Operativo a Torino il primo sistema di accumulo elettrico di Gruppo Iren

È operativo il primo sistema di accumulo elettrico del Gruppo Iren. Il sistema, installato presso la centrale termoelettrica di Torino Nord, può:

  • erogare o assorbire potenza elettrica fino a 7 MW
  • immagazzinare energia fino a 6,7 MWh

Per di più, rappresenta uno strumento importante sia per il processo di transizione energetica sia per la stabilità del sistema elettrico.
 

Un servizio prezioso

Oltre a supportare lo sviluppo delle fonti rinnovabili, consente infatti di fornire servizi di sostegno alla stabilità della rete elettrica di trasmissione nazionale. Come il fondamentale servizio Fast Reserve, ovvero la regolazione ultrarapida di frequenza, in maniera continua e automatica.

Inoltre rende l’impianto di Torino Nord ancora più flessibile. L’impianto diventa cioè capace di sopperire alla naturale intermittenza delle fonti rinnovabili, grazie al controllo dei transitori di frequenza di rete.
 

Terso operatore per il Fast Reserve

Il nuovo sistema è il primo realizzato a seguito dell’assegnazione da parte di Terna alla multiutility, a fine 2020, del 30% della capacità del Nord Italia di Fast Reserve, dopo una procedura ad asta molto competitiva. Con quell’aggiudicazione Iren è diventata:

  1. il terzo operatore in Italia per questo servizio
  2. l’unica multiutility a essersi aggiudicata l’asta con i propri sistemi di accumulo elettrico
     
300 MW di accumuli entro il 2030

Nel suo piano industriale, Iren ha posto la transizione energetica e gli investimenti sostenibili tra i propri obiettivi strategici, prevedendo l’installazione di 300 MW di accumuli elettrici entro il 2030. Le prossime due batterie, che entreranno in esercizio alla fine del prossimo anno, saranno installate presso le centrali di Turbigo e Moncalieri per complessivi ulteriori 28 MW e capaci di immagazzinare energia fino a 20 MWh.

Altri sistemi di accumuli elettrici sono in fase di studio e vedranno la luce nei prossimi anni coerentemente con la visione del piano industriale e le opportunità del mercato elettrico. In un futuro della generazione elettrica dominato dalle fonti rinnovabili, i servizi di flessibilità offerti dalle batterie saranno strategici per garantire la sicurezza e la stabilità della rete elettrica nazionale.

 


Leggi anche

Comune e città Metropolitana hanno affidato alla società un progetto per il rinnovamento del sistema di illuminazione pubblica in ottica smart city. L’iniziativa interesserà l’intera area del Porto Antico e 15 comuni della provincia e vedrà l’installazione di oltre 12.500 lampade led che garantiranno un risparmio del 77% dei consumi di energia. Inoltre, verranno implementati servizi smart, come telecamere di videosorveglianza, panchine con wi-fi…

Leggi tutto…

La transizione energetica pone sfide nuove che vanno affrontate con competenze nuove e distintive. Per favorire questa evoluzione culturale del proprio personale è nato il nuovo centro di formazione e ricerca di Terna, con un’offerta strutturata su tre grandi aree tematiche: Transizione energetica, Sostenibilità e New ways of working. A garantire il massimo rigore e l’alta qualità della formazione un Comitato scientifico di alto livello…

Leggi tutto…

CHAIN2

Partecipa al webinar “Smart Metering e Chain2: la chiave di accesso alle comunità energetiche e alla ricarica dei veicoli elettrici” che si terrà il prossimo 21 luglio dalle ore 11:00 alle 12:30. Durante l’evento parleremo di: inquadramento normativo CHAIN2 e regolatori, esempi di applicazione della CHAIN2, l’esperienza della CHAIN2 nel progetto di autoconsumo collettivo condominiale EvoNaRse, la CHAIN2 a supporto delle smart appliances nell’home energy management….

Leggi tutto…

La società, partecipata dal Comune di Palermo, che gestisce la distribuzione gas, i servizi energetici e l’illuminazione pubblica in città, ha chiuso il 2021 con un utile di 827.000 euro, il miglior risultato degli ultimi 5 anni. Adesso punta a rinnovare i contratti con l’amministrazione comunale, puntando su efficienza e transizione energetica, mentre in ambito gas lavora a un progetto sull’idrogeno…

Leggi tutto…

Firmato dal ministro Roberto Cingolani il decreto 150 del 2022, che mette a disposizione dei gestori delle reti di trasmissione e di distribuzione elettrica mezzo miliardo di euro a fondo perduto per sviluppare progetti che ne incrementino la resilienza contro i cambiamenti climatici. Il 40% delle risorse è destinato a interventi da realizzare in otto regioni meridionali …

Leggi tutto…