Piave Servizi ha completato il relining dell’adduttrice tra Conegliano e San Vendemiano

Piave Servizi ha portato a termine l’importante intervento di risanamento del tratto di adduttrice idrica compreso tra Conegliano e San Vendemiano, in provincia di Treviso. I lavori hanno interessato una porzione di infrastruttura dell’estensione di oltre tre chilometri che si sviluppa tra località Monticella, nel territorio di Conegliano, e la frazione Saccon nel comune di San Vendemiano.

Il problema delle consistenti rotture che si verificavano sulle condotte ha reso necessario intervenire per dare soluzione definitiva in un ambito dove l’elevato numero di riparazioni e le difficoltà d’intervento rendevano sempre più precaria e vulnerabile la rete.

Per la sistemazione delle condotte, l’azienda, che gestisce il ciclo idrico in 39 comuni veneti, ha optato per l’impiego di una tecnologia no-dig, ovvero senza scavo. Nello specifico, l’intervento è stato eseguito con la tecnica del relining strutturale: nella tubazione ammalorata è stato inserito un tubolare sintetico con rinforzo in kevlar, dotato di grande resistenza e duttilità. Grazie alla sua flessibilità e al ridotto spessore, questo tipo di tubolare è particolarmente indicato per la riabilitazione di tronchi molto lunghi, con curve e pressioni elevate, come nel caso in questione. Il ricorso alla tecnologia no-dig ha consentito il ripristino definitivo della condotta, sia in termini di resistenza meccanica sia di tenuta idraulica, riducendo al minimo i disagi connessi alle fasi operative del cantiere.


Leggi anche

Partirà a metà settembre il secondo lotto dei lavori di rispristino dell’infrastruttura idrica a servizio del comune della provincia di Oristano. L’intervento costa 4 milioni di euro e interessa 6 chilometri di condotte dal partitore di Barrasumene alla diga di Monte Crispu. Il tratto è parecchio problematico per via del terreno molto impervio; inoltre, ricade in un territorio soggetto a vincoli ambientali: da qui la scelta del ricorso alla tecnica no-dig…

Leggi tutto…

L’opera permetterà di convogliare i reflui provenienti dai comuni di Morrovalle, Montecosaro e parte di Civitanova Marche, in provincia di Macerata, al depuratore di Civitanova, eliminando gli scarichi diretti nel fiume Chienti. L’opera ha richiesto la posa di quasi 4 chilometri di nuove condotte in PVC, in sostituzione di quelle ammalorate, e il recupero di circa 500 m di vecchie condotte per una spesa di 2 milioni di euro…

Leggi tutto…

Il Governo ha individuato gli interventi prioritari e i criteri di utilizzo del Fondo destinato al potenziamento delle infrastrutture idriche su tutto il territorio nazionale. Priorità all’uso potabile e alle opere previste dal Piano nazionale idrico, agli interventi non ancora finanziati e avviati, ma necessari per l’adeguamento delle infrastrutture ai parametri di qualità tecnica fissati da Arera…

Leggi tutto…

Con la realizzazione del terzo lotto dei lavori nell’area di Osmannoro, e l’eliminazione degli scarichi diretti nell’omonimo Fosso, tutti i reflui del comune fiorentino sono ora collettati al depuratore di San Colombano. L’ultimo intervento, appena concluso, è stato realizzato con un investimento di 3 milioni di euro e ha visto la posa di 6 chilometri di nuove condotte …

Leggi tutto…

Aggiudicato all’impresa cagliaritana InCo il maxi appalto per l’efficientamento delle reti di distribuzione a servizio dei comuni di Sorso, Sennori, Valledoria, Santa Maria Coghinas, Tergu e Viddalba. L’opera del valore di 3,6 milioni di euro prevede la sostituzione di oltre 15 chilometri delle vecchie condotte di distribuzione, ormai ammalorate, e il rifacimento degli allacci d’utenza…

Leggi tutto…