Partiti i lavori per il teleriscaldamento di Alpignano

Alpignano sarà teleriscaldata. L’amministrazione del comune in provincia di Torino ha detto sì alla proposta di Edison Next di dotare il territorio di un’infrastruttura per la distribuzione del calore. E la nuova divisione del gruppo Edison, nata a maggio, non ha perso tempo. Sono infatti stati già avviati i lavori per la costruzione della centrale che alimenterà il sistema.

La centrale, che sorgerà nella zona commerciale della cittadina, sarà costituita da un cogeneratore da 2 MWe ad alta efficienza alimentato a gas naturale. Il cogeneratore sarà assistito da:

  • un generatore di backup
  • un serbatoio da 500 m3 per l’accumulo dell’energia termica da distribuire all’interno della rete.

La rete, invece, avrà un’estensione di 3,1 chilometri.
 

Efficienza e comfort

Obiettivo dell’iniziativa è di erogare un servizio alla comunità che raggiunga il numero maggiore possibile di utenze, residenziali, commerciali e pubbliche, fornendo calore a uso riscaldamento e acqua calda sanitaria prodotti in maniera efficiente. L’impianto è stato progettato con tecnologie quali:

  1. la cogenerazione
  2. l’accumulo termico

Tali tecnologie sono state scelte per raggiungere importanti benefici ambientali. Inoltre, sarà dotato di un sistema per il costante monitoraggio delle performance e il rispetto di rigidi parametri emissivi.
 

Benefici ambientali

L’arrivo del riscaldamento contribuirà a migliorare il bilancio ambientale del territorio. Secondo le stime della società, eviterà l’emissione in atmosfera di oltre 300 tonnellate di anidride carbonica annue. Il tutto assicurando ai cittadini anche migliori livelli di comfort.  

«Il miglioramento della qualità della vita dei cittadini è una priorità per la nostra amministrazione e il risparmio energetico ne è un elemento chiave – ha commentato il primo cittadino di Alpignano Steven Palmieri -. Per questa ragione abbiamo intrapreso un percorso lungimirante che porti ai cittadini alpignanesi positività ambientali ed economiche».
 

In esercizio con la prossima stagione termica

Il cronoprogramma per la realizzazione del sistema prevede 8 mesi di lavoro. Le opere per il primo lotto sono state già avviate e la conclusione di quelli dell’ultimo è prevista entro fine anno. La nuova centrale entrerà in funzione nella stagione termica 2022-2023

 


Leggi anche

Concluso il primo lotto che ha dotato il borgo dell’Amiata Senese dell’infrastruttura di distribuzione del calore. Un sistema green, gestito da GES, alimentato dal cascame di calore delle centrali geotermoelettriche di Enel Green Power, che si aggiunge ai tre già esistenti nel territorio comunale che servivano però aree periferiche produttive e altre attività economiche. Già partiti i lavori per il secondo lotto che porterà il servizio a tutti i cittadini …

Leggi tutto…

Il fondo infrastrutturale ha rilevato il 45% della società del gruppo Gruppo Fratelli Visconti, attivo nella realizzazione e gestione del teleriscaldamento per comuni di medie dimensioni. L’azienda è proprietaria di cinque sistemi situati in Piemonte e Lombardia e, grazie alla partnership con Whitehelm, ora punta a consolidarsi sul mercato ampliando il suo raggio d’azione ad altre regioni…

Leggi tutto…

Fondamentale momento di confronto e di ascolto con gli stakeholder, le consultazioni permetteranno a tutti gli interessati di esprimere le proprie osservazioni sul documento che orienterà l’azione dell’Autorità nei prossimi 4 anni. Tutela ed empowerment del consumatore, transizione energetica giusta e digitalizzazione i temi al centro del nuovo Quadro …

Leggi tutto…

Il Gruppo ha acquisito il 51% del capitale societario dell’azienda che gestisce il servizio nel comune di Grugliasco, della quale già deteneva il restante 49%. La multiutility si è aggiudicata la gara, indetta dallo stesso Comune, con un’offerta di 5,4 milioni di euro. Ora si darà attuazione al piano industriale di Nove, approvato di recente, che prevede un notevole incremento delle volumetrie allacciate …

Leggi tutto…

I lavori, avviati a gennaio, riguardano la zona sud della città estense e permetteranno di raggiungere aree prima non servite, garantendo a nuovi cittadini di beneficiare di un servizio green, in quanto il sistema è in gran parte alimentato con energia geotermica. Il progetto di estensione ha riguardato la posa di oltre 1,5 chilometri di doppie condotte preisolate, con un investimento di 3,5 milioni di euro…

Leggi tutto…