Passata a 2i Rete Gas la distribuzione gas a Napoli

Completato il passaggio di consegne per il servizio di distribuzione gas nell’Atem “Napoli 1” tra il gestore uscente Italgas e 2i Rete Gas, che si è aggiudicato la gara. Il verbale di consegna degli impianti è stato firmato presso il Palazzo San Giacomo di Napoli, sede del Municipio. Con tale atto il nuovo gestore ha acquisito la disponibilità dell’infrastruttura.

Si tratta del trasferimento del servizio più complesso e importante sinora avvenuto in Italia. L’Atem Napoli 1 è uno dei più maggiori della Penisola. Oltre il capoluogo campano, include altri 5 comuni della sua provincia:

  • Ercolano
  • Portici
  • San Giorgio a Cremano
  • Torre Annunziata
  • Torre del Greco.

 

Il più importante trasferimento di servizio in Italia

L’infrastruttura di distribuzione conta in totale oltre 1.600 km di rete, con quasi 400.000 utenti attivi. Il nuovo affidamento della durata di 12 anni ha un valore di circa 650 milioni di euro.

Numeri che testimoniano la complessità del passaggio di consegne che ha richiesto una serrata attività, concretizzatasi in 15 tavoli di lavoro, sotto il coordinamento e la supervisione della Direzione dell’Area Infrastrutture del Comune di Napoli.

Così come non meno complesso è stato l’iter dell’intera gara, avviata nell’estate del 2018 sempre dal Comune di Napoli, in veste di stazione appaltante. Gara che dopo l’aggiudicazione a 2i Rete Gas è passata per tutti i gradi della giustizia amministrativa: prima del Tar Campania e poi del Consiglio di Stato.

 

240 milioni di investimenti

L’offerta con la quale 2i rete Gas si è aggiudicata la concessione ha previsto investimenti per 240 milioni di euro per ammodernare, mantenere e ampliare l’infrastruttura, dei quali 225 milioni dedicati alle reti e 16 a progetti di efficientamento e risparmio energetico.

Nel programma di investimenti è prevista l’estensione della rete per ulteriori 125 chilometri. Inoltre, per consentire a un numero sempre più ampio di cittadini di godere dei benefici del metano si è impegnata ad allacciare alla rete gratuitamente tutte le nuove utenze fino a una distanza massima di 1,4 chilometri dall’infrastruttura.

Altro importante progetto è il completamento della digitalizzazione di rete e impianti, con l’installazione di smart meter di ultima generazione e di sistemi di monitoraggio e controllo a distanza delle apparecchiature di servizio.

 


Leggi anche

Le due multiutility hanno siglato un’intesa finalizzata a modificare gli accordi stipulati dopo l’aggiudicazione della gara relativa alle concessioni nella distribuzione gas cedute dal Gruppo A2A. Scopo dell’accordo è razionalizzare la presenza nel Nord Ovest di Ascopiave e della sua controllata Edigas, e l’uscita di Iren da Romeo Gas, società partecipata dalle due multiuility…

Leggi tutto…

La Regione ha siglato il via libera per la costruzione del Melita Transgas Pipeline, il gasdotto sottomarino che collegherà la Sicilia a Malta. Un’opera strategica per favorire l’esportazione di gas dall’Italia e la sicurezza del sistema energetico europeo. L’infrastruttura si estenderà in totale per 159 chilometri, partendo dal terminale di Gela per approdare nella penisola di Delimara…

Leggi tutto…

Pubblicato in Gazzetta ufficiale il bando europeo per la concessione per 12 anni del servizio di distribuzione nell’Atem Catanzaro-Crotone, che comprende le due città e 105 comuni delle loro province. Il valore contrattuale della gara è di 250 milioni e il termine per presentare le offerte, che potranno contenere anche circa 200 interventi per l’estensione delle reti e la metanizzazione di nuovi comuni, è fissata a luglio del prossimo anno…

Leggi tutto…

Grazie al suo forte know-how nelle tecnologie degli smart meter, Bitron S.p.A. è stata selezionata da Italgas Reti S.p.A. per la progettazione e la prototipazione di un nuovo smart meter per il gas. La collaborazione prevede anche la produzione di contatori intelligenti con l’obiettivo di una sperimentazione sul campo in tutta Italia….

Leggi tutto…

Sono 11 le infrastrutture di distribuzione gas dell’isola già telecontrollate e telegestite con l’innovativo software sviluppato dalla Digital Factory del Gruppo Italgas. Una soluzione estremamente evoluta che fornisce una visione d’insieme in tempo reale del sistema distributivo e dotato di avanzati algoritmi di analytics e predictive maintenance, sempre di sviluppo interno, che il Gruppo prevede di applicare a tutti i 75.000 km di rete gestiti in Italia entro il 2023…

Leggi tutto…