Piave Servizi sceglie il No-dig per la riqualificazione di una dorsale idrica

Sarà realizzato con le tecnologie No-dig il restyling dell’infrastruttura idrica che collega San Vendemiano e Conegliano, in provincia di Treviso. Più nello specifico la tecnica scelta da Piave Servizi, il gestore del ciclo idrico del Consiglio di Bacino “Veneto Orientale”, è ricaduta sul relining per la riabilitazione idrica dei tre chilometri di condotte che da anni richiedono costanti interventi di riparazione.

Una soluzione scelta perché efficace e conveniente che permette di riabilitare le condotte azzerando i disagi per la viabilità e abbattendo i costi di realizzazione.

«Quella in via di realizzazione fra Conegliano e San Vendemiano è un’opera importante a cui Piave Servizi teneva in modo particolare perché permette di riqualificare una struttura fondamentale per i residenti dei due comuni riducendo al massimo i disagi e le difficoltà – ha commentato il presidente di Piave Servizi, Alessandro Bonet, presentando l’intervento –. Grazie a questa tecnica all’avanguardia, salvaguarderemo l’infrastruttura esistente, migliorandone la qualità e la resistenza. Un’ulteriore conferma della costante attenzione di Piave Servizi verso l’innovazione e il progresso».

Per questo intervento Piave Servizi utilizza un tubo sintetico molto flessibile che permette una grande duttilità nelle curve e che soprattutto garantisce grande resistenza. La particolare tipologia costruttiva lo rende perfetto per l’uso in tubi a pressione. La flessibilità e lo spessore estremamente ridotto del materiale ne consentono l’uso per la riabilitazione di tronchi particolarmente lunghi, con curve e pressioni elevate, come quelli compresi proprio nell’area fra Conegliano e San Vendemiano.


Leggi anche

Prenderà via a metà febbraio l’intervento di manutenzione straordinaria dell’infrastruttura che si estende per 2,5 km e convoglia i reflui al depuratore di Monza. L’opera, resasi necessaria per il deterioramento delle condotte, in esercizio da oltre 90 anni, sarà effettuata con la tecnica del relining interno, con una spesa di 3 milioni di euro…

Leggi tutto…

Il gestore del servizio idrico del Lazio meridionale utilizzerà la tecnologia no-dig per realizzare un attraversamento ferroviario e della via Appia nell’ambito dei lavori, che sta concludendo, di ammodernamento ed estensione della rete fognaria nei quartieri C8 e C9 del comune in provincia di Latina. Inoltre, provvederà anche alla sostituzione di 900 metri di condotte idriche, ormai obsolete …

Leggi tutto…

L’intervento programmato dal gestore idrico della provincia di Caltanissetta prevede la posa di 2,2 chilometri di nuove condotte e la sostituzione di oltre 540 metri di rete esistente per garantire l’approvvigionamento dell’area di Santa Caterina, ora servita con autobotti. Per ridurre l’impatto dei lavori verranno adottate la tecnica del tubo dentro tubo e altre soluzioni trenchless ora al vaglio…

Leggi tutto…

Anche quest’anno Gruppo CAP sarà presente a Ecomondo, per presentare i progetti e le sperimentazioni più recenti e per rendere trasparenti e tangibili i risultati che si possono raggiungere in termini di innovazione per la tutela dell’ambiente. Alla fiera leader della circular e green economy, lo stand di Gruppo CAP è nel padiglione D1 – Global Water Expo – corsia 2, stand 34

Leggi tutto…

In meno di due settimane lavorative l’azienda ha concluso la sostituzione di un tratto di rete idrica ammalorata sulle rive della città. Le vecchie tubazioni sono state sfilate dalla condotta esistente in ghisa e al loro posto inserite tubazioni multistrato in Pe, con strato intermedio di alluminio, per proteggerle da eventuali infiltrazioni di acqua di mare …

Leggi tutto…