Piave Servizi ha completato il relining dell’adduttrice tra Conegliano e San Vendemiano

Piave Servizi ha portato a termine l’importante intervento di risanamento del tratto di adduttrice idrica compreso tra Conegliano e San Vendemiano, in provincia di Treviso. I lavori hanno interessato una porzione di infrastruttura dell’estensione di oltre tre chilometri che si sviluppa tra località Monticella, nel territorio di Conegliano, e la frazione Saccon nel comune di San Vendemiano.

Il problema delle consistenti rotture che si verificavano sulle condotte ha reso necessario intervenire per dare soluzione definitiva in un ambito dove l’elevato numero di riparazioni e le difficoltà d’intervento rendevano sempre più precaria e vulnerabile la rete.

Per la sistemazione delle condotte, l’azienda, che gestisce il ciclo idrico in 39 comuni veneti, ha optato per l’impiego di una tecnologia no-dig, ovvero senza scavo. Nello specifico, l’intervento è stato eseguito con la tecnica del relining strutturale: nella tubazione ammalorata è stato inserito un tubolare sintetico con rinforzo in kevlar, dotato di grande resistenza e duttilità. Grazie alla sua flessibilità e al ridotto spessore, questo tipo di tubolare è particolarmente indicato per la riabilitazione di tronchi molto lunghi, con curve e pressioni elevate, come nel caso in questione. Il ricorso alla tecnologia no-dig ha consentito il ripristino definitivo della condotta, sia in termini di resistenza meccanica sia di tenuta idraulica, riducendo al minimo i disagi connessi alle fasi operative del cantiere.


Leggi anche

È stato presentato il progetto della nuova adduttrice che garantirà la continuità del servizio idrico alla città di Ascoli Piceno e alla bassa valle del Tronto. Il nuovo acquedotto sostituirà quello esistente, risalente agli anni Cinquanta, le cui vulnerabilità sono state fortemente accentuate dagli eventi sismici del 2016 e 2017. Per la sua costruzione l’investimento previsto è di 35,1 milioni di euro…

Leggi tutto…

Gli interventi del valore complessivo di 3,2 milioni di euro interesseranno i comuni di Martignano e Nardò, in provincia di Lecce. A Martignano saranno posati 7,5 chilometri di nuovi tronchi fognari e sarà prolungata una condotta di distribuzione dell’acqua. A Nardò saranno completate le reti idriche e fognarie a servizio della frazione di Pagani, con la realizzazione di, rispettivamente, 3,5 e 3 chilometri di tubazioni …

Leggi tutto…

Approvato dal Consiglio di amministrazione, il documento al 2023 destina la maggior parte delle risorse, circa 1,9 miliardi, all’estensione, ammodernamento ed evoluzione tecnologica delle reti, con una quota significativa stanziata per il rinnovo dei misuratori. A fine quinquennio previsto un margine operativo lordo di 1,25 miliardi, in aumento di 219 milioni rispetto al 2018…

Leggi tutto…

Progettata da Risorse idriche, società di ingegneria del gruppo Smat, l’infrastruttura avrà un’estensione di oltre 14 chilometri e servirà il capoluogo piemontese e 20 comuni della sua area metropolitana sud. Un’opera dal costo di 120 milioni di euro che incrementerà la capacità idraulica del sistema per fronteggiare il notevole aumento delle portate miste effetto dei cambiamenti climatici…

Leggi tutto…

Previsti nel budget appena approvato dall’assemblea dei sindaci, gli investimenti saranno dedicati in gran parte al settore acquedotto, con interventi per 23 milioni, mentre la quota restante agli interventi su fognature e impianti di depurazione. Nel complesso, il budget prevede a fine 2020 un valore della produzione pari a 86.466.200 euro e costi della produzione per 83.959.334 euro…

Leggi tutto…