Partiti i lavori per teleriscaldare Muggiò

Hanno preso il via i lavori per realizzare la rete di teleriscaldamento a servizio di Muggiò, comune di oltre 23.500 abitanti in provincia di Monza e Brianza. IL progetto è di Brianza energia ambiente (Bea), azienda specializzata nei servizi ambientali e principale operatore nella provincia di Monza e Brianza nell’ambito del recupero di materia e produzione di energia attraverso la valorizzazione dei rifiuti nei propri impianti.

Il progetto

L’amministrazione comunale di Muggiò ha appoggiato il progetto per i grandi vantaggi che la tecnologia garantisce in termini di sicurezza, sostenibilità ambientale, riduzione dei consumi e dei costi per il riscaldamento. La posa delle condotte comporta un investimento di 7 milioni di euro a carico di Bea e andrà avanti per tutto l’anno. Inizialmente saranno allacciati all’infrastruttura quindici edifici pubblici, che ora sono dotati di impianti vecchi e dispendiosi: quattro scuole materne, tre scuole elementari, un asilo nido, uno spazio gioco, il palazzo comunale, la Cascina Faipò, una scuola media, un istituto comprensivo, il poliambulatorio e il campo sportivo.

L’impianto di Desio

Ad alimentare il sistema una centrale termica connessa all’impianto di termovalorizzazione situato a Desio, di proprietà di Bea. Questo impianto trasforma già i rifiuti urbani in vapore per produrre energia elettrica e termica. Con questa soluzione Bea fornisce già calore ai comuni di Desio, Bovisio Masciago, Varedo e Nova Milanese, con una rete di teleriscaldamento che si sviluppa per 39 chilometri.


Leggi anche

Ripristinare la piena funzionalità statica e idraulica dell’infrastruttura, per garantire il corretto collettamento dei reflui e un più efficiente funzionamento dell’impianto di depurazione. Porre fine al problema degli allagamenti che, tra l’altro, possono arrecare danni ai raccolti e, quindi, proteggere il territorio dagli effetti dei cambiamenti climatici. Sono diversi e rilevanti gli obiettivi che Gruppo CAP intende raggiungere con il rifacimento del collettore fognario a servizio dei comuni di Liscate e Vignate. …

Leggi tutto…

Centrale Lamarmora

La prossima stagione termica a Brescia sarà ancora più green. La multiutility ha deciso di eliminare l’utilizzo di carbone nella centrale Lamarmora, che rappresenta la seconda fonte di generazione di calore per la rete di teleriscaldamento cittadino, contribuendo al 30% del fabbisogno. Una scelta che segna una decisa accelerata sul programma di decarbonizzazione annunciato da A2A…

Leggi tutto…

Lo rivela la nuova edizione dello studio realizzato da Guidehouse per Gas for Climate, il consorzio europeo costituito da 12 realtà attive nelle infrastrutture del gas naturale e nel gas rinnovabile di 9 Paesi, tra le quali Snam e Consorzio italiano biogas. In base allo studio, l’immissione nelle reti europee di almeno il 10% tra biogas e bioidrogeno, combinato con l’aumento di elettricità da fonti green, permetterebbe di abbattere del 55% le emissioni di CO2 entro il 2030, con importanti risvolti economici e occupazionali…

Leggi tutto…

La utility pubblica ha messo in campo con effetto immediato misure concrete per offrire pagamenti anticipati ai fornitori, posticipi delle bollette per gli utenti e il potenziamento dei servizi online e telefonici, garantendo i servizi pubblici essenziali. Gruppo CAP entra anche virtualmente nelle case dei cittadini e dei suoi dipendenti con il ricco calendario di attività di #acasaconcap, pensate per rendere più piacevoli le ore trascorse in casa….

Leggi tutto…

Progettato da E.S.Co. BIM e Comuni del Chiese, la società energetica dei comuni del bacino del Chiese, il sistema è stato realizzato con un investimento di 4,9 milioni di euro. È costituito da una centrale alimentata con biomassa proveniente dai boschi che circondano il comune della provincia di Trento e da una doppia rete che si estende in totale per 5,3 chilometri…

Leggi tutto…