“Open Fiber” vince la gara per la banda ultralarga in Basilicata


È stata aggiudicata la gara per la terza fase di infrastrutturazione con banda ultralarga dell’intero territorio della Basilicata. A costruire e gestire la rete passiva abilitante l’offerta di servizi su velocità di connessione almeno di 30 Mbps è “Open Fiber”.
L’aggiudicazione fa seguito all’Accordo sottoscritto a luglio dello scorso anno tra la Regione e il Ministero dello sviluppo economico (Mise), con il quale si mettevano a disposizione le risorse regionali e quelle nazionali. Nel complesso 28,6 milioni di euro: 12,6 del “Por Fesr Basilicata 2014-2020”, 11 del “Pon Fesr Imprese e Competitività 2014-2020”, 2 di fondi “Fsc” del “Patto per la Basilicata” e circa 3 del “Psr Basilicata 2014-2020” (Feasr).
Con questa terza fase sarà possibile, entro la fine del 2018, portare la banda ultralarga nei restanti 65 comuni della regione, nelle restanti tre aree industriali ed in 17 aree produttive, garantendo dunque servizi veloci a imprese, cittadini e pubblica amministrazione.
I lavori del primo lotto per la realizzazione dell’infrastruttura, dei quali hanno beneficiato 25 comuni e 3 aree industriali/produttive, sono stati eseguiti e conclusi da Tim nel dicembre del 2015, mentre all’inizio dello scorso giugno si sono conclusi quelli del secondo lotto che hanno interessato 39 Comuni e l’area produttiva di Viggiano. Per i lavori del I Lotto sono stati utilizzati 13,5 milioni di euro di risorse del “Po Fesr 2007-2013” e 5,6 milioni di euro di fondi Tim, mentre al II lotto sono stati destinati 9,2 milioni di euro rinvenienti da fondi del “Po Fesr 2014-2020”, a cui si sono sommati i 3,8 milioni di euro di risorse Telecom.
A settembre è prevista a Roma la prima riunione del Comitato di monitoraggio dell’Accordo di programma, nel corso della quale i rappresentanti della Regione Basilicata concorderanno con “Mise” ed “Infratel” le azioni di impulso per le nuove opere, la cui conclusione è fissata per dicembre del prossimo anno.


Leggi anche

L’intesa prevede la realizzazione della rete in fibra ottica su tutto il territorio regionale. L’infrastruttura sarà in modalità “Ftth” e supporterà una velocità di trasmissione di 1 Gbps. “Open Fiber” ha sottoscritto anche una convenzione con il Comune di Terni per il cablaggio di 40.000 unità immobiliari. Nel complesso la società poserà 23.000 km di rete in fibra con un investimento di 14 milioni. …

Leggi tutto…

La partnership tra le due realtà, per lo sviluppo della connettività in banda ultralarga, si estende ad altre 258 città. Sarà valida fino al 2024 e consentirà la migrazione dei clienti “Wind Tre” sull’infrastruttura in fibra ottica di “Open Fiber”. Coinvolte circa 10 milioni di case ed aziende che saranno connesse in modalità Ftth con una velocità fino a 1 Gbps in download ed upload. …

Leggi tutto…

L’accordo, non esclusivo, ha come obiettivo di velocizzare la realizzazione della rete in fibra ottica. Grazie all’intesa sarà più semplice per l’azienda utilizzare le infrastrutture preesistenti, come tubazioni, cavidotti, reti della pubblica illuminazione. Riducendo così al minimo le operazioni di scavo necessarie per la posa dell’infrastruttura….

Leggi tutto…

Il progetto presentato dalla Regione riguarda le aree bianche ed interessa 192 comuni. A realizzare l’infrastruttura sarà “Open Fiber”, aggiudicatrice del bando, con l’obiettivo di concludere i lavori entro la fine del prossimo anno. Intanto è stato completato il cablaggio con la fibra ottica di 19 comuni. L’investimento è interamente coperto da fondi “Feasr” e “Fsc”. …

Leggi tutto…

Garantire connettività ad almeno 30 Mbps e nella maggior parte dei casi a oltre 100 Mbps a tutto il territorio entro il 2020. È il “Piano banda ultra larga dell’Emilia-Romagna” messo a punto dalla Regione, a sostegno delle aree a fallimento di mercato, con un investimento di 255 milioni di euro. Già partiti i primi 10 cantieri nel reggiano mentre in autunno prenderanno il via tutti gli altri….

Leggi tutto…