Per Gruppo CAP 100milioni dalla Banca Europea per gli Investimenti per potenziare le infrastrutture nel settore idrico della Città metropolitana di Milano

Tre anni fa Gruppo CAP ha adottato il proprio Piano di Sostenibilità che guarda al 2033 e identifica tre precise direttrici prioritarie, ovvero:

  1. Sensibili ai bisogni delle persone, per aumentare il benessere e la fiducia di comunità sempre più consapevoli
  2. Resilienti negli asset, nella governance e nella gestione per proteggere un bene essenziale per la vita
  3. Innovatori nel mercato, per anticipare le problematiche e cogliere nuove opportunità, anticipando i due eventi che più hanno accelerato la corsa verso la transizione energetica che oggi stiamo vivendo.

Oggi CAP rinnova il proprio impegno in questo senso attraverso un ambizioso piano di investimenti in economia circolare, ricerca e sviluppo e maggiore efficienza per le proprie infrastrutture e per tutto il territorio su cui opera.


L’obiettivo è quello di sviluppare progetti innovativi capaci di:
  1. integrare la gestione sostenibile di acqua, rifiuti ed energia
  2. adottare le migliori tecnologie digitali al servizio dei processi industriali
  3. sviluppare processi per il recupero delle risorse e il risparmio energetico in ottica green

In questo quadro si inserisce il piano di investimenti pari a 200 milioni di euro per la realizzazione di ben 44 progetti nell’area della Città metropolitana di Milano, che ha come obiettivo di:

  • minimizzare le perdite sugli oltre 6 400 km della rete idrica
  • migliorare la qualità dell’acqua erogata e depurata
  • potenziare ed efficientare gli oltre 6 600 km della rete fognaria
  • realizzare progetti di economia circolare e ridurre drasticamente la dipendenza energetica e le emissioni climalteranti

Il piano ha un orizzonte quadriennale (2022-2025) e sarà attuato anche grazie al finanziamento pari a 100 milioni di euro da parte della Banca Europea per gli Investimenti (BEI), al fine di migliorare la copertura, la qualità e la resilienza dei servizi idrici integrati nel territorio del milanese.

 

Gelsomina Vigliotti, Vice Presidente BEI spiega

La BEI, come Banca del Clima dell’UE, è uno dei maggiori finanziatori del settore idrico a livello mondiale. Grazie a questo Green Loan, Gruppo CAP potrà migliorare ulteriormente la qualità dell’acqua erogata e depurata e potenzierà la rete fognaria a beneficio di oltre due milioni di cittadini lombardi, con un’attenzione particolare alla sostenibilità, all’ azione climatica e alla cura dell’ambiente”. 


Secondo Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo CAP

Questo finanziamento ci consentirà di perseguire con ancora maggiore impegno e decisione gli obiettivi identificati nel nostro piano di Sostenibilità. Secondo 3 ambiti d’azione principali per rispondere alle principali sfide di sostenibilità di oggi e del prossimo futuro: l’economia circolare, per recuperare materiali ed energia dai rifiuti, ridurre le emissioni e l’utilizzo di energia da fonti non rinnovabili; la protezione della risorsa idrica riducendo le inefficienze e migliorando la qualità dell’acqua erogata, e il miglioramento della resilienza del territorio che serviamo”.

Questo piano di investimenti non esaurisce l’impegno di Gruppo CAP. Costituisce piuttosto un importante contributo allo sviluppo del piano industriale 2022-2025 che da solo vale 450 milioni di euro, oltre 100 milioni ogni anno. Il piano di investimenti finanziato da BEI prevede la realizzazione di:

  • 20 opere nell’ambito dell’acquedotto
  • 14 nell’ambito della rete fognaria
  • 9 in ambito depurazione e 1 per altre attività idriche

Interventi essenziali per:
  • gestire le acque meteoriche e aumentare la resilienza del sistema a fronte dei cambiamenti climatici
  • ottimizzare il processo per la riduzione dei consumi energetici e dei fanghi di depurazione
  • proseguire sul fronte del recupero di energia dagli scarti con progetti come la Biopiattaforma di Sesto San Giovanni. La Biopiattaforme è il nuovo impianto che combina termovalorizzatore e depuratore e che rappresenta il primo esempio in Italia di simbiosi industriale a zero emissioni di Co2.

Il finanziamento a Gruppo CAP è tra i primi Green Loans (Prestiti Verdi) della BEI nel settore idrico in Italia. La BEI è la Banca del Clima dell’UE, nonché uno dei maggiori finanziatori del settore idrico a livello mondiale, con più di 1.600 progetti e quasi 79 di euro miliardi di finanziamenti erogati. Nel 2021, la BEI ha finanziato progetti idrici per circa 1,63 miliardi, contribuendo a fornire un migliore accesso all’acqua potabile per circa 10 milioni di persone.

 

Gruppo CAP

Gruppo CAP è la realtà industriale che gestisce il servizio idrico integrato sul territorio della Città metropolitana di Milano secondo il modello in house providing, cioè garantendo il controllo pubblico degli enti soci nel rispetto dei principi di trasparenza, responsabilità e partecipazione. Attraverso un know how ultradecennale e le competenze del proprio personale coniuga la natura pubblica della risorsa idrica e della sua gestione con un’organizzazione manageriale del servizio idrico in grado di realizzare investimenti sul territorio e di accrescere la conoscenza attraverso strumenti informatici. Per dimensione e patrimonio Gruppo CAP si pone tra le più importanti monoutility nel panorama nazionale. Nel 2022 si è aggiudicato il premio Top Utility Ten Years come Utility italiana più premiata negli ultimi dieci anni.  

 


Leggi anche

La costruzione e l’entrata in funzione dell’impianto hanno permesso ai comuni di Gavardo, Villanuova sul Clisi e Vallio Terme, in provincia di Brescia, di uscire dall’infrazione comunitaria. Insieme al depuratore, che ha consentito la dismissione di due impianti ormai obsoleti e sottodimensionati, il gestore ha realizzato anche nuovi collettori fognari per il trasporto dei reflui a trattamento dell’estensione dotale di 4 km. L’investimento per le opere è stato di 17,2 milioni …

Leggi tutto…

Al via a marzo i lavori, della durata di quattro anni, per la costruzione del nuovo grande collettore fognario, che convoglierà reflui e acque meteoriche al depuratore di Castiglione Torinese. Una mega opera, fondamentale per la città e 20 comuni metropolitani, che sarà composta da condotte di 3,2 metri di diametro e si estenderà per 14 chilometri. Per la sua costruzione è stato previsto un investimento di 140 milioni di euro…

Leggi tutto…

Partirà a breve il primo stralcio dei lavori per la costruzione del nuovo impianto che servirà i comuni di Follina, Cison di Valmarino e Miane, in provincia di Treviso. Il depuratore avrà inizialmente una capacità di trattamento pari a 2500 abitanti equivalenti, che sarà portata poi a 5000 e infine a 7500. Il costo complessivo dell’opera è di 2,1 milioni di euro …

Leggi tutto…

I lavori di ammodernamento e potenziamento hanno riguardato l’intero impianto, la cui capacità di trattamento è stata portata a 116.000 abitanti equivalenti e dotato di tecnologie all’avanguardia. Cuore dell’intervento il rifacimento del trattamento biologico. Un’opera del valore di 25 milioni di euro che pone fine alla procedura comunitaria in atto dal 2009

Leggi tutto…

Il gestore idrico della provincia di Monza e Brianza ha ottenuto un green loan di 55 milioni di euro dalla Banca Europea per gli Investimenti. Le risorse saranno impiegate per realizzare 85 chilometri di reti acquedottistiche e 16 chilometri di nuove condutture fognarie, oltre a diversi altri interventi per mettere il territorio in sicurezza dagli effetti dei cambiamenti climatici…

Leggi tutto…