Partiti i lavori per il by-pass all’acquedotto di Scillato

Inaugurato a Scillato il cantiere per il nuovo by-pass dell’omonimo acquedotto, una delle principali infrastrutture che garantisce l’approvvigionamento idrico della città di Palermo con l’acqua proveniente dalla sorgente delle Madonie.

Un’opera attesa da tempo e che consentirà di sfruttare al meglio il potenziale delle sorgenti, incrementando la quantità di acqua trasportata in città.

Un tratto della dorsale, infatti, quello compreso tra le contrade di Burgitabus nel comune di Cerda e di Scacciapidocchi nel territorio di Termini Imerese, che a seguito di alcune frane, verificatesi nel 2002, hanno subito diverse rotture. Rotture che nel tempo si sono accentuate fino a portare, nel 2010, all’interruzione del servizio del nuovo acquedotto di Scillato, per via dell’impossibilità di accedere sui luoghi per eseguire le riparazioni. Lo scorso anno, Amap, la società che gestisce il servizio idrico a Palermo, pur non essendo proprietaria dell’infrastruttura, è intervenuta realizzando un by-pass temporaneo che ha permesso di riattivare la rete, ma con forti limitazioni per quanto riguarda la sua portata. Attualmente sull’acquedotto possono transitare al massimo 380 litri di acqua al secondo, a fronte di una portata media di 650 ma che può arrivare anche oltre i 1000 litri al secondo.

Da qui il nuovo progetto realizzato dallo stesso gestore per risolvere alla radice il problema e passare dalla gestione dell’emergenza a una soluzione definitiva. Progetto che prevede di aggirare i tratti instabili con la realizzazione di un lungo by-pass che porta la tubazione nel fondo valle del fiume Imera Settentrionale in una situazione nettamente più stabile rispetto a quella attuale. By-pass che avrà una lunghezza complessiva di poco superiore a 3,3 chilometri. I lavori sono stati inaugurati alla presenza del presidente di Regione Sicilia Nello Musumeci, del sindaco di Palermo Leoluca Orlando, del primo cittadino di Cerda Salvatore Geraci, del segretario generale dell’Autorità di bacino Francesco Greco e del dirigente generale del dipartimento Acqua e rifiuti Salvo Cocina. Si concluderanno entro il prossimo mese di agosto. Il costo dell’opera è di 5,3 milioni di euro, dei quali 4,3 milioni stanziati dalla Regione e un milione da Amap.


Leggi anche

La cifra rappresenta un nuovo record per il gestore del servizio idrico dei comuni della provincia di Monza e Brianza. La maggior parte, 20 milioni, è destinata al comparto fognatura, per interventi strategici di estensione della rete e opere di prevenzione di potenziali effetti legati ai cambiamenti climatici. Circa 12 i milioni dedicati al settore acquedotto, per dare il via a un importante piano di sostituzione di misuratori e condotte …

Leggi tutto…

È stato presentato il progetto della nuova adduttrice che garantirà la continuità del servizio idrico alla città di Ascoli Piceno e alla bassa valle del Tronto. Il nuovo acquedotto sostituirà quello esistente, risalente agli anni Cinquanta, le cui vulnerabilità sono state fortemente accentuate dagli eventi sismici del 2016 e 2017. Per la sua costruzione l’investimento previsto è di 35,1 milioni di euro…

Leggi tutto…

Gli interventi del valore complessivo di 3,2 milioni di euro interesseranno i comuni di Martignano e Nardò, in provincia di Lecce. A Martignano saranno posati 7,5 chilometri di nuovi tronchi fognari e sarà prolungata una condotta di distribuzione dell’acqua. A Nardò saranno completate le reti idriche e fognarie a servizio della frazione di Pagani, con la realizzazione di, rispettivamente, 3,5 e 3 chilometri di tubazioni …

Leggi tutto…

Approvato dal Consiglio di amministrazione, il documento al 2023 destina la maggior parte delle risorse, circa 1,9 miliardi, all’estensione, ammodernamento ed evoluzione tecnologica delle reti, con una quota significativa stanziata per il rinnovo dei misuratori. A fine quinquennio previsto un margine operativo lordo di 1,25 miliardi, in aumento di 219 milioni rispetto al 2018…

Leggi tutto…

Progettata da Risorse idriche, società di ingegneria del gruppo Smat, l’infrastruttura avrà un’estensione di oltre 14 chilometri e servirà il capoluogo piemontese e 20 comuni della sua area metropolitana sud. Un’opera dal costo di 120 milioni di euro che incrementerà la capacità idraulica del sistema per fronteggiare il notevole aumento delle portate miste effetto dei cambiamenti climatici…

Leggi tutto…