Linea Group Holding

Oltre 170 milioni di investimenti nel piano industriale di Linea Group Holding

Economia circolare e bioenergia, efficienza energetica, rafforzamento della sinergia con A2A e nuove aggregazioni sui territori. Sono i quattro pilastri su cui si basa il Piano industriale al 2024 di Linea Group Holding, l’utility dell’energia e dell’ambiente attiva sui territori di Cremona, Lodi, Pavia e Brescia.

Un Piano che ha le sue basi nelle attività intraprese sin dall’inizio della partnership industriale con A2A, avviata nell’agosto 2016, e nei risultati raggiunti nel primo quadriennio, e che ora pone le condizioni per uno sviluppo coerente con la nuova vocazione della società di porsi sempre più come una utility “green”.

 

Linea Group Holding punta sull’economia circolare

Non a caso proprio l’economia circolare rappresenta il timone che guiderà le iniziative nel periodo di arco di piano, puntando sulla bioenergy, con un particolare focus sulle biomasse, il biofuel e il minidro, e sullo sviluppo di soluzioni sostenibili a sostegno dell’efficienza energetica. Altro grande impegno sarà consentire una sempre maggiore adattabilità delle comunità locali ai cambiamenti climatici in corso, e alle conseguenti evoluzioni dello scenario energetico. Inoltre, particolare enfasi avrà lo sforzo per una efficacia ancora maggiore nei servizi, attraverso una gestione più efficiente e innovativa, anche grazie a una visione che trova nel digital la propria leva abilitante.

Altro importate campo di sfida per la società sarà l’evoluzione del modello di presidio territoriale e del modello di aggregazione attraverso operazioni di aggregazione di utility e multiutility. Fronte sul quale Linea Group Holding si sta muovendo con grande attenzione, con circa 30 iniziative di acquisizione e fusione attualmente in fase di valutazione.

A supportare degli ambiziosi programmi della società una mole di investimenti di 172 milioni destinati ai comparti ambiente, reti e calore ed efficienza energetica, e saranno dedicati alle province dove la società opera principalmente.

«Ci concentriamo su dei segmenti di crescita che abbiamo individuato grazie al lavoro svolto in questi mesi. Ci poniamo anzitutto l’obbiettivo a breve-medio termine di crescere ulteriormente nel comparto del bioenergy, anche attraverso acquisizioni – ha commentato Claudio Sanna, amministratore delegato di Linea Group Holding -. Inoltre, è nostra intenzione spingere ulteriormente sull’efficienza energetica per le industrie del territorio: la prospettiva è quella di comunità capaci di rispondere alle sfide energetiche anche dall’interno, con elevata autonomia, per sopperire a fattori imprevedibili, come l’epidemia Covid-19 in corso ci sta purtroppo insegnando. Andiamo verso il 2024 con una visione concreta e capace di creare valore».


Leggi anche

Completare la trasformazione digitale delle infrastrutture e guidare la transizione energetica dando impulso allo sviluppo dei gas rinnovabili e all’efficienza energetica: questi sono i principali obiettivi del nuovo Piano strategico che aggiorna quello presentato lo scorso ottobre. Importanti risorse sono poi destinate alle acquisizioni e alle gare Atem per proseguire il programma di crescita …

Leggi tutto…

Prosegue spedito il piano di conversione al metano delle reti che in precedenza distribuivano GPL nell’isola. A breve saranno raggiunti dal gas naturale anche Ossi, Muros, Cargeghe, Uri, Usini e Villagrande Strisaili. Nei prossimi mesi sarà la volta di altri 23 comuni. Intanto, la società prosegue anche con la posa di nuove reti di distribuzione, native digital: già realizzati 815 km sui 1100 pianificati….

Leggi tutto…

La società, con Gruppo G.I.V.A. e Rina, ha sperimentato la miscela per alimentare i forni per la lavorazione dell’acciaio nello stabilimento di Forgiatura A. Vienna a Rho, in provincia di Milano. Il test si è concluso con successo, non richiedendo nessuna modifica impiantistica e senza alcun impatto sulle apparecchiature e sulle caratteristiche del prodotto finale. Una soluzione che apre la strada a un futuro più green per l’industria siderurgica….

Leggi tutto…

La più grande ricerca mai realizzata in Italia sul tema della sostenibilità, condotta dall’Istituto Tedesco di Qualità e Finanza, ha inserito la water utility lombarda tra le 200 società italiane più virtuose. Seconda solo dopo SNAM nella categoria “Reti Energia e Acqua”. 5 gli ambiti banco di prova: innovazione, tecnologia, sostenibilità ecologica, green economy, sostenibilità sociale. …

Leggi tutto…

Oltre 70 le realtà della distribuzione gas europee firmatarie di una lettera aperta alla Commissione Europea. Lettera nella quale si chiede di consentire la distribuzione nelle reti esistenti di miscele di idrogeno e gas naturale. Una soluzione fondamentale per accelerare la transizione energetica e per favorire lo sviluppo dell’offerta di idrogeno sul mercato….

Leggi tutto…