Per la nuova illuminazione Rimini si affida a Hera Luce

Rimini si affida a Hera Luce per la gestione dell’illuminazione pubblica. La giunta comunale ha approvato la proposta per l’affidamento in concessione del servizio attraverso la formula del project financing.

Il progetto di fattibilità tecnica ed economica scelto, tra i quattro presentati, è quello della società del Gruppo Hera. Riguarda la progettazione e la realizzazione degli interventi di miglioramento dell’efficienza energetica e di adeguamento degli impianti di illuminazione presenti sull’intero territorio comunale.

La proposta comprende:

  • oltre alla gestione, la conduzione e la manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti (inclusi i semafori)
  • la fornitura di energia elettrica
  • lo sviluppo di tecnologie per l’illuminazione sempre più sostenibili, anche con l’impiego di modelli smart e predittivi che consentano di pianificare l’illuminazione pubblica in base alle caratteristiche del territorio
     
Un grande risparmio energetico

La proposta di Hera Luce si caratterizza, oltre che per la regolazione dei livelli minimi di luminosità in tutte le aree della città, per il notevole risparmio energetico che garantirà. Ciò grazie alla qualità delle performance assicurate dalla tecnologia led dei corpi illuminanti che saranno installati di quelli esistenti. Il loro impiego consentirà di risparmiare oltre 8,6 milioni di kWh annui, riducendo i consumi elettrici del 62% rispetto al consumo annuale di riferimento.

La concessione avrà una durata di 25 anni, con un canone annuo di 4 milioni di euro, in linea con quanto attualmente il Comune spende per l’illuminazione.
 

Verso la smart city

La riqualificazione strutturale del sistema di illuminazione verrà realizzato nei primi 4 anni. Durante questo periodo, oltre a procedere con l’adeguamento degli impianti, verranno introdotte alcuni innovazioni. Queste novità consentiranno l’implementazione di servizi di smart city, altro punto di forza del progetto. Servizi che includono:

  1. il telecontrollo dei punti luce
  2. l’ampliamento del sistema di videosorveglianza e lettura targhe
  3. l’illuminazione architetturale per valorizzare monumenti, sensori per analisi del traffico

Inoltre, verranno ristrutturati gli impianti semaforici telecontrollati, installati dispositivi per il monitoraggio dei principali parametri ambientali e sistemi di alert per allagamento sottopassi.

Nei prossimi mesi il Comune provvederà alla pubblicazione di un bando di gara che includerà tutte le caratteristiche della proposta scelta di project financing. 
 

Un servizio essenziale per la collettività

Molto soddisfatto per la scelta l’assessore ai Lavori pubblici di Rimini, Mattia Morolli. «Stiamo parlando di un servizio essenziale per la collettività con notevoli ricadute sul comfort abitativo di una città, sulla sicurezza stradale, la valorizzazione del patrimonio ambientale e naturale – ha commentato l‘assessore -. Una città che diventa sempre più smart. Benefici sociali che prevedono un elevato livello di innovazione a vantaggio dell’intera collettività, dell’economia e dell’ambiente. Il primo e più importante chiaramente riguarda proprio l’impatto positivo sull’ambiente, la riqualificazione dell’impianto di pubblica illuminazione ci consentirò infatti di ridurre il consumo di energia con una conseguente riduzione dell’emissione di CO2 in atmosfera».

 


Leggi anche

La transizione energetica pone sfide nuove che vanno affrontate con competenze nuove e distintive. Per favorire questa evoluzione culturale del proprio personale è nato il nuovo centro di formazione e ricerca di Terna, con un’offerta strutturata su tre grandi aree tematiche: Transizione energetica, Sostenibilità e New ways of working. A garantire il massimo rigore e l’alta qualità della formazione un Comitato scientifico di alto livello…

Leggi tutto…

CHAIN2

Partecipa al webinar “Smart Metering e Chain2: la chiave di accesso alle comunità energetiche e alla ricarica dei veicoli elettrici” che si terrà il prossimo 21 luglio dalle ore 11:00 alle 12:30. Durante l’evento parleremo di: inquadramento normativo CHAIN2 e regolatori, esempi di applicazione della CHAIN2, l’esperienza della CHAIN2 nel progetto di autoconsumo collettivo condominiale EvoNaRse, la CHAIN2 a supporto delle smart appliances nell’home energy management….

Leggi tutto…

La società, partecipata dal Comune di Palermo, che gestisce la distribuzione gas, i servizi energetici e l’illuminazione pubblica in città, ha chiuso il 2021 con un utile di 827.000 euro, il miglior risultato degli ultimi 5 anni. Adesso punta a rinnovare i contratti con l’amministrazione comunale, puntando su efficienza e transizione energetica, mentre in ambito gas lavora a un progetto sull’idrogeno…

Leggi tutto…

Firmato dal ministro Roberto Cingolani il decreto 150 del 2022, che mette a disposizione dei gestori delle reti di trasmissione e di distribuzione elettrica mezzo miliardo di euro a fondo perduto per sviluppare progetti che ne incrementino la resilienza contro i cambiamenti climatici. Il 40% delle risorse è destinato a interventi da realizzare in otto regioni meridionali …

Leggi tutto…

Tovo, Mazzo di Valtellina e Lovero hanno scelto di dotarsi di un sistema di teleriscaldamento alimentato a biomassa legnosa per il loro approvvigionamento di energia termica. Un progetto 100% green, che sfrutterà la biomassa derivante dalla gestione dei boschi, rendendo le tre località indipendenti dalle fonti fossili e promuovendo l’economia circolare. A supportarli nel progetto FIPER e il Politecnico di Milano come partner tecnico….

Leggi tutto…