Operativo a Torino il primo sistema di accumulo elettrico di Gruppo Iren

È operativo il primo sistema di accumulo elettrico del Gruppo Iren. Il sistema, installato presso la centrale termoelettrica di Torino Nord, può:

  • erogare o assorbire potenza elettrica fino a 7 MW
  • immagazzinare energia fino a 6,7 MWh

Per di più, rappresenta uno strumento importante sia per il processo di transizione energetica sia per la stabilità del sistema elettrico.
 

Un servizio prezioso

Oltre a supportare lo sviluppo delle fonti rinnovabili, consente infatti di fornire servizi di sostegno alla stabilità della rete elettrica di trasmissione nazionale. Come il fondamentale servizio Fast Reserve, ovvero la regolazione ultrarapida di frequenza, in maniera continua e automatica.

Inoltre rende l’impianto di Torino Nord ancora più flessibile. L’impianto diventa cioè capace di sopperire alla naturale intermittenza delle fonti rinnovabili, grazie al controllo dei transitori di frequenza di rete.
 

Terso operatore per il Fast Reserve

Il nuovo sistema è il primo realizzato a seguito dell’assegnazione da parte di Terna alla multiutility, a fine 2020, del 30% della capacità del Nord Italia di Fast Reserve, dopo una procedura ad asta molto competitiva. Con quell’aggiudicazione Iren è diventata:

  1. il terzo operatore in Italia per questo servizio
  2. l’unica multiutility a essersi aggiudicata l’asta con i propri sistemi di accumulo elettrico
     
300 MW di accumuli entro il 2030

Nel suo piano industriale, Iren ha posto la transizione energetica e gli investimenti sostenibili tra i propri obiettivi strategici, prevedendo l’installazione di 300 MW di accumuli elettrici entro il 2030. Le prossime due batterie, che entreranno in esercizio alla fine del prossimo anno, saranno installate presso le centrali di Turbigo e Moncalieri per complessivi ulteriori 28 MW e capaci di immagazzinare energia fino a 20 MWh.

Altri sistemi di accumuli elettrici sono in fase di studio e vedranno la luce nei prossimi anni coerentemente con la visione del piano industriale e le opportunità del mercato elettrico. In un futuro della generazione elettrica dominato dalle fonti rinnovabili, i servizi di flessibilità offerti dalle batterie saranno strategici per garantire la sicurezza e la stabilità della rete elettrica nazionale.

 


Leggi anche

Ben 208 da altrettanti piccoli comuni per un contributo di oltre 95,7 milioni le domande presentate per il bando di Regione Lombardia a sostegno dei piccoli enti locali che vogliono rendere green i loro sistemi di illuminazione pubblica. Una domanda ben al di sopra della dotazione finanziaria dell’iniziativa, pari a 15 milioni, ma che testimonia il forte impegno delle amministrazioni locali a ridurre i consumi energetici e l’inquinamento luminoso …

Leggi tutto…

Il comune milanese ha affidato alla società del Gruppo A2A la gestione della pubblica illuminazione per i prossimi 15 anni. L’accordo prevede investimenti da parte della società per quasi 2 milioni di euro, per riqualificare e ammodernare gli impianti e installare circa 3.000 lampade Led. Interventi, che insieme all’utilizzo di energia rinnovabile, garantiranno un risparmio di 253 tep e di 250 tonnellate di CO2 …

Leggi tutto…

Il nuovo provvedimento, firmato dal ministro Roberto Congolani, definisce le regole e modalità per l’erogazione dei fondi, pari a 3,1 miliardi di euro, previsti dal PNRR per il rafforzamento delle reti intelligenti. Possono accedere al finanziamento tutti gli operatori della distribuzione elettrica per interventi finalizzati all’incremento della hosting capacity e dell’elettrificazione dei consumi. Il 45% delle risorse è destinato a progetti da effettuare in otto regioni del Centro-Sud. …

Leggi tutto…

Il comune ha approvato la proposta di project financing per la concessione del servizio e il miglioramento ed efficientamento degli impianti. Tra i quattro progetti presentati è stato scelto quello di Hera Luce, che garantirà un drastico abbattimento dei consumi, pari al 62% rispetto a quelli attuali, e prevede l’introduzione di innovazioni per implementare servizi di smart city. La durata della concessione è di 25 anni…

Leggi tutto…

La società ha concluso un importante intervento su un cavo sottomarino in media tensione indispensabile per garantire la distribuzione dell’elettricità nell’isola Flegrea. Per riparare il cavo posato sul fondale marino, sul quale era stato rilevato un guasto, a circa 3.100 metri dalla terraferma, è intervenuto un team di 20 persone composto anche dai sommozzatori specializzati della società Site …

Leggi tutto…