Più investimenti e ricavi per Lario Reti Holding nel 2020

Approvato dall’Assemblea degli azionisti il bilancio 2020 di Lario Reti Holding. Un anno, il quinto per la società come gestore del ciclo idrico in tutta la provincia di Lecco, importante per investimenti e risultati ottenuti.

 

Investimenti per quasi 30 milioni

Le risorse impiegate lo scorso anno sono state pari a 29,7 milioni di euro, in crescita del 23% rispetto al 2019. Gli investimenti effettuati nelle attività relative al Piano d’Ambito hanno toccato gli 11,7 milioni:

  • 1,7 milioni andati all’acquedotto
  • 3,2 milioni alla rete fognaria
  • 6,8 milioni agli impianti di depurazione

Agli investimenti sostenuti per queste attività si affiancano:  

  •  2,5 milioni per la ricerca delle perdite 
  • 10,1 milioni agli interventi di manutenzione

Importanti risorse, per un totale di 5,1 milioni, sono poi state dedicate all’evoluzione tecnologica dell’infrastrutture e della gestione. Tra questi investimenti spiccano quelli dedicati al piano di sostituzione dei misuratori:

  • 2 milioni per la telelettura dei consumi 
  • 1,4 milioni ai sistemi informativi, cartografici e di telecontrollo degli impianti

 

I traguardi raggiunti

Significativi anche i risultati conseguiti nel corso del 2020. Come l’ottenimento dell’autorizzazione allo scarico per il depuratore di Lecco, che mancava da 20 anni. Il potenziamento degli impianti di depurazione di Premana e di Ballabio. La conclusione delle opere di collettamento della fognatura nel centro storico di Mandello del Lario, fondamentale per impedire scarichi diretti a lago. L’avvio dei lavori di potenziamento del depuratore di Valmadrera, propedeutico al collettamento degli scarichi fognari da Oliveto Lario.

 

Nuove risorse da investire

Ottime anche le performance economiche registrate dalla società. I ricavi conseguiti ammontano a 52 milioni di euro e sono costituiti prevalentemente dalla tariffa del servizio idrico. L’utile netto d’esercizio si attesta a 5,3 milioni di euro, cifra che risente positivamente dell’apporto dei dividendi erogati dalla partecipazione detenuta in Acsm-Agam, per 3,8 milioni.

Utili che saranno destinati a nuovi investimenti nel comparto idrico. Ma per quanto riguarda i prossimi anni, a dare supporto alla capacità di investimento della società, oltre ai risultati positivi degli ultimi anni, ci saranno risorse aggiuntive. Quelle, pari a 50 milioni di euro, provenienti dal finanziamento che Lario reti Holding ha richiesto alla Banca Europea degli Investimenti a luglio dello scorso anno.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 

 


Leggi anche

AqA – nata il primo aprile del 2021 dalla fusione di Tea Acque e AqA Mantova, è il nuovo gestore del servizio idrico integrato di oltre 300mila abitanti in 40 comuni della provincia di Mantova. Una società giovane, con radici solide, che vede nel 2022 la realizzazione di numerosi progetti nati negli scorsi anni, con la vocazione, fortissima, all’efficienza ambientale e all’efficienza operativa….

Leggi tutto…

AqA dal primo aprile di quest’anno è il nuovo gestore del servizio idrico integrato di oltre 300mila abitanti in 40 comuni della provincia di Mantova. La Società del Gruppo Tea nasce dalla fusione di Tea Acque e AqA Mantova. È un progetto che parte da lontano in cui la fusione tra le due anime idriche di Tea ha l’obiettivo di ottimizzare l’organizzazione del servizio in sé, ma anche di compiere un lungo passo in avanti nella direzione del gestore unico provinciale, di cui AqA è società veicolo come definito dagli enti competenti….

Leggi tutto…

Sarà realizzato con la tecnologia del microtunnelling il primo tratto del nuovo collettore fognario che il gestore realizzerà nella città e che consentirà di collegare un pezzo del centro storico ancora privo del servizio fognario al depuratore. La prima parte dei lavori prevede la posa di 500 metri di condotte, per una spesa di 2,5 milioni di euro…

Leggi tutto…

Il gestore idrico lucano, dopo aver concluso all’inizio dell’anno l’ammodernamento dell’impianto Pantano, ha dato il via al potenziamento del secondo impianto a servizio della città dei Sassi, che sorge in località Sarra. Il depuratore sarà dotato di impianto a ossidazione biologica e sarà adeguata sia la linea acque sia quella fanghi e la sua capacità portata a 27.500 abitanti. L’investimento per le opere è di 2,5 milioni di euro…

Leggi tutto…

L’intervento di abbattimento è l’atto simbolico che dà il via alla transizione ecologica del vecchio impianto, che verrà sostituito da quello totalmente carbon neutral e di nuova concezione che entrerà in funzione nella primavera del 2023. L’intera operazione è stata realizzata da Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano e da ZEROC, la nuova società che gestirà le attività della Biopiattaforma…

Leggi tutto…