Open Fiber ha completato la grande dorsale in fibra ottica


Altro grande traguardo per Open Fiber: la società ha completato la realizzazione di Zion, la più estesa rete di trasporto ottica di tipologia Eon (Elastic optical network) nel nostro paese. Un’infrastruttura di oltre 6.300 km di fibra ottica, con apparati di ultima generazione, in grado di interconnettere l’Italia da Nord a Sud e di collegare la rete di accesso che Open Fiber sta costruendo in circa 7.000 città e comuni italiani.
La principale caratteristica di Zion, spiega la società in un comuncato, consiste nella sua velocità, ora pari a 200 Gbps (Gigabit per secondo) che a breve sarà di 400 Gbps per canale ottico, ma anche e soprattutto nella sua flessibilità, robustezza e scalabilità. Con un semplice comando software, si possono configurare su Zion, in tempo reale, nuovi servizi, modificare quelli esistenti o riconfigurarli in maniera “intelligente” garantendo una trasmissione con la massima affidabilità.
La capacità complessiva della rete, che si avvale delle tecnologie Roadm e Flex Grid per la trasmissione ottica del segnale, raggiunge già, e in futuro potrà superare, i 10 Terabit al secondo (ovvero 1 milione di Megabit) con la disponibilità di 50 canali ottici a 200 Gbps.
La rete Zion permetterà di ampliare i servizi che la società mette a disposizione degli operatori. «Oltre ai servizi della rete di accesso Ftth, già commercializzati, si apre la commercializzazione di servizi innovativi di trasporto del traffico verso diversi punti di consegna presenti in tutto il territorio nazionale, compresi i principali Internet eXchange – ha dichiarato Simone Bonannini, direttore Marketing e commerciale di Open Fiber -. Questo consentirà di rispondere ai crescenti volumi di traffico generati dalle applicazioni più avanzate che la rete a banda ultralarga abilita, come video Hd ed ultraHd, ma anche applicazioni che richiedono performance elevate in termini di bassa latenza e alta resilienza sia per il mercato consumer sia business».


Leggi anche

Al via l’ammodernamento della pubblica illuminazione nei 21 comuni del bresciano. Il progetto, lanciato dalla Provincia di Brescia, ha come partner Engie Italia, e prevede la sostituzione di oltre 23.000 corpi illuminanti con lampade a led, la realizzazione di 70 km di nuove linee elettriche e cavidotti e interventi in ottica smart city, come l’installazione di unità wi-fi, centraline meteo, videosorveglianza…

Leggi tutto…

Cifra simbolica, ma significativa che riguarda le aree a fallimento di mercato per le quali la società si è aggiudicata i due bandi della società del ministero dello Sviluppo economico per la realizzazione di una rete in fibra ottica in modalità Ftth. Gli interventi coinvolgeranno in totale 13,8 milioni di cittadini, 9,3 milioni di unità immobiliari e 500.000 sedi di impresa e pubblica amministrazione…

Leggi tutto…

È quanto previsto dal progetto fresco di approvazione a Bruxelles. L’investimento servirà a realizzare l’infrastruttura a banda larga nelle aree bianche dell’isola, coinvolgendo in totale 142 comuni per una popolazione complessiva di 2,3 milioni di abitanti. Sarà garantita una connessione superiore ai 30 Mbit/s e di 100 Mbit/s alle imprese …

Leggi tutto…

L’elettrodotto consentirà di migliorare l’affidabilità della rete di trasmissione sia nella penisola sorrentina sia nell’isola. Il progetto prevede la posa di 19 km di cavi, dei quali 16 sottomarini, e la costruzione di una nuova stazione elettrica. Nei punti di approdo su entrambe le sponde, il cavo sarà installato con la tecnica del drilling, per non danneggiare la prateria di posidonia del fondale…

Leggi tutto…

Il simbolico traguardo è stato tagliato con il cantiere di Città Sant’Angelo, in provincia di Pescara, dove la società ha realizzato un’infrastruttura costituita da oltre 35 chilometri di cavi in fibra ottica che collegano 29 armadi stradali, garantendo una copertura con la banda ultralarga di oltre 4500 unità immobiliari. Il costo dei lavori è stato di 500.000 euro. …

Leggi tutto…