Oltre 500 milioni di investimenti nel nuovo piano di Gruppo Cap

Oltre 500 milioni di euro per il quinquennio 2019-2023. È il nuovo, ambizioso, piano di investimenti di Gruppo Cap, il gestore del ciclo idrico nei comuni della Città Metropolitana di Milano e di numerosi comuni delle province di Monza e Brianza, Pavia, Varese e Como.

Appena approvato dall’Assemblea dei soci, il nuovo piano prevede l’impiego di oltre 100 milioni all’anno per lo sviluppo di progetti focalizzati principalmente nell’efficientamento dei consumi energetici e nella riduzione del consumo di acqua, nello sviluppo di obiettivi di economia circolare e nell’adozione di strategie per migliorare ulteriormente la sostenibilità ambientale dei processi industriali del Gruppo.

Progetti in linea con il piano industriale approvato lo scorso anno, concentrato su sostenibilità, innovazione, ricerca e sviluppo ed economia circolare. Nel 2018 gli investimenti sono stati impiegati per il 35% nell’acquedotto, per il 29% in fognatura, per il 24% in depurazione e per il 12% nell’azienda. Nello specifico, sono stati sostituiti circa 44.500 contatori vetusti e sono stati analizzati oltre 2.000 km di rete, consentendo l’individuazione di oltre 450 perdite occulte. Grazie a tale impegno tra il 2017 e il 2018 si è registrato un importante riduzione dei volumi di acqua sollevati, passati da 278.659.455 metri cubi a 260.691.415 metri cubi, risultato possibile anche grazie a un consumo più responsabile da parte degli utenti.

L’Assemblea dei soci ha approvato anche il bilancio consolidato e il bilancio della capogruppo, che vedono una crescita del 3,7% dei ricavi, pari a oltre 348,162 milioni di euro, per la quasi totalità frutto del servizio idrico, con l’EBT (risultato ante imposte) che supera i 46 milioni, registrando anch’esso una crescita del 7%. Il risultato operativo nel 2018 è stato pari a 50.947.198 euro, registrando un incremento dell’8% dal 2017, mentre il risultato netto d’esercizio è pari a 32 milioni di euro, segnando una crescita del 6%.


Leggi anche

L’intervento ha visto l’inserimento all’interno delle condotte esistenti di un tubolare in kevlar e ha interessato un tratto di rete idrica che si estende per oltre 3 chilometri, tra le località Monticella, nel territorio di Conegliano, e Saccon, nel comune di San Vendemiano. I lavori si sono resi necessari per via dell’avanzato stato di ammaloramento delle tubazioni, soggette a frequenti rotture…

Leggi tutto…

L’Azienda RITMO S.P.A. fondata nel 1979 da Renzo Bortoli, ha offerto agli oltre 100 dipendenti una serata di festa con una cena all’aperto, musica e cabaret. Una cornice incantevole per una foto ricordo, ma soprattutto per gioire e ricordare tanti aneddoti. …

Leggi tutto…

Innovazione tecnologica, ammodernamento e potenziamento delle infrastrutture al centro del Piano presentato da Mariarosaria Altieri e Matteo Picardi, rispettivamente, presidente e direttore generale della società che gestisce il servizio idrico a Salerno. Con un focus particolare su fognature e depurazione…

Leggi tutto…

I lavori avevano preso il via nel 2017 e hanno visto la ricostruzione del sito e l’attivazione di una nuova linea di trattamento dei reflui. Un’opera del valore di 6,5 milioni di euro fondamentale per garantire la tutela ambientale della località turistica salentina. Nell’ambito del progetto è stata anche adeguata la rete fognaria e costruito un nuovo collettore…

Leggi tutto…

Uno studio realizzato dal Centre on Regulation in Europe, e presentato a Roma da Utilitalia e fondazione Utilitatis, sottolinea come in tema di gestione del ciclo idrico non conti l’assetto pubblico o privato dell’operatore, ma la capacità di garantire un servizio efficiente, efficace e di alta qualità ai cittadini. E, in entrambi i casi, la presenza di una regolazione indipendente è fondamentale per stimolare gli investimenti….

Leggi tutto…