Opportunità di “presa”

Con l’aumentare delle dimensioni delle nostre città aumentano di pari passo le esigenze dei sistemi di distribuzione, sia in termini di pressioni operative che di portata. Fino a pochi anni fa era abbastanza normale considerare un tubo di polietilene di diametro 250 mm sufficiente alla distribuzione del gas combustibile nei centri abitati.

Oggi sono già molte le aziende nazionali di distribuzione del gas combustibile che hanno iniziato a posare tubi in PE fino al diametro di 400 mm. Lo stesso accade negli impianti di adduzione e distribuzione dell’acqua dove, di anno in anno, i diametri delle tubazioni in esercizio stanno mediamente aumentando e con essi cresce l’esigenza di avere “stacchi” di adeguate proporzioni.

PLASTITALIA è consapevole di queste necessità e già da diversi anni si dedica alla progettazione e produzione di sistemi di presa (collari di presa semplici e per grandi volumi) in grado di soddisfare le esigenze dei distributori di servizi. La gamma di prodotti offerta è tra le più complete al mondo.
La scelta può essere effettuata su una gamma che spazia da un diametro di 50 mm fino ad uno di 1200 mm, con derivazioni comprese tra 40 e 315 mm e una pressione massima applicabile pari a 16 bar (PN16). La qualità dei prodotti che appartengono a questa grande famiglia (oltre 110 codici/articolo) è garantita dalle numerose certificazioni di prodotto ottenute attraverso Organismi di certificazione Nazionali ed Internazionali.

La caratteristica fondamentale di questi prodotti, frutto di lunghe e meticolose ricerche e fortemente voluta dal reparto di Ricerca e Sviluppo della PLASTITALIA, è la semplicità di installazione.

Per il posizionamento di questi raccordi elettro-saldabili sul punto in cui è necessario avere una derivazione si è optato per la scelta di cinghie in nylon, dotate di cricchetto per la loro tensione e fornite assieme al prodotto in polietilene. Questa scelta progettuale azzera la necessità di avere in cantiere costose attrezzature specifiche, il cui uso oltretutto necessiterebbe anche di personale adeguatamente formato. Inoltre tutti i prodotti sono forniti delle relative istruzioni arricchite da illustrazioni grafiche che semplificano la fase di posizionamento.

Nella produzione di questi prodotti interamente “made in Italy”, PLASTITALIA fa largo uso delle più moderne tecnologie robotiche. I processi principali, quali stampaggio e applicazione del circuito elettrico, sono completamente automatizzati, pertanto forniscono all’acquirente la garanzia di qualità del processo industriale. Allo stesso modo i controlli interni sono rigorosi e stabiliti nei piani di autocontrollo concordati con gli Organismi di certificazione. 

Grazie allo studio e alla fornitura di prodotti unici, come i collari di presa per grandi diametri, PLASTITALIA si qualifica sempre più come un’azienda attenta alle necessità dei propri clienti ed in grado di soddisfare i bisogni tecnici più difficili; un partner affidabile che investe nella ricerca e studia soluzioni adeguate per impianti sempre più sofisticati e per applicazioni che richiedono prestazioni costanti e durature.


Leggi anche

Siglato il contratto di trasferimento della proprietà dell’azienda, che gestisce il servizio di distribuzione nel comune di Busseto, in provincia di Parma, alla società del Gruppo Iren. Per Ireti, che si era aggiudicata l’asta pubblica per il controllo dell’azienda con un’offerta di 4,1 milioni di euro, si tratta di un’operazione strategica che rafforza ulteriormente la sua posizione in un Atem strategico per il Gruppo…

Leggi tutto…

Dopo Ies Biogas, azienda di Pordenone specializzata nella costruzione di impianti per la produzione di biometano, la società, attraverso la controllata Snam4Mobility, ha acquisito Enersi Sicilia, proprietaria di un’autorizzazione per realizzare un impianto di produzione del gas green nell’isola. Un ulteriore passo nella strategia che vuole fare di Snam un acceleratore di sviluppo per la filiera di questo gas…

Leggi tutto…

Il consorzio composto con la spagnola Enagás e la belga Fluxy e capitanato dalla società italiana ha completato l’acquisizione del 66% di Desfa, l’operatore greco delle infrastrutture del gas naturale, proprietario di 1.500 km di rete in alta pressione e di un terminale di rigassificazione. Il costo dell’operazione è di 535 milioni di euro…

Leggi tutto…

Prosegue l’espansione per linee esterne della società, principale operatore della distribuzione gas, che ha sottoscritto un accordo vincolante per l’acquisto dal consorzio Conscoop di partecipazioni e rami di azienda. L’operazione, del valore di 68,6 milioni di euro, comprende 19 concessioni per la distribuzione gas in altrettanti comuni di Lazio, Campania, Basilicata, Calabria e Sardegna…

Leggi tutto…

Approvato dal consiglio di amministrazione il Piano industriale al 2023 della multiutility del Nord della Lombardia. Gli investimenti, pari a 568 milioni, saranno concentrati nella business unit Reti, per puntare soprattutto alle prossime gare sulla distribuzione del gas. Il documento prevede ricavi intorno al mezzo miliardo alla fine del periodo …

Leggi tutto…