Partiti i lavori di Ireti per un nuovo collettore a Genova

Entro la fine di novembre del prossimo anno il quartiere genovese di Pegli avrà il suo nuovo collettore fognario. Hanno infatti preso il via i lavori per la posa delle condotte che permetteranno di risolvere le endemiche difficoltà di questa zona della città nello smaltimento delle acque nere. Un intervento importante e atteso da tempo, che interesserà la zona centrale e di levante del lungomare.

Il progetto di Ireti, del valore di 2 milioni di euro, prevede la dismissione delle due condotte delle acque nere esistenti, da anni ammalorate e con problemi di funzionamento. Al loro posto sarà realizzata una nuova condotta del diametro interno di 500 millimetri. Partendo dalla zona ovest del lungomare, tale condotta raccoglierà tutti gli allacci dell’area, convogliando i reflui al depuratore, situato nella zona est del quartiere. La realizzazione del nuovo collettore avverrà partendo dall’impianto di depurazione.

La quasi totalità dell’opera sarà realizzata con la tradizionale posa con scavo a cielo aperto in trincea di scavo protetta da blindaggi di tipo pesante.

L’attraversamento di due rivi con il microtunelling

Unica eccezione un tratto dell’estensione di circa 30 metri, dove il tracciato del nuovo collettore deve attraversare i due rivi Archetti e Muretti. In questo caso le condotte saranno installate con la tecnologia no-dig. In particolare, verrà impiegata la tecnica del microtunnelling, che consiste nel fare avanzare le tubazioni a spinta all’interno di una microgalleria realizzata da una particolare testa d’avanzamento, a testa fresante, guidata dall’esterno.

Nello specifico, la microgalleria avrà un diametro di 760 mm e al suo interno sarà installata una condotta del diametro da 600 mm in PRFV (plastica rinforzata con fibra vetro). Tale scelta progettuale determina però un livello di arrivo per l’innesto della condotta nel depuratore inferiore a quella necessaria per l’adduzione a gravità. Per cui il progetto di Ireti ha previsto la costruzione di una nuova stazione di sollevamento. Ad eseguire tutti i lavori è l’impresa Ecofond di Genova, che ha sottoscritto il contratto con il gestore lo scorso luglio.

 


Leggi anche

Sarà realizzato con la tecnologia del microtunnelling il primo tratto del nuovo collettore fognario che il gestore realizzerà nella città e che consentirà di collegare un pezzo del centro storico ancora privo del servizio fognario al depuratore. La prima parte dei lavori prevede la posa di 500 metri di condotte, per una spesa di 2,5 milioni di euro…

Leggi tutto…

Il gestore idrico sta portando avanti un importante programma di lavori di risanamento dei principali anelli idrici della città, utilizzando le tecnologie trenchless per intervenire sulle condotte di maggiori dimensioni. Prossimo cantiere in programma riguarda viale Trieste, dove verrà risanato con la tecnica del relining un tratto di condotta in ghisa della lunghezza di oltre 1,6 chilometri…

Leggi tutto…

Specialista nel risanamento no-dig delle condotte interrate, Danphix ha completato per Piave Servizi la riabilitazione di un tratto di quasi 5 km di un’adduttrice idrica che garantisce l’approvvigionamento di diversi comuni della provincia di Treviso. Un intervento che le competenze di progettisti e tecnici dell’azienda di Reggio Emilia hanno permesso di realizzare, azzerandone l’impatto sociale e ambientale in un territorio particolarmente sensibile e pregiato…

Leggi tutto…

Servizi a Rete TOUR 2021, 22-23 settembre 2021 | Piave Servizi, Treviso

Durante la sesta edizione, dedicata al tema “Il Servizio Pubblico della distribuzione in relazione ai cambiamenti”, esperti provenienti da tutta Italia si daranno appuntamento a Codognè (TV) presso la sede di Piave Servizi per confrontarsi sul tema della gestione delle reti del sottosuolo e per mettere a fattor comune le proprie esperienze e progetti.
Questo uno degli interventi in programma: “Il risanamento di condotte tramite i giunti di riparazione in due pezzi senza interruzione del servizio”
Per saperne di più… …

Leggi tutto…

La divisione trenchless dell’impresa Benassi Srl termina con successo in Sardegna la riabilitazione con tecnologia hose lining di un’adduttrice idrica DN500 in cemento amianto, per una lunghezza complessiva oltre 6 km, all’interno della valle del Temo: impervia zona protetta da vincoli ambientali e priva di viabilità pubblica di accesso. Determinante nella scelta di intervento con tecnologie no-dig, l’orografia della valle lungo la quale si snoda il tracciato della condotta, capace di rendere difficoltose le operazioni di riparazione e praticamente impossibile la pianificazione di un intervento di manutenzione con tecniche tradizionali….

Leggi tutto…