Partiti i lavori per il nuovo teleriscaldamento ad Alessandria

Vanno avanti ad Alessandria gli incontri promossi da Telenergia per far conoscere alla popolazione il teleriscaldamento. Obiettivo delle iniziative è far toccare con mano il funzionamento e le caratteristiche della tecnologia che la società, nata dalla partnership tra Tlrnet, holding controllata dal Gruppo Egea con la partecipazione del fondo iCon Infrastructure, e la multiutility cittadina Gruppo Amag, sta estendendo a tutta la città.

Il piano di Telenergia prevede infatti di portare, nei prossimi 6 anni, il servizio in tutte le case degli alessandrini, grazie alla realizzazione di due nuove centrali di cogenerazione, una ubicata nella zona Sud della città, e l’altra nella zona Nord. La prima, i cui lavori sono stati già avviati, sorgerà ai margini del quartiere Europa e sarà costituita da due cogeneratori, con una potenza una potenza termica complessiva di circa 96 MW e una potenza elettrica di 10 MW. Sempre dal quartiere Europa, da giugno, verranno aperti i cantieri per la posa della nuova rete che poi si svilupperà in tutto il territorio cittadino.

La seconda centrale sorgerà, invece, nella zona Nord, in un’area utilizzata da Amag Ambiente come deposito cassonetti, e avrà una potenzia termica di 49 MW e una potenza elettrica di 9,5 MW.

Un grande progetto che vedrà anche la posa di una rete di distribuzione della lunghezza di 62 chilometri che porterà il calore a oltre 780 utenze, per un investimento totale di 90 milioni di euro, dei quali 48 per la realizzazione della rete e 42 per la costruzione delle due centrali.

Una volta in esercizio, il sistema il sistema garantirà notevoli benefici ambientali, oltre a un incremento della qualità della vita, con la riduzione del 25% delle emissioni di CO2, del 335 di CO e del 56% di NOx.


Leggi anche

Il gruppo rafforza la sua posizione in Piemonte perfezionando l’acquisizione di due società attive nella produzione e distribuzione di calore da fonti rinnovabili. Si tratta di A.En.B e della sua controllata A.En.W., che producono e distribuiscono calore generato da biomassa legnosa al comune di Busca, e di Vernante Nuova Energia, che gestisce il sistema, alimentato a cippato, a servizio del quartiere di Borgo San Giuseppe di Cuneo…

Leggi tutto…

L’articolo 21 della legge 37/2019 cancella la proroga degli incentivi agli impianti, cessati o in via di cessazione, concessa dalla legge di stabilità 2016. Una misura che colpisce l’economia di montagna secondo Fiper, non distinguendo tra centrali dedicate alla sola produzione di elettricità da biomasse importate e i sistemi virtuosi di cogenerazione abbinata al teleriscaldamento alimentati da biomasse legnose provenienti dalla pulizia dei boschi presenti nello stesso territorio …

Leggi tutto…

Aperto il cantiere per la realizzazione del primo dei tre lotti della rete di distribuzione del calore a servizio del centro storico del comune dell’Amiata. L’infrastruttura, di proprietà del Comune, sarà gestita da GES (Geo Energy Service) e fornirà calore pulito proveniente dal campo geotermico di Enel Green Power a circa 1100 utenze, per un totale di oltre 4000 abitanti …

Leggi tutto…

Nell’ambito dell’estensione della rete a servizio del capoluogo altoatesino la società ha concluso un nuovo tratto che ha consentito di collegare l’ospedale cittadino all’infrastruttura di distribuzione del calore. Con una fornitura di 8.300 MWh di energia, sarà il maggiore utente di energia termica e il suo collegamento consentirà di evitare più di 1.500 tonnellate di emissioni di CO2 all’anno…

Leggi tutto…

Il Centro Interdipartimentale per l’Energia e l’Ambiente è il capofila del progetto italo-svedese che punta a mettere a punto sistemi innovativi per la gestione intelligente del teleriscaldamento, basati su tecnologie avanzate come il machine learning e il model predictive control. I lavori prenderanno il via da novembre, per una durata di tre anni, con un finanziamento di 3 milioni di euro…

Leggi tutto…