Passi in avanti per la metanizzazione della Val Neva e Val Pennavaire

Passi in avanti per il piano di metanizzazione della Val Neva e Val Pennavaire in provincia di Savona. Si è infatti svolto presso il comune di Cisano sul Neva l’incontro per dare concretezza al progetto, coltivato da tempo. Il Comune di Cisano sul Neva aveva già approvato nel 2015 lo schema di convenzione Atem Savona 1 Sud Ovest per lo svolgimento della gara, in forma associata, per l’affidamento in concessione del servizio di distribuzione del gas naturale e la successiva gestione del contratto. La gara, che aveva come capofila il Comune di Albenga, però era andata deserta.

Di recente, la società Energie Rete Gas di Genova, che gestisce le reti di trasporto regionali tra le provincie di Savona, Aosta e Cuneo, e che ha da poco realizzato il metanodotto tra l’ex cartiera Valbormida di Murialdo e i comuni dell’Alta Val Bormida, Calizzano e Bardineto, ha ottenuto l’approvazione del progetto per realizzare la dorsale del gas metano, lunga 15 km, che servirà i comuni di Cisano sul Neva, Zuccarello, Castelbianco e Nasino. Tocca dunque ai comuni interessati presentare ora un Piano industriale della durata di 12 anni con l’analisi dettagliata dei costi-benefici e con una base tecnica affidabile per definire il tracciato della rete di distribuzione e verificarne la sostenibilità economica. Quando sarà pronto si potrà procedere alla definizione del bando di gara per l’affidamento del servizio. Ad occuparsene sarà la Provincia di Savona, l’Ente d’ambito, coadiuvata dal Consorzio concessioni rete gas (Crg), consulente dell’Ambito territoriale.


Leggi anche

Con 4 miliardi di ricavi, un contributo al Pil di 2,5 miliardi, 28.000 posti di lavoro attivati in Italia la multiutility costituisce una delle principali realtà industriali nazionali. Una realtà che vuole essere attore chiave per lo sviluppo dei territori serviti, con 3,3 miliardi di investimenti nei prossimi 5 anni, puntando su sostenibilità, economia circolare e innovazione dei servizi …

Leggi tutto…

Il gestore idrico toscano sta portando avanti una serie di interventi sulle infrastrutture idriche al servizio del comune della provincia di Prato. Opere avviate nel 2016 al cui completamento manca l’ultimo tassello: la depurazione del capoluogo e di alcune frazioni. I lavori verranno avviati nel 2021 per un valore di 4 milioni di euro e prevedono la posa di una nuova condotta fognaria e di 7 stazioni di sollevamento …

Leggi tutto…

A ECOMONDO 2019 Acquedotto Pugliese ha presentato le attività in difesa dell’acqua, dalla sorgente fino al suo riuso…

Leggi tutto…

Blue Book 2019

È quanto emerge dal Blue Book 2019, lo studio promosso da Utilitalia e realizzato da Fondazione Utilitatis con Istat, che fa il punto sul comparto. Al costante incremento degli investimenti, fanno da contraltare la vetustà di reti e impianti, il livello di perdite idriche ancora elevato e le carenze che perdurano nel campo della depurazione, con le regioni meridionali in ritardo anche nel completamento del processo di affidamento del servizio …

Leggi tutto…

L’Azienda RITMO S.P.A. fondata nel 1979 da Renzo Bortoli, ha offerto agli oltre 100 dipendenti una serata di festa con una cena all’aperto, musica e cabaret. Una cornice incantevole per una foto ricordo, ma soprattutto per gioire e ricordare tanti aneddoti. …

Leggi tutto…