Paolo Gallo è il nuovo presidente di GD4S

È Paolo Gallo, amministratore delegato di Italgas, il nuovo presidente di Gas Distributors for Sustainability (GD4S). L’associazione con sede a Bruxelles riunisce i sei maggiori operatori del settore della distribuzione del gas in Europa: oltre a Italgas, Distrigaz Sud Rețele (Romania), Galp Gás Natural Distribuição (Portogallo), GRDF (Francia), Nedgia (Spagna) e Gas Network (Eire). Realtà che nel complesso servono 27,4 milioni di utenti, equivalenti al 20% del mercato del gas dell’Unione europea.

La nomina è giunta durante l’ultima assemblea generale annuale dell’associazione, che si è svolta nella capitale belga, alla quale ha partecipato anche la direttrice generale Energia della Commissione europea, Ditte Juul Jørgensen.

Nel corso dei lavori, i CEO delle società hanno illustrato il punto di vista dell’associazione in merito al ruolo chiave delle reti del gas per il raggiungimento dell’obiettivo di neutralità climatica da parte dell’Unione europea. L’associazione ha infatti assunto l’impegno a decarbonizzare il sistema energetico europeo entro il 2050 e a liberare il potenziale dei gas rinnovabili e delle reti del gas. Sono stati anche approfonditi gli intendimenti e le prossime iniziative legislative della Commissione in materia di emissioni climalteranti, strategia digitale, economia circolare e mobilità sostenibile e il loro impatto sul mercato del gas, in attuazione del Green Deal europeo, annunciato dalla presidente Von der Leyen.

Durante l’incontro, Jørgensen ha riconosciuto l’importanza del ruolo del gas nel processo di transizione verso un’economia de-carbonizzata e le potenzialità del biometano e dell’idrogeno distribuiti attraverso le reti gas. Ha inoltre sottolineato l’impegno della sua direzione nello sviluppo di iniziative in tal senso e a lavorare con GD4S nell’ambito dei processi di transizione energetica in corso.


Leggi anche

Il gestore idrico pugliese ha testato presso il depuratore di Monopoli un innovativo sistema di monitoraggio del processo di digestione anaerobica dei fanghi di depurazione. Grazie all’analisi in tempo reale di tutti i parametri del processo e quindi alla possibilità di intervenire in modo immediato per ottimizzarne lo sviluppo, il sistema ha garantito un netto incremento della produzione di biogas e una riduzione dei fanghi da smaltire…

Leggi tutto…

La società ha chiuso il bilancio relativo allo scorso anno con ricavi pari a 2,6 miliardi di euro, saliti del 3% rispetto al 2018. Su del 3,5% anche il margine operativo lordo, grazie all’aumento dei ricavi e al contenimento dei costi operativi, e addirittura dell’8,2% l’utile netto, arrivato a 1,09 miliardi. Notevole anche il dato relativo agli investimenti, pari a 963 milioni di euro…

Leggi tutto…

Lo sfruttamento del biogas e del biometano, la promozione della mobilità sostenibile alimentata a gas, lo sviluppo dell’idrogeno, sono alcuni dei temi al centro dell’accordo di collaborazione siglato a Roma tra il nostro gestore della rete di trasporto e l’azienda energetica della Repubblica dell’Azerbaigian, entrambe già socie nel progetto Tap …

Leggi tutto…

Approvato dal Consiglio di amministrazione, il documento al 2023 destina la maggior parte delle risorse, circa 1,9 miliardi, all’estensione, ammodernamento ed evoluzione tecnologica delle reti, con una quota significativa stanziata per il rinnovo dei misuratori. A fine quinquennio previsto un margine operativo lordo di 1,25 miliardi, in aumento di 219 milioni rispetto al 2018…

Leggi tutto…

Nel segno della transizione energetica il nuovo piano 2019-2023 del gestore della rete di trasporto gas. Il volume degli investimenti, rispetto alla precedente strategia, cresce del 14%, con un maggior impegno sia sul territorio, con la sostituzione di 1000 km di condotte e risorse aggiuntive per 400 milioni, sia sui nuovi business green, con 1,4 i miliardi a sostegno del progetto SnamTec…

Leggi tutto…