Open Fiber: 500 cantieri aperti nelle aree infratel


Sono oltre 500, per altrettanti comuni, i cantieri attualmente aperti da Open Fiber, nelle aree dei bandi Infratel, per l’infrastrutturazione delle aree cosiddette a fallimento di mercato. Aree dove il divario digitale si fa sentire maggiormente, in quanto costituite da piccoli centri, nei quali però vive oltre il 40% della popolazione italiana.
L’azienda si è infatti aggiudicata le prime due gare bandite dalla società del ministero dello Sviluppo economico per la realizzazione di una rete interamente in fibra ottica in 16 regioni e nella Provincia autonoma di Trento. Gli interventi coinvolgeranno in totale 13,8 milioni di cittadini, 9,3 milioni di unità immobiliari e 500.000 sedi di impresa e pubblica amministrazione. In queste zone, la rete rimarrà pubblica e sarà gestita in concessione da Open Fiber per 20 anni, impegno che la società porta avanti insieme all’investimento privato per lo sviluppo della rete in fibra ottica nelle 271 città più grandi d’Italia.
A Nord, i cantieri sono partiti in tutte le regioni interessate dai due bandi Infratel, e la rete sta arrivando, tra gli altri, in comuni di alta montagna, come Rhemes Notre Dame, con meno di 100 abitanti, o Issime, poco più di 400, entrambi in Valle d’Aosta, nei sulle rive del Lago di Como, quali Bellagio e Angera, nelle valli friulane (Tramonti di Sopra) e in alcuni centri nel Parco del Delta del Po (Berra e Tresigallo).
Nel Centro Italia, la fibra ottica in modalità Ftth sta arrivando anche nelle piccole isole come Capraia, ma i lavori procedono nel Lazio, Marche, Abruzzo e Molise.
Nel Sud la Sicilia tira la volata con cantieri già avviati in oltre 50 comuni. Open Fiber ha da poco aperto i cantieri anche nelle isole Eolie, a Ischia


Leggi anche

È quanto previsto dal progetto fresco di approvazione a Bruxelles. L’investimento servirà a realizzare l’infrastruttura a banda larga nelle aree bianche dell’isola, coinvolgendo in totale 142 comuni per una popolazione complessiva di 2,3 milioni di abitanti. Sarà garantita una connessione superiore ai 30 Mbit/s e di 100 Mbit/s alle imprese …

Leggi tutto…

L’elettrodotto consentirà di migliorare l’affidabilità della rete di trasmissione sia nella penisola sorrentina sia nell’isola. Il progetto prevede la posa di 19 km di cavi, dei quali 16 sottomarini, e la costruzione di una nuova stazione elettrica. Nei punti di approdo su entrambe le sponde, il cavo sarà installato con la tecnica del drilling, per non danneggiare la prateria di posidonia del fondale…

Leggi tutto…

Il simbolico traguardo è stato tagliato con il cantiere di Città Sant’Angelo, in provincia di Pescara, dove la società ha realizzato un’infrastruttura costituita da oltre 35 chilometri di cavi in fibra ottica che collegano 29 armadi stradali, garantendo una copertura con la banda ultralarga di oltre 4500 unità immobiliari. Il costo dei lavori è stato di 500.000 euro. …

Leggi tutto…

Si tratta del nuovo collegamento elettrico tra Toscana, Sardegna e Corsica, che il gestore della rete elettrica nazionale realizzerà con un investimento di oltre 520 milioni di euro. Un’opera di interesse comunitario resa necessaria per rafforzare l’attuale collegamento, il Sa.Co. I 2, realizzato negli anni Sessanta e ormai obsoleto…

Leggi tutto…

Concluso il Progetto Carini, il piano di interventi che ha interessato una vasta area della provincia di Palermo, realizzato con un investimento di 3,5 milioni di euro. Ammodernati oltre 40 km di rete elettrica e 90 cabine secondarie, per un telecontrollo più evoluto dell’infrastruttura, e realizzato un nuovo Centro satellite, un impianto in media tensione, che migliora la distribuzione elettrica…

Leggi tutto…