Onyax e RetiPiù: Il progetto IoT per il telecontrollo delle reti di distribuzione

Il progetto: gestione intelligente e monitoraggio remoto

La soluzione sviluppata tra Onyax e RetiPiù è un progetto di digitalizzazione a 360°; partito in fase sperimentale circa 2 anni fa e ora avanzato alla messa in opera di una rete di sensori IoT in grado di monitorare i parametri richiesti e gestire i dati raccolti attraverso una piattaforma in cloud semplice e personalizzabile.

Un caso di successo con ottimi risultati anche in ambito predittivo, con ampio riguardo al risparmio energetico, alla sicurezza delle reti di distribuzione di gas ed energia e benefici per gli operatori dell’utility e per il cittadino.
 

Un ecosistema di dispositivi IoT

Uno degli obiettivi prefissati in fase progettuale da RetiPiù e Onyax, mosso dalla necessità di semplificare la gestione delle reti e garantire un controllo completo in sicurezza, riguardava l’implementazione di un ecosistema di sensori di piccole dimensioni e di semplice installazione, che avesse un impatto ambientale contenuto e un ingombro minimo.

Una volta delineati gli obiettivi progettuali, il passaggio successivo necessitava una fase di messa in opera concreta. A tal proposito, RetiPiù ha realizzato con la partecipazione di Onyax una serie di prodotti specifici in grado di soddisfare ogni esigenza di controllo e ottimizzare la gestione delle sue reti di distribuzione.

Dal punto di vista energetico i prodotti si presentano come “oggetti intelligenti” con caratteristiche low-power e batteria integrata, per garantire un utilizzo in campo di durata quinquennale.

Ogni sensore sfrutta la tecnologia NB-IoT per comunicare con la piattaforma di gestione (DAR) e iniziare il processo di controllo complessivo.

In particolare, l’ecosistema di dispositivi IoT è improntato su una duplice ingegnerizzazione, che parte dal telecontrollo e dalla semplificazione delle operazioni di campo e arriva a servizi di automazione per l’efficientamento interno.

Le installazioni dei dispositivi hanno permesso di garantire un controllo totale dei parametri della rete, come pressioni, temperature e vibrazioni, interessando il monitoraggio di:

  • Protezione catodica
  • Cabine di primo e secondo salto
  • Fondi rete

Nel contempo sono state introdotte anche applicazioni indoor per efficientamento energetico e qualità ambientale come:

  • Controllo qualità dell’aria
  • Controllo qualità dell’acqua
  • Smart building e gestione illuminazione
 
Piattaforma DAR (Digital Asset RetiPiù) – Dati sotto controllo!

In contemporanea alla realizzazione di una rete di dispositivi, RetiPiù e Onyax hanno puntato a massimizzare le capacità di raccolta e di utilizzo dei dati con lo sviluppo della piattaforma digitale DAR (Digital Asset RetiPiù), customizzata seguendo come modello di riferimento tecnologico la piattaforma ACE di Onyax.

DAR si presenta come piattaforma IoT per il telecontrollo, che fornisce un processo completo di gestione e analisi del dato.

I vantaggi della piattaforma DAR sono identificabili sia in ottica previsionale che gestionale, attraverso:

  1. La gestione dei diversi asset aziendali in un portale digitale unico.
  2. La possibilità di consultare reportistiche di simulazione interattive capaci di coordinare interventi sul campo e ordini di lavoro annessi.
  3. Accessibilità flessibile attraverso duplice interfaccia mobile e web.

Inoltre, la piattaforma oltre a connettere dispositivi realizzati da Onyax e dispositivi di terze parti, è facilmente integrabile con sistemi esterni (ArcGIS), gestionale aziendale (SAP) e ambienti SCADA.

 
Ampio spazio all’integrazione

L’attività di integrazione è da sempre parte attiva nella progettazione dei dispositivi e delle piattaforme IoT di Onyax.

Questa esperienza di System Integration unita all’idea di digitalizzazione territoriale di RetiPiù e alla potenza tecnologica di SAP, ha permesso di ottenere dati in tempo reale utili all’analisi predittiva e alla successiva gestione preventiva degli ordini di lavoro.

Il processo di integrazione prevede il passaggio dei dati dai dispositivi IoT in campo alla piattaforma DAR e alla successiva trasmissione al sistema SAP che, tramite algoritmi specifici, è in grado di anticipare i possibili malfunzionamenti delle reti distributive e ridistribuire in modo efficiente le risorse aziendali manutentive.

Oltre agli applicativi predittivi di SAP, la piattaforma DAR si integra con sistemi ESRI, che permettono agli operatori di visualizzare topologicamente gli impianti attraverso una visualizzazione grafica delle tubazioni.

Infine, il processo di notifica anomalie è gestito mediante l’integrazione di un sistema di comunicazione allarmi verso un operatore di centralino.

 

I risultati

Uno dei risultati di maggiore rilievo, risulta essere l’ottimizzazione dei costi di investimento ottenuti grazie ad una riorganizzazione strategica dei processi di monitoraggio, che hanno proiettato RetiPiù ad un impiego futuro delle soluzioni IoT.

Inoltre, l’utilizzo di una soluzione full-cloud estremamente flessibile, i tempi di installazione e manutenzione ridotti drasticamente e la sicurezza delle reti, fanno del progetto uno strumento innovativo in grado di amplificare la trasformazione digitale e visto come esempio concreto replicabile su scala nazionale.

 

 

 


Leggi anche

Gruppo CAP ha lanciato una open innovation challenge per individuare le proposte più innovative ed efficaci contro le infiltrazioni nella rete fognaria. L’iniziativa si rivolge a startup, università, istituti di ricerca e ricercatori di tutto il mondo e si avvale della piattaforma di crowdsourcing Open Innovability® di Enel. I migliori verranno sviluppati nei laboratori e impianti di Gruppo CAP…

Leggi tutto…

rifiuti

Il ciclo di webinar progettato da Utiliteam approfondirà i temi più caldi nelle agende dei settori idrico e rifiuti. Con la convinzione che la compliance alla regolazione sia un’occasione da cogliere dalle aziende soggette alla potestà ARERA, gli interventi che si susseguiranno offriranno punti di attenzione sulla visione di business e sulla strategia delle società operanti nel comparto ambiente….

Leggi tutto…

La digitalizzazione della gestione idrica è l’impegno concreto che le aziende più virtuose hanno preso non solo nei confronti dell’ambiente, ma anche per una governance più sostenibile.
Il Gruppo Pietro Fiorentini, con le sue soluzioni hardware e software sinergicamente integrate, guida le aziende nel processo di digitalizzazione, permettendo così di massimizzare performance ed efficienza a completo beneficio della collettività….

Leggi tutto…

Frutto della collaborazione tra Assolombarda, H2IT e LE2C, la nuova piattaforma si pone come obiettivo di favorire l’incontro e la collaborazione tra le imprese lombarde e il mondo della ricerca per supportare lo sviluppo della filiera italiana dell’idrogeno. Un punto di incontro per continuare a crescere in un settore che giocherà un ruolo decisivo nel futuro energetico europeo…

Leggi tutto…

Le installazioni di sensori e dispositivi intelligenti si stanno sviluppando all’interno di moltissimi impianti: sono gli elementi costitutivi di base di qualsiasi iniziativa di Industrial Internet of Things (IIoT). L’applicazione IoT in ambito industriale può essere un modo utile per monitorare le apparecchiature di processo e i macchinari preservando salute e sicurezza non solo dei sistemi, ma anche delle persone e dell’ambiente circostante…

Leggi tutto…