Linea Group Holding

Oltre 170 milioni di investimenti nel piano industriale di Linea Group Holding

Economia circolare e bioenergia, efficienza energetica, rafforzamento della sinergia con A2A e nuove aggregazioni sui territori. Sono i quattro pilastri su cui si basa il Piano industriale al 2024 di Linea Group Holding, l’utility dell’energia e dell’ambiente attiva sui territori di Cremona, Lodi, Pavia e Brescia.

Un Piano che ha le sue basi nelle attività intraprese sin dall’inizio della partnership industriale con A2A, avviata nell’agosto 2016, e nei risultati raggiunti nel primo quadriennio, e che ora pone le condizioni per uno sviluppo coerente con la nuova vocazione della società di porsi sempre più come una utility “green”.

 

Linea Group Holding punta sull’economia circolare

Non a caso proprio l’economia circolare rappresenta il timone che guiderà le iniziative nel periodo di arco di piano, puntando sulla bioenergy, con un particolare focus sulle biomasse, il biofuel e il minidro, e sullo sviluppo di soluzioni sostenibili a sostegno dell’efficienza energetica. Altro grande impegno sarà consentire una sempre maggiore adattabilità delle comunità locali ai cambiamenti climatici in corso, e alle conseguenti evoluzioni dello scenario energetico. Inoltre, particolare enfasi avrà lo sforzo per una efficacia ancora maggiore nei servizi, attraverso una gestione più efficiente e innovativa, anche grazie a una visione che trova nel digital la propria leva abilitante.

Altro importate campo di sfida per la società sarà l’evoluzione del modello di presidio territoriale e del modello di aggregazione attraverso operazioni di aggregazione di utility e multiutility. Fronte sul quale Linea Group Holding si sta muovendo con grande attenzione, con circa 30 iniziative di acquisizione e fusione attualmente in fase di valutazione.

A supportare degli ambiziosi programmi della società una mole di investimenti di 172 milioni destinati ai comparti ambiente, reti e calore ed efficienza energetica, e saranno dedicati alle province dove la società opera principalmente.

«Ci concentriamo su dei segmenti di crescita che abbiamo individuato grazie al lavoro svolto in questi mesi. Ci poniamo anzitutto l’obbiettivo a breve-medio termine di crescere ulteriormente nel comparto del bioenergy, anche attraverso acquisizioni – ha commentato Claudio Sanna, amministratore delegato di Linea Group Holding -. Inoltre, è nostra intenzione spingere ulteriormente sull’efficienza energetica per le industrie del territorio: la prospettiva è quella di comunità capaci di rispondere alle sfide energetiche anche dall’interno, con elevata autonomia, per sopperire a fattori imprevedibili, come l’epidemia Covid-19 in corso ci sta purtroppo insegnando. Andiamo verso il 2024 con una visione concreta e capace di creare valore».


Leggi anche

Lo rivela la nuova edizione dello studio realizzato da Guidehouse per Gas for Climate, il consorzio europeo costituito da 12 realtà attive nelle infrastrutture del gas naturale e nel gas rinnovabile di 9 Paesi, tra le quali Snam e Consorzio italiano biogas. In base allo studio, l’immissione nelle reti europee di almeno il 10% tra biogas e bioidrogeno, combinato con l’aumento di elettricità da fonti green, permetterebbe di abbattere del 55% le emissioni di CO2 entro il 2030, con importanti risvolti economici e occupazionali…

Leggi tutto…

Il gestore idrico pugliese ha testato presso il depuratore di Monopoli un innovativo sistema di monitoraggio del processo di digestione anaerobica dei fanghi di depurazione. Grazie all’analisi in tempo reale di tutti i parametri del processo e quindi alla possibilità di intervenire in modo immediato per ottimizzarne lo sviluppo, il sistema ha garantito un netto incremento della produzione di biogas e una riduzione dei fanghi da smaltire…

Leggi tutto…

La società ha chiuso il bilancio relativo allo scorso anno con ricavi pari a 2,6 miliardi di euro, saliti del 3% rispetto al 2018. Su del 3,5% anche il margine operativo lordo, grazie all’aumento dei ricavi e al contenimento dei costi operativi, e addirittura dell’8,2% l’utile netto, arrivato a 1,09 miliardi. Notevole anche il dato relativo agli investimenti, pari a 963 milioni di euro…

Leggi tutto…

Lo sfruttamento del biogas e del biometano, la promozione della mobilità sostenibile alimentata a gas, lo sviluppo dell’idrogeno, sono alcuni dei temi al centro dell’accordo di collaborazione siglato a Roma tra il nostro gestore della rete di trasporto e l’azienda energetica della Repubblica dell’Azerbaigian, entrambe già socie nel progetto Tap …

Leggi tutto…

Il CEO di Italgas è stato scelto alla guida dell’associazione che riunisce i sei principali operatori della distribuzione gas in Europa. La nomina è arrivata nel corso dell’assemblea generale dell’associazione, svoltasi a Bruxelles, alla quale ha partecipato anche il direttore generale Energia della Commissione europea, Ditte Juul Jørgensen …

Leggi tutto…