ONYAX digitalizza le reti gas Italiane con il dispositivo IoT TUBE-T3

Una continua attività di ricerca nella progettazione elettronica, in particolare nel campo IoT e un’esperienza maturata su oltre 50.000 dispositivi installati, hanno permesso a Onyax di migliorare la gestione dei problemi legati al monitoraggio di parametri fisici della rete gas nelle utility e multiutility Italiane.

La scelta di digitalizzare le reti con l’utilizzo di tecnologie IoT, mira alla sicurezza degli impianti, ottenendo una serie di benefici tangibili e monitorabili, come:

  • Risparmio energetico (attraverso una soluzione low-power)
  • Comunicazione costante (grazie alla migliore penetrabilità delle nuove reti di comunicazione NB-IoT).
  • Real-time control (una piattaforma di gestione unica e flessibile che permette l’acquisizione controllata dei dati)

 

TUBE-T3: dimensioni ridotte, semplicità di installazione e gestione da remoto

Il dispositivo TUBE-T3, conforme alla normativa UNI/TR 11631:2016, è curato in ogni minimo dettaglio dal punto di vista elettronico-funzionale. Si propone come soluzione innovativa in grado di risolvere molteplici problematiche e rispondere alle esigenze delle aziende distributrici di gas.

Le dimensioni ridotte risultano essere uno dei primi vincoli progettuali sui quali Onyax si è da subito concentrata, progettando e realizzando un dispositivo ATEX estremamente compatto, installabile direttamente in “conchiglia” stradale, che semplifica al massimo l’opera idraulica e la dimensione del cantiere.

Per risolvere i problemi legati all’ingombro delle apparecchiature di monitoraggio nelle reti gas e l’intralcio con le operazioni manutentive è stata effettuata una semplificazione massima dell’installazione senza che sia necessaria alcuna operazione elettrica, di cablaggio o di configurazione.

In ottica risparmio energetico, il dispositivo TUBE-T3 si presenta con batteria autonoma e durata standard a 5 anni. Si posiziona così nel mercato di oggetti intelligenti low-power e risponde alle esigenze di efficientamento energetico.

 

Risultati efficienti grazie al monitoraggio continuo di dati 

Grazie all’utilizzo della tecnologia IoT, l’invio continuo e la gestione completa dei dati passano da TUBE-T3 alla piattaforma ACE. Grazie alla piattaforma si è in grado di interfacciarsi con le sale di controllo e gestire al meglio processi, eventi e misure.

 

Aspetto importante in ottica preventiva sono i report interattivi generati in automatico quotidianamente, per esempio, per il controllo del parametro di efficienza della rete di distribuzione gas (Peff).

Tramite la connessione via Bluetooth, è possibile effettuare operazioni sul dispositivo in campo con applicazione smartphone dedicata agli operatori. 

In questo modo, con un monitoraggio attivo, è possibile introdurre miglioramenti in ambito predittivo e avere risultati tecnico-funzionali di qualità, che con tecnologie standard avrebbero richiesto maggiori risorse e tempi più̀ lunghi.

 

Un approccio virtuoso in ottica futura

L’approccio innovativo improntato da Onyax porta all’introduzione di soluzioni IoT nei processi di telecontrollo e telemisura, anticipando una visione concreta del prossimo futuro, con un ampio riguardo alla sicurezza degli impianti e all’impatto sul territorio.

Le partnership e i progetti sviluppati con le utility di distribuzione gas hanno permesso ad Onyax di

  1. Affinare le sperimentazioni
  2. Diminuire i consumi
  3. Ottimizzare i prodotti per digitalizzazioni sempre più complete

 

 

 

 


Leggi anche

Abrdn ha varato un prestito da 60 milioni di euro per conto del partner Phoenix Group al secondo operatore italiano del trasporto del gas naturale. Le risorse, oltre che per rifinanziare un debito esistente, saranno utilizzate per sostenere nuovi investimenti. Tra questi: il rinnovo dell’infrastruttura esistente per preparare la rete al trasporto dell’idrogeno, la sua estensione e la costruzione di una nuova stazione di compressione …

Leggi tutto…

Ufficiale lo sbarco del gruppo italiano in Grecia. Italgas ha acquisito il 100% del capitale azionario della società, che controlla i tre principali operatori della distribuzione gas nel Paese, da Hellenic Republic Asset Development Fund e Hellenic Petroleum. Ora l’obiettivo è ammodernare l’infrastruttura per farne, insieme a quella italiana, una protagonista della transizione energetica…

Leggi tutto…

Il Gruppo ha acquisito le concessioni di altri 12 comuni dell’isola, grazie a un accordo con Gruppo Fiamma 2000 per rilevare 430 chilometri di reti a GPL gestite da Sarda Reti Gas. Le infrastrutture saranno convertite nei prossimi anni a gas naturale e servono in totale 12.000 utenze. L’operazione da 31,7 milioni porta in dote anche la distribuzione a Olbia che si aggiunge alle altre grandi città dell’isola gestite da Medea …

Leggi tutto…

Sviluppato con un investimento di 10 milioni di euro e installato presso il depuratore di Bologna Corticella, l’impianto permette di convertire energia elettrica rinnovabile e acque reflue in idrogeno verde e, poi, quest’ultimo in biometano da immettere in rete. L’entrata in esercizio è prevista entro il prossimo anno e una volta a regime permetterà di coprire i consumi di 1200 famiglie, evitando l’emissione in atmosfera di circa 50 Nm3/h di CO2….

Leggi tutto…

La società del Gruppo Italgas, partecipata dal fondo Marguerite II, ha stipulato un accordo con Energetica per acquisire il 49% del capitale azionario dell’azienda attiva nel trasporto gas. Medea conferirà a Energie Rete Gas le sue infrastrutture di trasporto gas in Sardegna, valutate 53 milioni di euro. Così potrà razionalizzare i suoi asset sull’isola, separando anche sotto il profilo societario le attività di distribuzione da quelle di trasporto…

Leggi tutto…