Parte il cantiere per la nuova rete fognaria a Mazara del Vallo

Una nuova rete fognaria dell’estensione di 61 chilometri a servizio di due frazioni nelle quali risiedono oltre 20.000 abitanti. È il grande progetto che si appresta a prendere il via a Mazara del Vallo, in provincia di Trapani.

Un’opera da tanto attesa che, insieme al potenziamento del depuratore cittadino e alla ristrutturazione del collettore, permetterà di superare la sentenza di condanna della Corte di Giustizia europea che grava sull’agglomerato mazarese e per la quale l’Italia, così come per gli altri comuni non a norma, paga una salata sanzione.

Un progetto da 13,1 milioni

Per quanto riguarda la nuova fognatura, il progetto esecutivo approvato dal Commissario straordinario unico per la depurazione, Enrico Rolle, responsabile anche della gestione della sua realizzazione, prevede la posa di 61 chilometri di nuove condotte nelle frazioni di Tonnarella e Trasmazaro. Più in dettaglio, il sistema fognario sarà composto da nove impianti di sollevamento e collettori a gravità per 58,5 chilometri, mentre la restante parte, circa 2,6 chilometri, da condotte in pressione. Questo consentirà di collegare le due frazioni alla rete già esistente che scorre sotto il lungomare Mazzini e di lì al recapito finale delle acque nel depuratore di Bocca Arena.

A eseguire i lavori il raggruppamento di imprese, composto da Eurovega Costruzioni, Celi Energia e Cedit, gestita da Invitalia quale centrale di committenza del Commissario, che si è aggiudicato la gara del valore di 13,1 milioni di euro. I lavori prenderanno il via nei prossimi giorni e andranno avanti per 449 giornate, per concludersi quindi entro la prima metà di giugno del prossimo anno.

Vantaggi per il turismo e la qualità della vita

«Lo sblocco di quest’opera attesa da decenni e finanziata negli anni scorsi dal Cipe consentirà finalmente di dotare di una rete fognaria delle acque nere due zone popolose e di rilevanza turistica quali Tonnarella e il Trasmazaro – sottolinea il sindaco di Mazara del Vallo Salvatore Quinci in una nota -. La rete sarà collegata tramite collettore al depuratore centrale migliorando la vivibilità della città. Si tratta, nel contempo, di un investimento importante con effetti benefici per l’economia locale».


Leggi anche

La centralità di questo combustibile nel processo di decarbonizzazione del Continente è sottolineata dall’ultimo elenco dei Progetti di interesse comune per la rete di interconnessione energetica europea. Progetti che possono accedere ai finanziamenti dell’Unione e che comprendono ben 32 opere che riguardano le infrastrutture gas. Di queste ben 6 sono italiane…

Leggi tutto…

In attesa che si completi la riforma del servizio con l’affidamento delle gestioni, Regioni Calabria ha scelto Sorical, la società che gestisce i grandi sistemi di adduzione regionale, per realizzare il programma di interventi di efficientamento e ingegnerizzazione delle reti di distribuzione. Il progetto interessa circa quaranta comuni ed è sostenuto da un investimento di 68 milioni di euro…

Leggi tutto…

L’Azienda RITMO S.P.A. fondata nel 1979 da Renzo Bortoli, ha offerto agli oltre 100 dipendenti una serata di festa con una cena all’aperto, musica e cabaret. Una cornice incantevole per una foto ricordo, ma soprattutto per gioire e ricordare tanti aneddoti. …

Leggi tutto…

Comunicato stampa – I cittadini di Cava Manara potranno presto beneficiare di un significativo miglioramento della qualità dell’acqua che arriva nelle loro case. E’ infatti imminente l’entrata in esercizio della nuova vasca di compenso realizzata a supporto dell’impianto di potabilizzazione comunale. …

Leggi tutto…

La società ha acquisito la partecipazione residua del precedente gestore Giemme Gestione Multiservice, e ora è il gestore unico del servizio nel comune lombardo. La rete di teleriscaldamento di Cinisello serve 18.000 abitanti, fornendo circa 50 GWh termici all’anno, garantendo una riduzione di oltre il 25% di emissioni di CO2 e NOx rispetto alle tradizionali caldaie…

Leggi tutto…