raccolti e, quindi, proteggere il territorio dagli effetti dei cambiamenti climatici. Sono diversi e rilevanti gli obiettivi che Gruppo CAP intende raggiungere con il rifacimento del collettore fognario a servizio dei comuni di Liscate e Vignate. …

Leggi tutto…

Al via per il terzo anno consecutivo la gara congiunta dei gestori pubblici dell’acqua di Lombardia e Piemonte per la fornitura di energia elettrica da fonti rinnovabili. L’importo è di 139 milioni di euro circa…

Leggi tutto…