Più investimenti e ricavi per Lario Reti Holding nel 2020

Approvato dall’Assemblea degli azionisti il bilancio 2020 di Lario Reti Holding. Un anno, il quinto per la società come gestore del ciclo idrico in tutta la provincia di Lecco, importante per investimenti e risultati ottenuti.

 

Investimenti per quasi 30 milioni

Le risorse impiegate lo scorso anno sono state pari a 29,7 milioni di euro, in crescita del 23% rispetto al 2019. Gli investimenti effettuati nelle attività relative al Piano d’Ambito hanno toccato gli 11,7 milioni:

  • 1,7 milioni andati all’acquedotto
  • 3,2 milioni alla rete fognaria
  • 6,8 milioni agli impianti di depurazione

Agli investimenti sostenuti per queste attività si affiancano:  

  •  2,5 milioni per la ricerca delle perdite 
  • 10,1 milioni agli interventi di manutenzione

Importanti risorse, per un totale di 5,1 milioni, sono poi state dedicate all’evoluzione tecnologica dell’infrastrutture e della gestione. Tra questi investimenti spiccano quelli dedicati al piano di sostituzione dei misuratori:

  • 2 milioni per la telelettura dei consumi 
  • 1,4 milioni ai sistemi informativi, cartografici e di telecontrollo degli impianti

 

I traguardi raggiunti

Significativi anche i risultati conseguiti nel corso del 2020. Come l’ottenimento dell’autorizzazione allo scarico per il depuratore di Lecco, che mancava da 20 anni. Il potenziamento degli impianti di depurazione di Premana e di Ballabio. La conclusione delle opere di collettamento della fognatura nel centro storico di Mandello del Lario, fondamentale per impedire scarichi diretti a lago. L’avvio dei lavori di potenziamento del depuratore di Valmadrera, propedeutico al collettamento degli scarichi fognari da Oliveto Lario.

 

Nuove risorse da investire

Ottime anche le performance economiche registrate dalla società. I ricavi conseguiti ammontano a 52 milioni di euro e sono costituiti prevalentemente dalla tariffa del servizio idrico. L’utile netto d’esercizio si attesta a 5,3 milioni di euro, cifra che risente positivamente dell’apporto dei dividendi erogati dalla partecipazione detenuta in Acsm-Agam, per 3,8 milioni.

Utili che saranno destinati a nuovi investimenti nel comparto idrico. Ma per quanto riguarda i prossimi anni, a dare supporto alla capacità di investimento della società, oltre ai risultati positivi degli ultimi anni, ci saranno risorse aggiuntive. Quelle, pari a 50 milioni di euro, provenienti dal finanziamento che Lario reti Holding ha richiesto alla Banca Europea degli Investimenti a luglio dello scorso anno.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 

 


Leggi anche

Brescia e Bergamo non sono alleate solo come capitali della Cultura, ma anche per l’ambiente. A Paratico si sono infatti conclusi i lavori di ampliamento e ristrutturazione del depuratore intercomunale, che colletta ventisei comunità locali tra i due territori. Fra le novità più rilevanti l’ampliamento a 90mila abitanti serviti e l’impiego di nuove tecnologie….

Leggi tutto…

Ha un valore di 9 milioni di euro il complesso di opere pianificate dal gestore idrico del Lazio Centrale per la cittadina del litorale romano. Questo prevede la realizzazione di una nuova rete fognaria a servizio della frazione di Perazzeta e una serie di interventi finalizzati all’ammodernamento degli impianti di depurazione e alla riqualificazione delle condotte fognarie esistenti….

Leggi tutto…

Iniziati i lavori per la costruzione dell’impianto, indispensabile per soddisfare i bisogni di un territorio in forte espansione. Il nuovo depuratore avrà una capacità di 8.000 abitanti equivalenti, più del doppio rispetto a quello esistente, che sarà dismesso. Sarà pronto entro la metà del prossimo anno e per la sua costruzione il gestore idrico ha previsto un investimento di 4 milioni di euro….

Leggi tutto…

Con un investimento di 16 milioni di euro, il gestore idrico ha ammodernato l’impianto che, oltre al capoluogo, serve le frazioni di Casalecci e Principina a Terra. Focus del progetto l’upgrade della linea fanghi, in modo da ridurne la quantità da smaltire in discarica. Inoltre, grazie alle altre tecnologie implementate, il sistema è stato reso autosufficiente sul piano energetico….

Leggi tutto…

Il gestore idrico sardo ha siglato i contratti con le imprese vincitrici del bando per la conduzione e manutenzione di 339 depuratori, 898 impianti di sollevamento fognari e 41 sistemi di pretrattamento. I contratti, del valore di 250 milioni di euro, prevedono anche una serie di interventi per rendere gli impianti più efficienti e sostenibili, con l’obiettivo di far compiere un ulteriore salto di qualità alla depurazione nell’isola…

Leggi tutto…